Archivi del giorno: 27 gennaio 2019

Arbitro insulta il portiere senegalese:


La foto di Gueye Ass Dia sul sito del Serino Calcio

“Zitto negro”. Il presidente del Serino ritira la squadra

articolo: https://www.lastampa.it/2019/01/27/italia/arbitro-insulta-il-portiere-senegalese-zitto-negro-il-presidente-del-serino-ritira-la-squadra-9OV2GfohLvyRAA8ZSyRNQM/pagina.html

Pubblicato il 27/01/2019

Ultima modifica il 27/01/2019 alle ore 14:32

Fermare per un giorno il campionato di calcio di promozione, almeno per il girone C, e «fare pulizia» rispetto a «certe persone». È così che il presidente del Serino Calcio Donato Trotta chiede di rispondere a un episodio che ritiene «gravissimo» accaduto ieri durante la partita con il Real Sarno, un insulto razzista da parte dell’arbitro. La gara è stata sospesa al 64’, quando la squadra di casa ha abbandonato il campo dopo aver subito quattro espulsioni.

Il Serino in vantaggio per due reti, subisce un gol dagli ospiti ma il guardalinee segnala un fallo sul portiere del Serino, che farebbe annullare il gol. Ma l’arbitro convalida la rete. A questo punto il portiere, Gueye Ass Dia, un giovane senegalese, chiede spiegazioni al direttore di gara, che per tutta risposta lo apostrofa dicendo «Zitto, negro» e lo espelle. Protesta in difesa del compagno un difensore del Serino e viene espulso anche lui. Interviene il direttore sportivo e scatta un altro cartellino rosso. Alla fine della bagarre anche l’allenatore del Serino viene espulso. continua a leggere

Milano, Cimento d’inverno


L'immagine può contenere: una o più persone, scarpe e spazio all'aperto

Milano, la partenza del Cimento d’inverno. Temperatura esterna: 2 gradi; temperatura dell’acqua: 6 gradi.

antica tradizione iniziata a Milano nel 1895 e interrotta nel 1960 circa. Sabato 26 e domenica 27 gennaio 2019 a riportarlo in auge è la Canottieri San Cristoforo: 100 ardimentosi si tuffano nelle gelide acque del Naviglio Grande di Milano all’altezza di San Cristoforo, fedeli al motto: Cento per il Cimento!

Addio a Michel Legrand, il compositore francese 3 volte premio Oscar


Risultati immagini per Michel Legrand

Michel Legrand (Parigi, 24 febbraio 1932 – Parigi, 26 gennaio 2019) è stato un compositore, pianista e arrangiatore francese di musica jazz, pop e di colonne sonorecinematografiche.

È morto a Parigi a 86 anni. Nel corso della sua carriera ha lavorato con i più grandi: da Sinatra a Edith Piaf

articolo: https://www.lapresse.it/spettacoli/musica_morto_compositore_francese_michel_legrand_aveva_86_anni-1077241/news/2019-01-26/

Il compositore di musica francese Michel Legrand è morto nella notte a Parigi all’età di 86 anni. Nel corso di una carriera di oltre 50 anni che gli è valsa una fama mondiale e tre Oscar per le sue colonne sonore, Legrand ha lavorato con i più grandi, tra cui Ray Charles, Orson Welles, Jean Cocteau, Frank Sinatra, Charles Trenet ed Edith Piaf.

MICHEL LEGRAND – I WILL WAIT FOR YOU – LES PARAPLUIES DE CHERBOURG

festival del jazz di Montreal – 2001 – Michel Legrand piano – drum RAY BRINKER – bass ERIC LAGACE’ – sax alto PHIL WOOD

Morto Giuseppe Zamberletti, padre della Protezione civile in Italia


Immagine correlata

Giuseppe Zamberletti (Varese, 17 dicembre 1933 – Varese, 26 gennaio 2019) è stato un politico italiano, considerato il padre fondatore della moderna protezione civile italiana.

articolo: https://www.quotidiano.net/cronaca/giuseppe-zamberletti-protezione-civile-1.4410805

Varese, 26 gennaio 2018  – E’ morto Giuseppe Zamberletti, il padre della protezione civile italiana. Aveva 85 anni ed era da tempo malato. Si è spento nell’ospedale di Varese dove era ricoverato. 

