Archivi del giorno: 9 gennaio 2019

Vent’anni senza Fabrizio De André. Dori Ghezzi: “Manzoni ha scritto un romanzo popolare, Faber ha cantato il popolo”


Non c’è speranza nell’uomo se non nell’amore che uccide l’odio, nella carità che uccide cupidigie, e rancori, e ingiustizie. I potenti rammentino che la felicità non nasce dalla ricchezza ne dal potere, ma dal piacere di donare. La morte è rimorso per chi non ha saputo aprirsi, in vita, alla compassione.” (Fabrizio De Andrè)

Vent'anni senza Fabrizio De André. Dori Ghezzi: "Manzoni ha scritto un romanzo popolare, Faber ha cantato il popolo"

“Benedetto Croce diceva che fino all’età dei diciotto anni tutti scrivono poesie, poi rimangono a scriverle solo due categorie di persone: i poeti e i cretini. Io precauzionalmente preferirei considerarmi un cantautore” vent’anni senza Fabrizio De André.

DE ANDRE GENOVA CON 300 RADIO SALUTANO DE ANDRE

Fabrizio Cristiano De André, noto semplicemente come Fabrizio De André (Genova, 18 febbraio 1940 – Milano, 11 gennaio 1999), è stato un cantautore italiano.

articolo: https://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2018/11/06/news/dori_ghezzi-210925130/

L’11 gennaio 1999, a Milano, moriva Faber. Ora, per i vent’anni dalla morte, il cantautore viene insignito del prestigioso premio letterario intitolato al poeta e scrittore milanese, che dà il via a una serie di celebrazioni. L’occasione giusta per parlare con la donna che gli è stata accanto fino alla fine.

I cantautori spesso vengono accostati ai poeti, e leggendo certi testi è impossibile negarne il lirismo e la qualità, spesso superiori a odi e versi vari. Ma appunto parliamo di poesia. La letteratura è un’altra cosa. Eppure ora il premio alla carriera, intitolato ad Alessandro Manzoni, l’autore letterario italiano per eccellenza, viene assegnato al cantautore italiano per eccellenza, Fabrizio De André. Anche alla memoria, certo, visto che a gennaio saranno 20 anni dalla scomparsa di Faber: il 10 novembre sarà Dori Ghezzi a ritirare il riconoscimento alla carriera (andato in passato a Luis Sepúlveda Dacia Maraini) all’Auditorium Casa dell’Economia di via Tonale, a Lecco.  continua a leggere

Salone Libro Torino, Dori Ghezzi: “Non so quali canzoni di Fabrizio siano per me”

L'immagine può contenere: una o più persone

Fabrizio De André – Hotel Supramonte (Live 29-08-1981)

Fabrizio De André – Via del campo (Live)

Fabrizio De André – Anime salve (Live)

Scontri Inter-Napoli: salgono a 23 gli indagati, accertamenti su 4 auto


articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2019/01/08/news/milano_scontri_inter-napoli_indagati-216084614/

Tutti accusati di omicidio volontario e rissa aggravata: le automobili identificate sulla base dei numeri di targa ricavati dalle immagini in possesso degli inquirenti.

Salgono a 23 gli indagati nell’inchiesta milanese sugli scontri tra ultrà interisti e napoletani del 26 dicembre scorso, che videro la morte del tifiso di Varese Daniele Belardinelli.
Per tutti l’accusa è di rissa aggravata ma anche di omicidio volontario: un passaggio tecnico che consente agli inquirenti i necessari accertamenti.
In carcere restano Marco Piovella, capo dei Boys nerazzurri che nell’interrogatorio con il gip di Milano Salvini non ha fornito elementi utili alle indagini, e i primi tifosi finiti in manette, Francesco Baj e Simone Tira. Con loro era stato arrestato Luca Da Ros che, interrogato nei giorni scorsi, ha aiutato i magistrati a identificare alcuni dei tifosi presenti alla “guerriglia urbana” di via Novara, e ora è ai domiciliari. continua a leggere

Inter-Napoli, il pericolo di scontri annunciato nell’ordine di servizio della questura

