Archivi del giorno: 8 luglio 2017

E’ morta l’attrice Elsa Martinelli


Elsa Martinelli (Grosseto, 30 Gennaio 1935 – Roma, 8 Luglio 2017) è stata un’attrice cinematografica italiana.

Elsa Martinelli nel 1964

Elsa Martinelli 

Elsa+Martinelli+Venice+Film+Festival+Opening+tXJCpnuMsCzl.jpg (396×594)

Articolo: http://www.lanazione.it/cronaca/morta-martinelli-1.3257075

Roma, 8 luglio 2017 – E’ morta nella sua casa di Roma in via Flaminia l’attrice toscana Elsa Martinelli, protagonista di numerosi film girati tra gli anni Cinquanta e Settanta. Aveva  82 anni ed era malata da tempo. Elsa Martinelli era nata a Grosseto, dove ancora oggi vive la sorella. Ma si trasferisce nella capitale ancora giovane, insieme alla famiglia essendo il padre ferroviere. Prima della carriera cinematografica entra nella moda, sfilando per lo stilista Roberto Capucci. Da qui il via a una una carriera di indossatrice e fotomodella. Intorno ai vent’anni si avvia al cinema iniziando al fianco di Kirk Douglas: fu lui a volerla dopo averla notato su una rivista di moda americana. Il film era intitolato “Il cacciatore di indiani”.

Nel 1956 vince l’Orso d’argento al Festival di Berlino con il film “Donatella” di Mario Monicelli. Ha lavorato Italia, Francia e soprattutto a Hollywood, con Marcello Mastroianni, John Wayne e Robert Mitchum. Seguiranno, a partire dagli anni Settanta, molti impegni in televisione, 

1/08/2012 – Festival del film Locarno 65esima ed. : Elsa Martinelli 

Il Parlamento Ue contro l’obsolescenza programmata


Risultati immagini per Il Parlamento Ue contro l'obsolescenza programmata

Obsolescenza programmata, approvata una risoluzione UE

articolo completo: http://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/hitech/2017/07/05/ue-prodotti-siano-duraturi-e-riparabili_a9d4a74b-3631-4802-aef4-3d71b02d3a13.html

STRASBURGO – Prodotti duraturi, di alta qualità e facilmente riparabili. E’ questa la richiesta diretta a Commissione, Stati membri e produttori ed avanzata oggi dal Parlamento Ue, approvando a larga maggioranza – 662 sì, 32 no e 2 astensioni – la risoluzione su ‘Una durata più lunga dei prodotti: vantaggi per consumatori ed imprese’.

Gli eurodeputati vogliono promuovere prodotti con “un ciclo di vita più lungo dell’attuale”, in particolare per contrastare la cosiddetta obsolescenza programmata in prodotti tangibili e software.

Immagine correlata

Obsolescenza programmata

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

https://it.wikipedia.org/wiki/Obsolescenza_programmata

L’obsolescenza programmata o pianificata (in inglese: planned o built-in obsolescence) in economia industriale è una strategia volta a definire il ciclo vitale di un prodotto in modo da limitarne la durata a un periodo prefissato. Il prodotto diventa così inservibile dopo un certo tempo, oppure diventa semplicemente obsoleto agli occhi del consumatore in confronto a nuovi modelli che appaiono più moderni, sebbene siano poco o per nulla migliori dal punto di vista funzionale. Quando l’unico accorgimento adottato per rendere obsoleto un prodotto prima del tempo è la pubblicità si può parlare di obsolescenza percepita o simbolica.Risultati immagini per Il Parlamento Ue contro l'obsolescenza programmata

Breve storia: Secondo alcuni osservatori, già nel 1924 il Cartello Phoebus, lobby dei principali produttori occidentali di lampadine, portò una standardizzazione nella produzione delle lampadine ad incandescenza in commercio, al fine di limitarne la vita a circa 1.000 ore di esercizio.

