E’ morto Stefano D’Orazio, batterista dei Pooh


E’ morto Stefano D’Orazio, batterista dei Pooh. Il saluto dei compagni: “Ciao, nostro amico per sempre”

articolo: https://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2020/11/06/news/e_morto_stefano_d_orazio_batterista_dei_pooh-273409952/

Stefano D’Orazio

Il musicista si è spento all’età di 72 anni. Per la band è stato anche autore e flautista. Dopo anni di successi con il gruppo, una svolta nella carriera verso il musical e la scrittura.

E’ morto Stefano D’Orazio, batterista dei Pooh. Aveva 72 anni. E’ stato strumentista, autore e scrittore. L’annuncio è stato dato su Twitter dall’amico Bobo Craxi e poi stata confermata da Roby Facchinetti su Facebook.

STEFANO  CI  HA  LASCIATO!  Due  ore   fa…   era  ricoverato  da   una settimana    e   per   rispetto   non   ne   avevamo   mai   parlato…   oggi pomeriggio,   dopo  giorni  di paura, sembrava che la situazione stesse migliorando… poi, stasera, la terribile notizia“, scrive Facchinetti. Anche gli altri componenti del gruppo hanno ripreso il messaggio, con le stesse parole.

Al    saluto   della   band  si  unisce  anche  Riccardo  Fogli, che con D’Orazio ha  condiviso un lungo percorso artistico. Arrivano anche le parole di Enrico Ruggeri:    “Una    persona    perbene,    sempre    sorridente,    piena   di   energia  positiva. Una preghiera per lui e un abbraccio ai suoi fratelli di sempre“.

D’orazio  è  stato  strumentista,  autore  e   scrittore,   con  i  Pooh  per   quasi quarant’anni, dal 1971 al 2009, e poi tra il 2015 e il 2016, quando il gruppo ha dato  l’addio  alle  scene.  Dei  Pooh  D’Orazio non è stato solo il batterista, ma anche autore e flautista. Dopo anni di successi con il gruppo, una svolta nella carriera  verso  il  musical  e  la   scrittura  (testi  e  libri),  con  successi   come “Aladdin”,   “Pinocchio”  e  “Mamma  mia!”.  Nel  2017  aveva  sposato  Tiziana Grandoni,  sua compagna da tempo. Lo scorso marzo, per Roby Facchinetti ha scritto il testo di “Rinascerò rinascerai”, brano dedicato alla città di Bergamo, realizzato durante l’emergenza Coronavirus.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...