La polizia aveva avuto indicazioni precise sulla possibilità che gli ultrà del Napoli arrivassero a San Siro cercando di sfuggire ai controlli prima degli scontri in cui ha perso la vita il varesino Daniele Belardinelli

https://rep.repubblica.it/pwa/locali/2019/01/09/news/inter-napoli_il_pericolo_di_scontri_annunciato_nell_ordine_di_servizio_della_questura-216125672/

Inter, niente ricorso su San Siro ma fate entrare bimbi


Il club nerazzurro non presenterà ricorso contro la chiusura del Meazza imposta dal giudice sportivo dopo i fatti avvenuti nel match contro il Napoli, ma ha chiesto alla Federcalcio e alla Lega Nazionale di Serie A di far entrare bambine e bambini delle Scuole Calcio nerazzurre del Centro Sportivo Italiano

articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/inter/2019/01/08/news/inter_niente_ricorso_su_san_siro_ma_fate_entrare_bimbi-216109871/

MILANO – L’Inter non farà ricorso contro la chiusura per due partite dello stadio di San Siro, per i fatti della partita contro il Napoli. Il club lo ha ufficializzato in un comunicato, in cui spiega inoltre di aver chiesto alla Figc e alla Lega Serie A di poter aprire il primo anello arancio del Meazza per la gara contro il Sassuolo ai bambini delle scuole calcio nerazzurre e a ragazzi e ragazze del CSI.

FC Internazionale Milano comunica che non verrà presentato ricorso contro le decisioni assunte dal giudice sportivo della Lega Nazionale di Serie A per i fatti accaduti durante la partita Inter-Napoli dello scorso 26 dicembre”, si legge nella nota del club. Il giudice sportivo ha inflitto una sanzione di due giornate a porte chiuse (più una terza senza la Curva Nord) al club nerazzurro dopo i “buu” nei confronti di Koulibaly e i cori anti-napoletani durante la gara contro i partenopei a San Siro. continua a leggere

https://www.inter.it/it/news/91513/comunicato-ufficiale-in-vista-delle-gare-contro-benevento-e-sassuolo

COMUNICATO UFFICIALE IN VISTA DELLE GARE CONTRO BENEVENTO E SASSUOLO

Il Club non presenterà ricorso ma chiede di aprire il Primo Anello Arancio ai bambini di Scuole Calcio Inter e CSI. Ecco tutte le informazioni sul rimborso per i possessori di un 
biglietto

MILANO – FC Internazionale Milano comunica che non verrà presentato ricorso contro le decisioni assunte dal giudice sportivo della Lega Nazionale di Serie A per i fatti accaduti durante la partita Inter-Napoli dello scorso 26 dicembre.

Il Club ha invece inoltrato richiesta alla Federcalcio e alla Lega Nazionale di Serie A per offrire la possibilità a bambine e bambini delle Scuole Calcio nerazzurre e a ragazze e ragazzi del Centro Sportivo Italiano di assistere alla gara contro il Sassuolo, in programma il prossimo 19 gennaio e valevole per la 20^ giornata di Serie A, dal Primo Anello Arancio. Un’iniziativa importante per lanciare un segnale forte e chiaro contro ogni forma di discriminazione e violenza.

Per tutti i tifosi che hanno acquistato un biglietto per le gare contro Benevento e Sassuolo, di seguito le modalità nelle quali sarà possibile richiedere il rimborso
 
ACQUISTI EFFETTUATI ONLINE:

Tutti i biglietti acquistati online, ovvero oltre il 90% del totale, saranno automaticamente annullati e rimborsati. Ciò significa che l’acquirente, senza dover compiere alcuna azione, si troverà il riaccredito dell’intero importo direttamente sulla carta di credito utilizzata.

