Archivi del giorno: 17 maggio 2019

Inter, arriva la promozione Uefa: conti ok, fuori dal “Settlement Agreement”


Da Nyon arriva l’attesa certificazione del rispetto di tutti gli accordi presi nel 2015: nerazzurri fuori dalle limitazioni

articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Inter/17-05-2019/inter-arriva-promozione-uefa-conti-ok-fuori-settlement-agreement-3301696351976.shtml

La notizia era attesa, ma riceverla ufficialmente farà piacere, sia al club che ai tifosi: l’Inter è definitivamente fuori dal Settlement Agreement imposto dall’Uefa nel maggio del 2015 per violazioni del Financial Fair Play. La Camera di Investigazione dell’Organo di Controllo Finanziario dei Club ha fornito un aggiornamento sul monitoraggio dei settlement agreement firmati con quattro club negli anni scorsi, e che hanno raggiunto i rispettivi termini: promosse Astana, Besiktas e appunto Inter, rimandato il Trabzonspor. Le prime tre società, si legge nella nota dell’Uefa “escono dal regime transattivo”. Promossi quindi i conti dell’Inter, come ormai ci si attendeva da qualche mese. Usciti dal settlement (che aveva imposto ad esempio una rosa ridotta nelle ultime competizioni europee), restano i paletti, comuni a tutti i club, del Financial Fair Play. E resta la necessità, come filtra dallo stesso club nerazzurro, di chiudere il bilancio di questa stagione con circa 40 milioni di plusvalenze entro il 30 giugno. continua a leggere

Il comunicato: https://www.inter.it/it/news/94285/comunicato-ufficiale-di-fc-internazionale-milano

COMUNICATO UFFICIALE DI FC INTERNAZIONALE MILANO

Il Club ha soddisfatto i requisiti di break-even cumulativo del Settlement Agreement firmato nel maggio 2015 e pertanto è uscita dal regime di Settlement Agreement

MILANO – La Investigatory Chamber del Club Financial Control Body dell’UEFA ha annunciato oggi che in seguito alla verifica del bilancio al 30 giugno 2018, F.C. Internazionale Milano S.p.A. ha soddisfatto i requisiti di break-even cumulativo del Settlement Agreement firmato nel maggio 2015 e pertanto è uscita dal regime di Settlement Agreement.

Questo dimostra la solidità della società, la crescita del Club e il rafforzamento della sua posizione finanziaria nel corso degli ultimi anni, supportata da un approccio che è stato di totale adempimento alle regole imposte.

È importante che il Club continui a rispettare il regime di normale monitoraggio del Fair Play Finanziario UEFA e prosegua nella strategia di attenta gestione finanziaria che ha caratterizzato gli ultimi esercizi.

 English version  Versión Española  日本語版  Versi Bahasa Indonesia  中文版

Icardi: ”Voglio restare, l’Inter è la mia famiglia”


L’attaccante argentino su Instagram chiarisce le voci sul suo futuro: ”Ho più volte comunicato al club la mia intenzione, il tempo dirà chi ha detto la verità”

articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/inter/2019/05/17/news/icardi_futuro_mercato-226509756/?ref=RHPPBT-VS-I195585581-C6-P25-S1.6-T1

MILANO – Mauro Icardi toglie ogni dubbio sul suo futuro: “Voglio restare all’Inter”, scrive l’attaccante sul suo profilo Instagram. L’argentino nelle ‘stories’ del social più in voga del momento spiega: “Siccome negli ultimi tempi gli organi di stampa hanno riportato notizie che non rispecchiano il mio pensiero e la mia volontà, ci tengo a informare i nostri tifosi che ho più volte comunicato alla società la mia intenzione di rimanere all’Inter. Così da oggi in poi non si creeranno equivoci di nessun genere. Capisco gli interessi della stampa di vendere notizie false, ma più che chiarire le cose personalmente non posso fare. Ripeto: ho già espresso all’Inter la volontà di rimanere perché l’Inter è la mia famiglia. Il tempo dirà chi ha detto la verità. Forza Inter, sempre”. continua a leggere

