Archivi del giorno: 6 ottobre 2019

Anche Diawara! La maledizione dei crociati colpisce ancora


articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/06-10-2019/roma-maledizione-crociati-rotti-quello-diawara-potrebbe-essere-17-ultime-sette-stagioni-35040686677.shtml

Il guineiano è uscito in lacrime durante Roma-Cagliari: si teme l’ennesimo crac ai legamenti. Ora il giocatore è a Villa Stuart per gli esami, ma c’è molto pessimismo

L’ultimo è stato solo due giorni fa, di Davide Zappacosta. L’ultimo crociato, s’intende: “Rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro. Il giocatore è stato operato in serata dall’equipe del professore Pier Paolo Mariani, a Roma. Il rientro è previsto tra 6 mesi, anche se da Villa Stuart fanno sapere che seguendo il protocollo del professore i tempi potrebbero accorciarsi, fino a 5 ma forse anche a 4 mesi”. A Villa Stuart per accertamenti in questo momento c’è Amadou Diawara, uscito un’ora fa dal campo in lacrime durante Roma-Cagliari: il sospetto dei medici è che si vada incontro a un altro crociato rotto. Incredibile. continua a leggere

Aggiornamento lista

Giocatori della prima squadra

  • Strootman,
  • Florenzi,
  • Rudiger,
  • Emerson,
  • Mario Rui,
  • Karsdorp,
  • Luca Pellegrini 
  • Zappacosta
  • Amadeu Diawara (05 ottobre 2019)

Giocatori della primavera

  • Calafiori,
  • Nura,
  • Capradossi,
  • Bianda,
  • Tumminello,
  • Ponce 
  • Bouah

articolo del 5 ottobre 2019

Da Strootman a Zappacosta: la Roma ha la maledizione del crociato

vedi articolo del 05 ottobre 2019:  https://alessandro54.com/2019/10/05/da-strootman-a-zappacosta-la-roma-ha-la-maledizione-del-crociato/

Morto Ginger Baker, leggendario batterista dei Cream


Risultato immagini per Ginger Baker

Peter Edward Baker, detto Ginger (Lewisham, 19 agosto 1939 – Londra, 6 ottobre 2019), è stato un batterista inglese.

Ha fatto parte di diversi gruppi inglesi, raggiungendo la massima popolarità con i Cream.

Nel 1991 è stato inserito nella Hollywood Rock Walk of Fame.

La rivista Rolling Stone ha inserito Baker al terzo posto nella lista dei 100 migliori batteristi di sempre, dietro ai soli John Bonham e Keith Moon.

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/musica/2019/10/06/morto-ginger-baker-batterista-dei-cream_07e0bb52-b8c3-4028-8fc6-4926411e6edf.html

E’ morto Ginger Baker, leggendario batterista dei Cream, uno dei più innovativi e influenti della musica rock. Aveva 80 anni ed era ricoverato in un ospedale inglese. Oltre che nella sua band con Eric Clapton e Jack Bruce, ha anche suonato con Blind Faith, Hawkwind e Fela Kuti nella sua lunga carriera.

Risultato immagini per Ginger Baker

GINGER BAKER’S AIRFORCE – SOLO DRUMS

Ginger Baker Group Solo

The Cream – Eric Clapton – Ginger Baker – Jack Bruce

Buon compleanno M2, la metropolitana Verde di Milano compie 50 anni e si rinnova


Buon compleanno M2, la metropolitana Verde di Milano compie 50 anni e si rinnova

Era il 4 ottobre 1969 quando la M2, la linea verde della metropolitana milanese, venne inaugurata ufficialmente alla presenza delle istituzioni dell’epoca, tra cui il presidente della Repubblica Giuseppe Saragat. Oggi, 50 anni dopo, con i suoi 40 chilometri di binari e 35 stazioni è la linea metropolitana più lunga della rete di Milano. E in occasione del 50esimo compleanno punta a rivivere una seconda giovinezza con un piano di rinnovo: nuovi treni, aumento delle frequenze e dell’accessibilità, impermeabilizzazione delle gallerie, abbattimento delle barriere architettoniche, oltre a un’infrastruttura all’avanguardia. Tra gli interventi più importanti del progetto, l’implementazione di un nuovo sistema di segnalamento che garantirà una maggiore frequenza dei treni: si passerà da 150/120 secondi a 90 secondi. Nelle immagini, le foto d’epoca dell’inaugurazione, delle prime stazioni, della moneta celebrativa e degli ultimi, modernissimi treni.
Buon compleanno M2, la metropolitana Verde di Milano compie 50 anni e si rinnova