ACQUISTI EFFETTUATI PRESSO I PUNTI VENDITA:

Per meno del 10% dei biglietti acquistati nei punti vendita la procedura sarà attiva dalle ore 10.00 di domani, mercoledì 9 gennaio. Sarà necessario tornare nel punto vendita dove è stato effettuato l’acquisto e restituire i biglietti cartacei. In caso di acquisto in modalità digitale ossia con caricamento del titolo sulla tessera ‘Siamo Noi’, sarà sufficiente mostrare la ricevuta di acquisto. I biglietti saranno così annullati e contestualmente verrà rimborsato in contanti l’intero importo addebitato.

L’ultimo giorno utile per presentarsi nei punti vendita ed ottenere il rimborso del biglietto è mercoledì 16 gennaio per Inter-Benevento e martedì 22 gennaio per Inter-Sassuolo.

La tv nel pozzo sacro di Morgongiori


Pozzo sacro di Morgongiori, grotta Iscaba ‘e Cresia (foto di Sirio Sechi)

articolo: http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2019/01/08/la-tv-nel-pozzo-sacro-di-morgongiori_b63ed957-2338-442d-8cfe-0b6c4bdfe757.html

Tremiladuecento anni di storia in una avanzata scansione tridimensionale. Per il pozzo nuragico dedicato al culto dell’acqua di Morgongiori, Sa Scaba ‘e Cresia, nell’oristanese, inizia la sua seconda vita. Dal buio arriva una nuova luce nei meandri sotterranei di uno degli ipogei forse più grandi del Mediterraneo. Sono i riflettori della troupe di Roberto Giacobbo, che ha realizzato il primo servizio televisivo su questo tesoro archeologico sconosciuto ai più a causa soprattutto della sua inaccessibilità.

Il 10 gennaio il pozzo sacro sarà protagonista della 4a puntata di Freedom – Oltre il Confine, il programma di divulgazione scientifica archeologica condotto dal giornalista, in onda su Rete 4. continua a leggere

Il santuario di Scala ‘e Cresia a Morgongiori

http://www.nurnet.net/blog/il-santuario-di-scala-e-cresia-a-morgongiori/

Il santuario di Scala ‘e Cresia è sicuramente uno dei monumenti più rilevanti del territorio dell’Oristanese e della Sardegna. L’area archeologica è inserita all’interno del complesso vulcanico del Monte Arci, situato nella Sardegna sud-occidentale, in un ambiente naturalistico di rara bellezza,, dove il bene archeologico si coniuga felicemente col bene paesaggistico.

Spiaggia Capo Teulada aperta a tutti


articolo: http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2019/01/08/spiaggia-capo-teulada-aperta-a-tutti_5e827c17-21ac-4b9e-8ce2-e13f59331677.html

La spiaggia di Porto Tramatzu a Capo Teulada, considerata una delle ‘perle’ della costa sarda, diventa un luogo turistico aperto a tutti i cittadini. Lo stesso succederà presto per altri luoghi simili occupati dai militari. Per quel tratto costiero, che è stato finora nell’elenco delle zone di interesse di sicurezza nazionale e quindi precluso al pubblico, il ministero della Difesa ha formalmente avviato le procedure per la cessazione della concessione marittima sulla spiaggia.

La ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, ha ricevuto a Roma il presidente della Regione Sardegna, Francesco Pigliaru, per dare esecuzione alla cessione anticipata della spiaggia e una porzione del terreno retrostante. continua a leggere

Spiaggia Porto Tramatzu di Teulada

Risultati immagini per Porto Tramatzu a Capo Teulada

La spiaggia di Porto Tramatzu è situata all’interno dell’omonima località balneare che si trova nei pressi di Teulada e deve la sua notorietà alla spiaggia composta di sabbia di granulometria fina di colore bianco.

La «liberazione» della spiaggia fa parte di un protocollo di dimissioni di servitù militari, siglato nel 2017 con il governo Gentiloni, che prevede una graduale dismissione di altri litorali di pregio fino ad oggi utilizzati dal ministero della Difesa.

img

Oltre a Porto Tramatzu, il protocollo prevede il ritorno ad usi civili di tre spiagge.  S’Enna e S’Arca, costa occidentale della Sardegna territorio di Arbus, e vicino a Costa Verde.

S’Enna ‘e S’Arca

Immagine correlata

S'Enna 'e s'Arca