Wrestling in lutto, è morta a 39 anni l’ex superstar Ashley Massaro


La stella della Wwe che tra gli anni 2005 e 2008 ha conquistato i fans di tutto il mondo è deceduta a New York per cause ancora sconosciute. Due mesi fa su twitter aveva annunciato la decisione di voler tornare sul ring

Risultati immagini per Ashley Massaro

articolo: https://www.repubblica.it/sport/vari/2019/05/17/news/wrestiling_in_lutto_e_morta_a_39_anni_l_ex_superstar_ashley_massaro-226501880/?ref=RHPPBT-BH-I0-C4-P23-S1.4-T1

NEW YORK – Mondo del wrestling in lutto. Una nuova tragedia ha colpito i fans della Wwe. L’ex star della Wwe Ashley Massaro è morta a 39 anni. Lo ha annunciato l’organizzazione. “Siamo rattristati dall’apprendere la tragica morte dell’ex Superstar della Wwe Ashley Massaro”, ha dichiarato la Wwe in una nota. “La Wwe porge le sue condoglianze alla famiglia e agli amici di Ashley”. continua a leggere

WWE Ashley Massaro Tribute

Torino: condannati a dieci anni i ragazzi della banda dello spray che provocarono la tragedia in piazza San Carlo


Risultati immagini per Torino:  piazza San Carlo

articolo: https://torino.repubblica.it/cronaca/2019/05/17/news/torino_condannati_a_dieci_anni_i_ragazzi_della_banda_dello_spray_che_provocarono_il_caos_in_piazza_san_carlo-226500736/?ref=RHPPBT-BH-I226501345-C4-P16-S1.4-T1

Dieci anni di carcere per i quattro responsabili del distastro di piazza San Carlo il 3 giugno 2017. L’accusa per i giovanissimi marocchini che quella sera scatenarono il panico tra la folla spruzzando spray al peperoncino per derubare i tifosi che guardavano la finale di Champions League Juventus-Real Madrid, è omicidio preterintenzionale, lesioni, rapina e furto. In piazza ci furono 1.672 feriti e, in seguito, morirono due donne per le lesioni riportate Erika Pioletti e Marisa Amato.

Il giudice Maria Francesca Abenavoli ha condannato in abbreviato (quindi con lo sconto di un terzo della pena) a 10 anni e 4 mesi

  • Sohaib Boumadaghen detto «Budino»,
  • Hamza Belghazi,
  • Mohammed
  • Machmachi.

A 10 annni e 3 mesi di reclusione

  • Es Sahibi Aymene che non era accusato del furto.

Restano dunque in cella in attesa del processo d’appello come richiesto dai pm Roberto Sparagna e Paolo Scafi. Sotto accusa per gli stessi fatti anche un quinto complice, all’epoca minorenne, per il quale procede il tribunale dei minori che sta valutando la richiesta di messa alla prova avanzata dal suo legale, Raffaele Folino. continua a leggere

 

Juve-Allegri, è divorzio: l’annuncio del club


Il ristretto campo d'azione di Agnelli e Allegri rende tutto possibile: scadenza, rinnovo o divorzio

articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/17-05-2019/juve-allegri-divorzio-3301690233531.shtml

Massimiliano Allegri non siederà sulla panchina della Juventus nella prossima stagione 2019/2020“. Dopo due giorni di discussioni, ecco le parole definitive sul destino di Max Allegri alla Juventus. Il tecnico livornese ha detto alla squadra che non avrebbe continuato con la Juventus alla fine dell’allenamento di questa mattina e il comunicato ufficiale, pubblicato sul sito, ha reso tutto ufficiale.

Troppe, evidentemente, le divergenze tra allenatore e società sul progetto per il 2019-20 e sul contratto, in scadenza tra dodici mesi. L’addio significa probabile transazione sul contratto con Allegri e apertura delle voci sul prossimo tecnico.

