Quanto incassano i club per gli infortuni ai Mondiali


articolo di Redazione: https://www.calcioefinanza.it/2022/11/18/chi-paga-gli-infortuni-ai-mondiali/

Chi paga gli infortuni ai Mondiali? La rassegna iridata sta per prendere il via in Qatar, ma la novità del torneo inserito a metà stagione – tra i mesi di novembre e dicembre – preoccupa i club più del solito. Le società, infatti, sperano di riavere i calciatori integri al termine della competizione, considerando che resta una seconda e importantissima parte di stagione da giocare e (soprattutto) che sono i club a versare gli stipendi ogni mese.

Ne sanno qualcosa – ultimi in ordine di tempo in Serie A – Inter Fiorentina, che hanno visto costretti a rinunciare al torneo i propri tesserati Joaquin Correa e Nico Gonzalez. Ma se un calciatore si fa male durante una gara della propria Nazionale ai Mondiali, o in qualsiasi altra competizione, chi paga il danno al club proprietario del cartellino? Per rispondere a questa domanda, batsi sapere che, da diversi anni, la FIFA ha attivato il Club Protection Programme.

Chi paga gli infortuni ai Mondiali – Cos’è  il Club Protection Programme della FIFA – Molto semplicemente il Club Protection Program, stipulato fra la FIFA e le società di club, è una polizza assicurativa che copre il rischio di infortunio dei giocatori durante le gare con le Nazionali. I giocatori, che sono allenati e pagati esclusivamente dai club, devono essere assicurati per le partite delle squadre nazionali dagli organizzatori dell’evento in caso di infortunio. Il CPP garantisce che la FIFA fornisca un risarcimento per le perdite subite dal club (stipendio del giocatore) durante il periodo in cui il giocatore non è disponibile per il suo rispettivo club, che dovrà comunque corrispondere al calciatore infortunato il proprio stipendio come da contratto.

Il risarcimento pagato al club sembra quindi un risultato ovvio ed equo rispetto alle perdite del club (pagamento dello stipendio del giocatore) durante il periodo in cui il giocatore non è in grado di svolgere il proprio compito all’interno della squadra che lo remunera.

Il programma di protezione dei club è entrato in vigore per la prima volta, a spese della UEFA, per l’inizio di UEFA EURO 2012 in Polonia e Ucraina. A seguito dell’approvazione del Congresso FIFA a Budapest nel maggio 2012, il programma di protezione dei club è stato applicato dalla FIFA alle stesse condizioni in tutto il mondo. Copre tutte le squadre che concedono i giocatori per le partite della Nazionale A elencate nel calendario delle partite internazionali, compresi i Giochi Olimpici.

Chi paga gli infortuni ai Mondiali – Come funziona il programma – Il programma di protezione dei club prevede un risarcimento per i club nel caso in cui i giocatori della squadra A nazionale che partecipano alla loro associazione nazionale subiscano uno stop temporaneo – superiore comunque a 28 giorni – a seguito di lesioni personali causate da infortuni. Non prevede tuttavia alcun indennizzo per malattia; copertura di invalidità totale permanente o decesso, o qualsiasi costo di cure mediche.

Sono coperte tutte le partite tra due squadre nazionali giocate nelle date del calendario delle partite internazionali della FIFA o nelle date coperte dal rispettivo periodo in cui vengono messi a disposizione per tali partite. Va sottolineato che i giocatori sono protetti durante l’intero periodo mentre sono sotto il controllo dell’associazione nazionale, inclusi ogni volta che:

  • giocano;
  • si esercitano;
  • si allenano;
  • partecipano a incontri di allenamento;
  • viaggiano;
  • trascorrono del tempo in trasferta.

Chi paga gli infortuni ai Mondiali – Le cifre versate alle societàMa a quanto corrisponde questa polizza? Quanto paga la FIFA in caso di infortunio di un calciatore? In base al documento rilasciato ai club e alle federazioni da parte della FIFA, «il programma compensa le squadre di calcio fino a un massimo di 7,5 milioni di euro a calciatore per infortunio. Il massimo di 7,5 milioni è calcolato in base a un “pro rata” giornaliera di indennità fino a 20.548 euro, pagabili per un massimo di 365 giorni. L’indennità giornaliera massima è limitata a 20.548 euro per infortunio. La capacità massima (“limite aggregato”) del FIFA Club Protection Programme è di 80 milioni all’anno».

«L’indennizzo dovuto – specifica il contratto dell’assicurazione – si basa esclusivamente sullo stipendio fisso che la società di calcio paga direttamente al calciatore in quanto suo datore di lavoro. Come “Stipendio fisso” è definito l’importo fisso di denaro pagato settimanalmente o a rate mensili, comprensive degli oneri previdenziali obbligatori, come stipulato in un contratto scritto e sottoscritto tra la società calcistica e il calciatore».