La dimostrazione che in America le lampadine (prima dell’accordo) potessero durare molto, viene da una caserma dei pompieri di Livermore (California), dove una lampadina chiamata Centennial Light è accesa da oltre 100 anni.

Sarà scaduta la garanzia?!

Lampadina ultracentenaria di Livermore.jpg

Il termine “obsolescenza pianificata” è comparso per la prima volta in letteratura nel 1932, anno in cui il mediatore immobiliare Bernard London propose che fosse imposta alle imprese per legge, così da poter risollevare i consumi negli Stati Uniti durante la grande depressione.

Modalità e scopi: L’obsolescenza pianificata ha dei benefici esclusivamente per il produttore perché, per ottenere un uso continuativo del prodotto, il consumatore è obbligato ad acquistarne uno nuovo e a gettare via quello ormai antiquato, o guasto, non convenientemente riparabili.

La compagnia statunitense Apple venne per esempio citata in giudizio nel 2003 con una class action, a causa della durata delle batterie dell’iPod, che secondo l’accusa erano volutamente programmate con una breve vita così da costringere il consumatore a comprare un nuovo modello di iPod dopo un limitato periodo di uso, stimato intorno ai 18 mesi. Inoltre l’ Azienda in origine non offriva sul mercato le batterie di ricambio. La Apple ha accettato di offrire rimborsi ai clienti che riscontravano batterie difettose e anche di pagare le spese legali dei denunciatari, senza tuttavia ammettere responsabilità di reato.

Morto il piccolo Bradley Lowery


 la “mascotte” del calcio inglese

Aveva sei anni: sconfitto dal neuroblastoma

Morto il piccolo Bradley Lowery, la "mascotte" del calcio inglese

articolo: http://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/calcioestero/morto-il-piccolo-bradley-lowery-la-mascotte-del-calcio-inglese_1161540-201702a.shtml

Alla fine ha vinto il neuroblastoma. Ha vinto nonostante una lotta fiera e commovente. Bradley Lowery, il ragazzino che aveva commosso il calcio inglese, diventando una sorta di mascotte sia del Sunderland che della nazionale inglese, è morto questo pomeriggio. La sua storia aveva mobilitato a diversi livelli squadre e calciatori, che hanno contribuito nei mesi a dare forza alla raccolta di fondi per le cure del neuroblastoma. 

Jermain Defoe

Sei anni, tifosissimo del Sunderland, aveva trovato in Jermain Defoe il suo amico del cuore. Sì, proprio così. L’attaccante inglese, ora al Bornemouth, aveva sposato la causa della lotta di Bradley contro il neuroblastoma, regalandogli tanti momenti felici. In campo, durante gli ingressi in campo della squadra. Ma anche in ospedale, quando andava a tenergli compagnia durante le pesantissime chemio alla quale il piccolo era sottoposto. Defoe, proprio giovedì, è scoppiato in lacrime in conferenza stampa alla notizia che Bradley era in condizioni disperate.

È morto il piccolo Bradley Lowery, Defoe non riesce a trattenere le lacrime…

My brave boy has went with the angels today 07/07/17 at 13:35, in mammy and daddies arms surrounded by his family. 💔💔💔

He was our little superhero and put the biggest fight up but he was needed else where.

There are no words to describe how heart broken we are.

Thank you everyone for all your support and kind words.

Sleep tight baby boy and fly high with them angels 💙💙💙💙💙

 

  • Il mio bambino coraggioso è andato con gli angeli oggi alle 13:35, tra le braccia di mamma e papà, circondato dalla sua famiglia💔💔💔
  • Era il nostro piccolo supereroe e ha combattuto fino alla fine, ma avevano bisogno di lui altrove.
  • Non ci sono parole per descrivere quanto i nostri cuori sono spezzati.
  • Grazie a tutti per tutto il vostro supporto e le gentili parole.
  • Dormi bene, piccolino, e vola in alto con gli angeli 💙💙💙💙💙