Allegri e la società si sono visti di nuovo questa mattina, prima dell’allenamento. Hanno concordato che fosse finito un ciclo perché evidentemente i pensieri della notte, dopo il meeting di ieri pomeriggio, non hanno portato un riavvicinamento. L’addio insomma è stato pacifico, come conferma il fatto che il presidente e l’allenatore vadano insieme in conferenza stampa, domani alle 14, a spiegare i motivi dell’addio. Allegri ovviamente resterà in panchina fino a fine stagione, festa scudetto di domenica compresa. Probabile che i tifosi, dopo tante critiche, lo festeggino come merita un allenatore che ha vinto cinque scudetti.


Trattativa Allegri, la rabbia dei tifosi: “Siamo la Juve!

articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/17-05-2019/allegri-rabbia-tifosi-3301686031887.shtml

Il popolo bianconero sorpreso da come la società sta gestendo la vicenda allenatore: “Siamo diventati come gli altri club”

Qualche tempo fa Massimiliano Allegri aveva suggerito ai tifosi scontenti del gioco bianconero di recarsi al circo, dove di sicuro avrebbero soddisfatto la loro voglia di divertimento. In questi giorni la parola circo viene spesso associata, sui social, alla situazione attuale della Juventus, dove i tifosi sono scarsamente abituati a gialli, rinvii, ritardi e situazioni di caos. “Ma dove siamo, al circo?”, tuonano in tanti, bianconeri scontenti ma soprattutto sorpresi di vedere il proprio club in balia delle onde. Un mese fa Andrea Agnelli, nell’amara notte dell’eliminazione dalla Champions, aveva confermato il tecnico pentacampione d’Italia con la Signora, un mese e due giornate dense d’incontri dopo non c’è stata ancora la fumata bianca.

STUPORE E DISAPPUNTO – “Siamo diventati una società normale”, sospira più di qualcuno, “Sembriamo l’Inter”, sbuffa qualcun altro. continua a leggere

Nuova Champions, le leghe europee contro la riforma….


Nuova Champions, le leghe europee contro la riforma di Agnelli: “I campionati nazionali non siano stravolti”

articolo: https://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/calcio/nuova-champions-le-leghe-europee-contro-la-riforma-di-agnelli-i-campionati-nazionali-non-siano-stravolti-_1274461-201902a.shtml

No alla nuova Champions che rischia di stravolgere i campionati nazionali. E’ questa la dura presa di posizione delle Leghe europee, riunite a Madrid per discutere della proposta di riforma avanzata dall’Eca guidata da Andrea Agnelli, nella quale si ipotizzano posti fissi per le big a partire dal 2024. L’European Leagues, l’organizzazione che rappresenta gli interessi delle Leghe nazionali professionistiche in Europa e un ampio panel di club hanno infatti chiesto di essere consultati e di poter negoziare con la Uefa. continua a leggere

nuova Champions cosa cambia? leggi: https://alessandro54.com/2019/05/17/nuova-champions-league-dal-2024-cambiano-le-regole-anticipazioni-da-lequipe/

Nuova Champions League, dal 2024 cambiano le regole. Anticipazioni da L’Equipe


articolo: https://sport.sky.it/calcio/champions-league/2019/04/10/nuova-champions-league-l-equipe.html

Come annunciato dall’Eca, dal 2024 cambierà il format della Champions League. Ecco alcune indiscrezioni de L’Equipe: 4 gironi da 8 squadre ciascuno, solo le prime 4 si qualificheranno ai quarti oltre ad accedere all’edizione successiva (insieme alla 5^ classificata). Nessun accesso automatico all’Europa League dal 6° all’8° posto di ogni gruppo: sarebbero previsti spareggi per guadagnarsi i gironi della Champions che verrà, chi perde va nell’Europa League seguente insieme all’8^ che partirà dai preliminari