«Il compenso non includerà importi variabili, pagamenti una tantum, pagamenti non effettuati su base regolare o eventuali bonus, inclusi, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, bonus di performance o di iscrizione, compensi per presenza e/o spese. Sono altresì escluse le somme dovute in base alla prestazione di servizi di diversa natura, di qualunque natura esse siano o meno pattuite con separato contratto», conclude il programma.

L’INDISCREZIONE: Dall’Inghilterra: il Psg ha Mourinho nel mirino


articolo: https://www.gazzetta.it/Calciomercato/04-06-2022/psg-mourinho-offerta-roma-che-fa-440836379469.shtml?vclk=modulo-calciomercato

Secondo il Telegraph, lo Special One è in cima alla lista del nuovo uomo mercato Luis Campos, che ha lavorato già con José al Real Madrid. Il portoghese ha un contratto con i giallorossi sino al 2024

Una voce a dir poco clamorosa dall’Inghilterra: il Psg avrebbe messo nel mirino José Mourinho. Dopo l’accordo, per farne il nuovo responsabile dell’area mercato, con il portoghese Luis Campos, il club parigino si è messo alla ricerca di un nuovo allenatore per sostituire Pochettino. E il nome di Mou avrebbe affiancato quello di Christophe Galtier, attuale tecnico del Nizza, ma uno dei protagonisti del miracolo Lilla, proprio insieme a Campos.

FAVORITO – Secondo il Telegraph, però, lo Special One sarebbe in vantaggio, nonostante il contratto da 7 milioni di euro a stagione, con data di scadenza 2024, che lo lega alla Roma. Anche Mourinho è una vecchia conoscenza di Campos, e non solo perché i due sono connazionali. Hanno, infatti, lavorato insieme al Real Madrid e Mou aveva provato a portare l’uomo mercato al Manchester United. Tentativo vano. Ora è Campos che starebbe cercando di riunire la coppia a Parigi.

Lo Special One è, però, arrivato a Roma appena un anno fa e alla prima stagione ha già portato un trofeo: la Conference League. Ovvio che il club giallorosso non metta neanche in dubbio la sua permanenza. Ma, con il Psg di mezzo, mai dire mai.

PSG consider Jose Mourinho as new head coach

Exclusive: With Mauricio Pochettino expected to depart the French club shortly, Roma boss Mourinho is a potential candidate to replace him

ByJason Burt, CHIEF FOOTBALL CORRESPONDENT

articolo: https://www.telegraph.co.uk/football/2022/06/04/psg-consider-jose-mourinho-new-head-coach/

Mourinho won the Europa Conference League with Roma last season CREDIT: GETTY IMAGES

Paris Saint-Germain are considering a surprise move to make Jose Mourinho their new head coach.

Mourinho has just won the fledgeling Europa Conference League with Roma and has two more years left on his contract with the Italian club.

PSG are currently working through the options should they, as expected, sack Mauricio Pochettino. A decision is expected in the next few days with Pochettino expected to go.

PSG have long targeted former Real Madrid coach Zinedine Zidane to succeed Pochettino but, despite their efforts, he has remained reluctant to join the French giants. There is an expectation that Zidane will take over as France coach after the World Cup later this year when Didier Deschamps steps down.

Mourinho has been strongly linked with PSG in the past but the arrival of Luis Campos, who is taking over from Leonardo, has led to a revived interest. Campos may not take the title of sporting director but will drive the project and has firstly been tasked with identifying a new coach.

Campos worked closely with Mourinho at Real Madrid and the pair have remained friends. Mourinho recommended his fellow Portuguese to Manchester United as their sporting director when he was the club’s manager. There was also talk of Campos reuniting with Mourinho at Tottenham Hotspur where, of course, he succeeded Pochettino in November 2019. continua a leggere