Buon compleanno M2, la metropolitana Verde di Milano compie 50 anni e si rinnova

Buon compleanno M2, la metropolitana Verde di Milano compie 50 anni e si rinnova

Buon compleanno M2, la metropolitana Verde di Milano compie 50 anni e si rinnova

Buon compleanno M2, la metropolitana Verde di Milano compie 50 anni e si rinnova

Buon compleanno M2, la metropolitana Verde di Milano compie 50 anni e si rinnova

Roma Jazz Festival, per abbattere confini e muri


Risultato immagini per Roma Jazz Festival

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/musica/2019/10/02/roma-jazz-festivalper-annullare-confini_3551547b-1342-4c12-8c08-fe8a593b3ee4.html

Dal 1 novembre al 1 dicembre, tra i nomi Shepp, Holland e Fresu

(ANSA) -Anche il jazz scende in campo contro muri, divisioni, discriminazioni. Si intitola No borders. Migration and integration l’edizione 2019 del Roma Jazz Festival, la numero 43 della sua storia, che animerà diversi luoghi della capitale (21 concerti tra Auditorium Parco della Musica, Casa del Jazz, Monk, Alcazar) dal 1 novembre al 1 dicembre. “In questo momento storico ognuno deve prendersi le proprie responsabilità, è una tendenza generale quella di affrontare temi sociali e politici anche nei festival”, rivendica Mario Ciampà, direttore della manifestazione, che ha presentato la rassegna pensata per sottolineare come il jazz sia nato e si sia sviluppato come musica di immigrazione e di integrazione, come sia stata strumento per rivendicare diritti civili, come abbia abbattuto e superato confini stilistici e sociali, grazie alle contaminazioni e alle sperimentazioni. Calendario fitto, con artisti affermati e giovani emergenti. Icone della storia del jazz come Archie Shepp, Abdullah Ibrahim, Dave Holland, Ralph Towner e Gary Bartz ma… continua a leggere

JazzBaltica 2019: Mare Nostrum III (Paolo Fresu – Richard Galliano – Jan Lundgren)

Concert date 23.06.2019 – JazzBaltica

Eric Clapton torna in Italia


Risultato immagini per Eric Clapton torna in Italia

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/musica/2019/10/02/eric-clapton-torna-in-italia_1e10117e-7274-4aa6-aef0-144fe96f43cb.html

Sulla scia del Crossroads Guitar Festival che è andato sold out e che ha riunito i più grandi chitarristi del mondo in una due giorni di collaborazione irripetibile, la leggenda della musica Eric Clapton ha annunciato la sua tournee spettacolo per la prossima estate, con 15 date nell’arco di un mese in 12 città europee e tre in Russia. La prima data sarà a Praga, il 29 maggio, e da lì proseguiranno i concerti in Germania, Svizzera, Belgio, Paesi Bassi, Danimarca, Finlandia, per concludersi il 30 giugno a Mosca.
    Eric Clapton, che sarà accompagnato da una superlativa band di musicisti, compresi i compagni di una vita Nathan East (basso), Paul Carrack (tastiete), Chris Stainton (tastiere), Doyle Bramhall II (chitarra), Sharon White and Katie Kissoon (coriste), farà tappa, dopo più di un decennio, anche in Italia il 6 giugno al Forum di Assago (Milano) e l’8 all’UnipolArena di Bologna.

Eric Clapton Purple Rain. Crossroads Guitar Fes Sep 21st 2019

Morto il tenore Marcello Giordani


1992288914679116925

Marcello Guagliardo Giordani (Augusta, 25 gennaio 1963 – Augusta, 5 ottobre 2019) è stato un tenore italiano.

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/musica/2019/10/05/morto-il-tenore-marcello-giordani_b636f63a-64f4-4e3b-9c37-4c8b62864cc3.html

(ANSA) – Siracusa, 05 ottobre 2019 – E’ morto il tenore Marcello Giordani, 56 anni. Un infarto fulminante lo ha colpito mentre si trovava nella sua casa ad Augusta, nel Siracusano. Giordani lascia una moglie e due figli. Immediati i soccorsi che hanno tentato di rianimarlo ma inutilmente.

   Giordani solo un mese fa aveva indossato i panni di Calaf, nella “Turandot” di Giacomo Puccini per la regia di Enrico Stinchelli al teatro antico di Taormina e al teatro greco di Siracusa. Solo l’ultimo di una serie di successi che hanno coronato la sua lunga carriera. Giordani si è esibito nei teatri di tutto il mondo: Londra, Parigi, Berlino, Vienna, San Francisco solo alcuni dei palcoscenici che lo hanno visto protagonista come Cavaradossi in Tosca o Turiddu in Cavalleria rusticana o Don José in Carmen