Prende forma la nuova Champions League, massimo torneo continentale pronto ad essere riformato. L’aveva annunciato l’Eca (l’Associazione dei Club Europei) per voce del presidente Andrea Agnelli, e l’Equipe sulle proprie pagine fornisce tutti i dettagli del nuovo format: come riportato dal quotidiano sportivo francese, infatti, dal 2024 ci dovrebbero essere importanti modifiche a partire dalla composizione dei gironi che contemplano 32 squadre partecipanti: saranno 4 i gruppi costituiti da 8 club ciascuno per un totale di 224 incontri. Novità che non si esaurirebbero al numero dei gironi e delle società ammesse: al termine della prima fase, infatti, le prime 4 di ogni gruppo (oltre ad accedere agli ottavi di finale) otterrebbero anche la qualificazione automatica all’edizione successiva. Da segnalare come le due finaliste potrebbero disputare 21 gare complessive contro le 13 attuali.

Sempre secondo l’Equipe, dal 2024 la Champions League cambierà anche in materia di qualificazioni e di “retrocessioni”: dimenticate il ripescaggio automatico nell’Europa League in corso, quantomeno per chi si posiziona dal 5° all’8° posto nel girone: la 5^ classificata dovrebbe staccare il pass per la fase a gironi della Champions che verrà, ammissione d’obbligo pure per le vincenti degli spareggi tra la 6^ e la 7^ classificata di ogni gruppo. Per chi uscirà sconfitto dagli spareggi, invece, sarebbe ufficiale l’ammissione all’Europa League seguente, mentre l’8^ e ultima piazzata di ogni girone ripartirebbe dai preliminari estivi dell’Europa League. In questo modo 24 squadre su 32, pur senza classificarsi in zona Europa nei rispettivi campionati, avrebbero comunque modo di accedere all’edizione seguente della Champions League. I restanti 8 posti liberi, invece, andrebbero alle semifinaliste di Europa League nonché a quattro squadre campioni nazionali in patria non ancora qualificate. Una nuova veste per la massima competizione europea, rivoluzione che se confermata cambierà completamente i destini dei club partecipanti.

Fair Play Finanziario, la Uefa deferisce il Manchester City


Chiuse le indagini ora il club di Guardiola rischia. Nel mirino dell’organismo di Nyon anche Paris Saint Germain e Milan

articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/2019/05/16/news/uefa_fair_play_finanziario_manchester_city-226412786/

MILANO – L’Uefa ha deferito il Manchester City per le violazioni del fair-play finanziario: il club campione della Premier League può rischiare in teoria l’esclusione dalla Champions. Nyon ufficialmente chiuso le indagini sul City, che sarà ora giudicato dell’apposito organismo dell’Uefa. Questo il comunicato diffuso dall’ente di governo del calcio europeo. “La Camera investigativa del Club Financial Control Body (CFCB) ha deciso di deferire il Manchester City FC alla camera giudicante del CFCB in seguito alla conclusione delle sue indagini. La camera investigativa del CFCB aveva aperto un’indagine sul Manchester City FC il 7 marzo 2019 per potenziali violazioni delle regolamentazioni sulla Financial Fair-play (FFP) che sono state rese pubbliche in vari media. La UEFA non farà ulteriori commenti sulla questione fino a quando non verrà annunciata una decisione dalla camera giudicante del CFCB“. continua a leggere

leggi anche: https://alessandro54.com/2019/05/15/champions-nyt-fair-play-finanziario-violato-il-manchester-city-rischia-lesclusione/