Traduzione: https://translate.google.it

Il Paris Saint-Germain sta valutando una mossa a sorpresa per fare di Jose Mourinho il suo nuovo allenatore. Mourinho ha appena vinto la neonata Europa Conference League con la Roma e ha ancora due anni di contratto con il club italiano. Il PSG sta attualmente valutando le opzioni in caso di licenziamento, come previsto, di Mauricio Pochettino. Nei prossimi giorni è attesa una decisione con Pochettino atteso per la partenza. Il PSG ha preso di mira da tempo l’ex allenatore del Real Madrid Zinedine Zidane per succedere a Pochettino ma, nonostante i loro sforzi, è rimasto riluttante a unirsi ai giganti francesi. C’è l’aspettativa che Zidane prenderà il posto di allenatore della Francia dopo la Coppa del Mondo entro la fine dell’anno, quando Didier Deschamps si dimetterà. Mourinho è stato fortemente legato al PSG in passato, ma l’arrivo di Luis Campos, che prende il posto di Leonardo, ha risvegliato l’interesse. Campos potrebbe non prendere il titolo di direttore sportivo, ma guiderà il progetto ed è stato inizialmente incaricato di identificare un nuovo allenatore. Campos ha lavorato a stretto contatto con Mourinho al Real Madrid e i due sono rimasti amici. Mourinho ha raccomandato il suo compagno portoghese al Manchester United come direttore sportivo quando era l’allenatore del club. Si è parlato anche del ritorno di Campos con Mourinho al Tottenham Hotspur dove, ovviamente, è succeduto a Pochettino nel novembre 2019.

Liverpool-Real Madrid, risultato 0-1


Liverpool-Real Madrid, risultato 0-1: decide Vinicius, 14ª Champions per i Blancos

Corriere.it articolo di Paolo Tomaselli, inviato a Parigi: https://www.corriere.it/sport/calcio/champions-league/diretta-live/22_maggio_28/liverpool-real-madrid-formazioni-news-risultato-d8e70934-ddfe-11ec-9d2a-935eb68a8d83.shtml

Liverpool-Real Madrid, risultato 0-1: decide Vinicius, 14ª Champions per i Blancos

PARIGI Tenera è la notte parigina del Real Madrid, ma soprattutto è infinita, come la serie di Champions vinte dagli spagnoli, al trionfo numero 14, il doppio del Milan, la prima inseguitrice. Quello che arriva allo Stade de France contro il Liverpool, grazie al gol del brasiliano Vinicius a inizio ripresa e allo strepitoso portiere Courtois, è il trionfo della restaurazione dopo tre anni di digiuno. È la quinta vittoria in otto finali, sigillo di un dominio che segna un’epoca. È, prima di ogni altra cosa, il trionfo da record di Carlo Ancelotti che solleva la coppa per la quarta volta, meglio di chiunque altro.

La partita, iniziata in ritardo per il disastro organizzativo, ha qualche problema a carburare, perché il Real vuole tenere i ritmi bassi per incartare i Reds: la scelta di Ancelotti di iniziare con Valverde, il ragazzo che gli dà equilibrio con i suoi raddoppi, era attesa e va letta in questo senso. Il Liverpool però sale di tono. Klopp fa giocare il suo violino Thiago, non al meglio, mentre Luis Diaz, l’altra mossa del tedesco, non dà gli effetti sperati. Dopo un quarto d’ora gli strumenti della rock band inglese però sono accordati: in 5’ Courtois deve fare due parate notevoli, la prima su una deviazione di Salah (cross di Arnold); la seconda su conclusione secca di Mané, deviata sul palo dal miglior portiere in circolazione. Gli ancelottiani, fatti a immagine del loro allenatore, non si scompongono. continua a leggere

Alcuni tifosi del Liverpool senza biglietto scavalcano i cancelli (molto alti) ed entrano nello stadio. Sono migliaia gli inglesi senza biglietto. La cerimonia di apertura non è ancora cominciata. Il ritardo sarà superiore ai 15 minuti.

Liverpool, pullman in ritardo

La grande folla di tifosi del Liverpool ha reso difficile l’avvicinamento del pullman dei Reds al Parco dei Principi. Decine di migliaia di tifosi inglesi — 60.000 secondo le stime — hanno invaso la capitale francese anche senza biglietto (nello Stade de France entrano 20.000 per squadra) cantando «Allez Allez, abbiamo conquistato tutta Europa da Parigi alla Turchia». E facendo ritardare Klopp e i suoi uomini.

Che caos prima della finale! Lacrimogeni e gas urticanti contro bambini e tifosi col biglietto

articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Champions-League/28-05-2022/champions-liverpool-real-madrid-motivi-ritardo-440733799704.shtml

Numerosi tifosi del Liverpool con biglietti falsi: i tornelli non si sono aperti bloccando il flusso. Una ventina di supporter dei Reds hanno scavalcato e sono entrati allo Stade de France mentre la maggior parte, pur munita di regolare tagliando, veniva tenuta all’esterno dalla polizia. Il tweet della star Nba: “Non fatela iniziare finché non atterro!”