Il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, lo ricorda: “Oggi la Protezione civile non perde solo il suo fondatore ma anche un amico, un maestro, una guida. Questo è stato in questi anni per tutti noi e per i tanti volontari italiani”. continua a leggere

Dipartimento Protezione Civile
@DPCgov

La è una grande famiglia che oggi perde il suo padre fondatore. Grazie presidente ➡️ http://bit.ly/Zamberletti27 

Milan-Napoli, cori razzisti a San Siro contro i napoletani dalla curva rossonera


articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2019/01/26/news/milan-napoli_cori_razzisti_a_san_siro_contro_i_napoletani_dalla_curva_rossonera-217553190/

Milan-Napoli, cori razzisti a San Siro contro i napoletani dalla curva rossonera

Doveva essere la partita del riscatto di San Siro nei confronti dei tifosi napoletani, dopo gli insulti razzisti al giocatore Kalidou Koulibaly durante Inter-Napoli del 26 dicembre, episodio che è costato la chiusura dello stadio per due turni. E invece la sfida Milan-Napoli è iniziata con i cori dei rossoneri contro gli azzurri.

“Noi non siamo napoletani”, “Senti che puzza, scappano anche i cani, stanno arrivando i napoletani”, “Napoli m…, Napoli colera, sei la rovina dell’Italia intera”: la curva Sud ha tirato fuori tutto il repertorio classico del razzismo da stadio, anche se questa volta non verso un giocatore di colore ma verso i tifosi meridionali…. continua a leggere

Milan-Napoli, cori razzisti a San Siro contro i napoletani dalla curva rossonera

E in curva è apparso uno striscione dedicato a Belardinelli, “Riposa in pace Daniele”, ritirato prima del fischio di inizio.

Agg. Scontri Inter-Napoli: il video inedito dei drammatici minuti dell’agguato a San Siro

articolo e video: https://milano.repubblica.it/cronaca/2019/01/26/news/milano_inter-napoli_video_scontri-217476705/

Milano, via Novara: fumogeni, bastoni e coltelli, le immagini degli scontri di Inter-Napoli per il video premere il Link qui sopra

 

Giorno della Memoria, a Basiglio maratona per non dimenticare:


Giorno della Memoria, a Basiglio maratona per non dimenticare: 60 ore per leggere i nomi dei 30mila deportati italiani

La locandina dell’iniziativa di Basiglio

Giorno della Memoria, a Basiglio maratona per non dimenticare: 60 ore per leggere i nomi dei 30mila deportati italiani

Giorno della Memoria, a Basiglio maratona per non dimenticare: 60 ore per leggere i nomi dei 30mila deportati italiani

Una scena di Schindler’s List”

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2019/01/15/news/shoah_nel_milanese_60_ore_per_ricordare_30_632_nomi_vittime-216617165/

Per una settimana ogni giorno chiunque vorrà potrà alternarsi nella lettura dei nomi degli italiani internati nei campi di concentramento perché ebrei o perseguitati politici. La senatrice Segre agli studenti milanesi: “La Shoah sarà dimenticata”

Sessanta ore per leggere 30.632 nomi. Il 27 gennaio si celebra la 19esima Giornata della Memoria, la ricorrenza internazionale – nell’anniversario dell’ingresso delle truppe sovietiche nel campo di concentramento di Auschwitz – per ricordare le vittime dell’Olocausto. Tante sono, come ogni anno, le iniziative organizzate: e se a Milano l’anticipo è un incontro degli studenti con la senatrice a vita e sopravvissuta Liliana Segre, a Basiglio, comune alle porte di Milano, quest’anno si è deciso di coinvolgere tutti – chiunque vorrà farlo – in una maratona di lettura. “Restituisco il tuo nome” vuole ridare una identità a 6.806 cittadini ebrei e 23.826 prigionieri politici rinchiusi nei campi di concentramento tra il 1943 e il 1945: oltre 30mila italiani. continua a leggere

Milano, sui binari della Memoria per non dimenticare la Shoah

{}

Nel Giorno della Memoria, la visita al Binario 21: il Memoriale della Shoah negli spazi sottostanti alla Stazione Centrale di Milano, dove tra il 1943 e il 1945 centinaia di persone furono caricate su vagoni merci per essere deportate nei campi di concentramento e sterminio di Auschwitz–Birkenau e Bergen Belsen, o nei campi italiani di raccolta di Fossoli e Bolzano. Lì sono conservati immagini, testimonianze e gli elenchi con i nomi di tutte le persone partite per il viaggio dell’orrore verso la deportazione. 

Milano, sui binari della Memoria per non dimenticare la Shoah