PARIGI RESPIRA – Anche il Psg, con la sua proprietà qatariota, è incappato in problemi di sponsor. Al centro dei sospetti, in particolare, è finita la Qatar Tourism Authority. Le spese del mercato estivo del 2017, 400 milioni per Neymar e Mbappé, avevano alimentato i dubbi, inducendo l’Uefa a un supplemento di indagine da parte dell’organo di controllo finanziario. Ma il club ha presentato al Tas il ricorso, fondato sulla tesi di una riapertura oltre i termini consentiti (10 giorni) del dossier, chiuso nel giugno 2018 senza sanzioni. E il Tas di Losanna, lo scorso 19 marzo, ha appunto dato ragione al Psg. Dalla prossima stagione il club parigino non potrà mettere nel bilancio da presentare a Nyon gli introiti della Qatar Tourism Authority e in teoria non ci saranno limitazioni al mercato, sempre particolarmente dispendioso, anche se rimane il dubbio su come sarà possibile ammortizzare gli acquisti di Neymar e Mbappé. Anche qui, comunque, il problema è rinviato all’edizione della Champions 2020-21, alla vigilia del Mondiale 2022, ospitato proprio dal Qatar.

MILAN IN ATTESA – Anche la posizione del Milan non sembra vicina a un chiarimento troppo rapido. Dopo la doppia transizione al vertice della società – da Berlusconi al cinese Yonghong Li e poi al fondo statunitense Elliott – il garbuglio del dossier potrebbe richiedere più tempo del previsto per essere districato. In questo momento i dossier finanziari sono due. Il primo riguarda i bilanci del triennio 2015-16-17: dopo la mancata concessione del voluntary agreement – il patteggiamento del rientro nei parametri del FFP – e la successiva esclusione dalle coppe, il ricorso del Milan al Tas ne aveva permesso la riammissione all’Europa League, ma l’Uefa aveva poi imposto il pareggio di bilancio entro il 2021 e il nuovo ricorso del club al tribunale di Losanna è tuttora pendente. Il secondo dossier riguarda invece il triennio 2016-17-18. La pratica, inviata dalla camera d’investigazione del controllo finanziario dell’Uefa alla camera giudicante, è delicata, per via del deficit tuttora consistente (126 milioni, il 30 giugno prossimo dovrebbe scendere a circa 80).   Il deferimento preluderà quasi certamente a una sanzione, ……. continua a leggere

Serie B, respinto il reclamo del Palermo: via libera per i playoff


La Corte d’Appello federale ha rigettato l’istanza cautelare d’urgenza del club rosanero ritenendo prevalente l’interesse delle altre società

articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-b/2019/05/16/news/serie_b_respinto_il_reclamo_del_palermo_i_playoff_si_faranno-226453174/

ROMA – La Corte Federale d’Appello ha respinto “l’istanza cautelare del Palermo” che chiedeva la sospensione dei playoff promozione di Serie B. La squadra rosanero, terza al termine della stagione regolare, è stata retrocessa all’ultimo posto della classifica con conseguente retrocessione in Serie C. Il Palermo aveva chiesto alla Corte d’Appello la sospensione “senza indugio e con effetti immediati, dei play-off”. La Corte “ritenute sussistenti ragioni d’urgenza, fissa per la discussione del merito la seduta del 23 maggio 2019, alle ore 14.30”.

Ad avviso della CFA riunita a Sezione unite in data odierna, la disputa dei play off “non impedirebbe alla Lega di serie B – preso atto della eventuale decisione di accoglimento dell’appello della società U.S. Palermo e della conseguente necessità di assicurare effettiva ed efficace esecuzione alla stessa – di valutare l’annullamento delle gare play off eventualmente disputate e, quindi, ridefinire la lista delle aventi diritto a partecipare (nonché il relativo calendario)”. La Corte, inoltre, ritiene “prevalente l’interesse delle altre società all’ordinario svolgimento della fase finale dei play off, come da classifica definita all’esito del giudizio di prime cure”. I playoff, quindi, prenderanno regolarmente il via il 17 e 18 maggio con le due gare del turno preliminare rivisto dopo la retrocessione all’ultimo posto dei rosanero, ovvero Spezia-Cittadella e Verona-Perugia. continua a leggere

Per saperne di più: https://alessandro54.com/2019/05/14/travagliata-fallimenti-tribunali-ripescaggi-lannus-horribilis-della-serie-b/