Peggio di così non poteva (non) iniziare. Il calcio d’inizio della finale di Champions, previsto per 21, è stato dato alle 21.36 a causa di quanto stava accadendo all’esterno dello Stade de France, dove moltissimi tifosi del Liverpool, tanti dei quali regolarmente muniti di biglietto, non erano riusciti ad entrare. Il problema, come è stato spiegato alla fine della partita da una nota dell’Uefa, è nato dai tanti biglietti falsi fra i tifosi del Liverpool: i tornelli d’ingresso non si sono aperti bloccando il flusso d’ingresso. È stato così deciso di far slittare il via per evitare che la situazione ai cancelli degenerasse

LACRIMOGENI – La polizia ha fatto uso di gas lacrimogeni e urticanti per disperdere gruppi di tifosi che stavano tentando di entrare. In precedenza, prima dell’intervento delle forze dell’ordine, una ventina di tifosi erano riusciti a scavalcare i cancelli. Il problema è che, stando a quanto si vede da filmati pubblicati sui social, la polizia non ha fatto nulla per proteggere chi era in possesso del prezioso tagliando e lo sbandierava davanti agli ingressi nella speranza che gli steward permettessero loro di accedere all’impianto. continua a leggere

Barcellona, paura per Araujo: scontro con Gavi, via dal campo in ambulanza


articolo: https://www.sportmediaset.mediaset.it/foto/calcio/calcioestero/barcellona-paura-per-araujo-scontro-con-gavi-via-dal-campo-in-ambulanza_49989019-202202k.shtml

Grande spavento per Araujo: via in ambulanza – ©Getty Images

Grande paura in Barcellona-Celta Vigo: il difensore blaugrana Ronald Araujo è caduto a terra dopo uno scontro con il compagno di squadra Gavi ed è stato trasportato in ospedale in ambulanza. La prima diagnosi parla di commozione cerebrale

Grande spavento per Araujo: via in ambulanza – ©Getty Images

Il Barça perde sul campo e sugli spalti, Laporta: “Mi vergogno”


articolo di Francesco Castorani: Il Barça perde sul campo e sugli spalti, Laporta: “Mi vergogno” (msn.com)

Sono preoccupato perché ciò che è successo è una vergogna che non può passare ancora. Abbiamo informazioni sull’accaduto, ma c’è bisogno di tempo per esaminarlo. Intraprenderemo azioni perché è oltraggioso e vergognoso.Joan Laporta, presidente Barcellona

Sono preoccupato perché ciò che è successo è una vergogna che non può passare ancora. Abbiamo informazioni sull’accaduto, ma c’è bisogno di tempo per esaminarlo. Intraprenderemo azioni perché è oltraggioso e vergognoso Joan Laporta, presidente Barcellona

Il Barcellona esce a testa bassa dall’Europa League nel peggiore dei modi. Al Camp Nou i tedeschi dell’Eintracht ne segnano tre, rendendo impossibile una rimonta blaugrana. L’undici di Xavi infatti si sveglia troppo tardi e accorcia le distanze quando ormai non c’è più tempo. Quella sul campo però è solo una delle sconfitte subite dal Barça ieri sera. La parte peggiore si è vista sugli spalti.

Un muro bianco formato da più di 20.000 tedeschi si è stagliato al Camp Nou rovinando l’ambiente di cui Xavi e giocatori avevano bisogno e regalando ai propri una notte storica e indimenticabile. Ma come è possibile che in una gara così delicata, uno scontro diretto con cui può decidersi una stagione, siano stati venduti così tanti biglietti agli ospiti?

Una domanda a cui Laporta in persona ha detto di voler rispondere e sulla quale anche Xavi si è interrogato nella conferenza post-match.

È evidente che l’ambiente non ci ha aiutato. Sembrava una finale, con il campo diviso. Il club sta investigando. È chiaro che è stato un nostro errore di calcolo.Xavi, allenatore Barcellona

È evidente che l’ambiente non ci ha aiutato. Sembrava una finale, con il campo diviso. Il club sta investigando. È chiaro che è stato un nostro errore di calcolo Xavi, allenatore Barcellona

Errore di calcolo da cui Xavi separa la brutta prestazione messa in campo dai suoi che sono stati in grado di tenere il controllo del gioco, ma non di far male all’organizzata difesa dell’Eintracht. Viceversa sono incappati proprio negli errori su cui era stata preparata la partita subendo una rete a causa di una transizione ospite dopo una palla persa nella propria metà campo.

Il tecnico blaugrana allontana la parola fracaso e si riferisce alla gara come parte del processo messo in atto dal suo arrivo. “Voglio pensare che faccia parte del processo. È evidente che siamo delusi. Dobbiamo restere con i piedi per terra e continuare a crederci. Credo sia il cammino giusto e non bisogna pensare a un fallimento“.

Difficile non farlo perché il Barça era senza dubbio la favorita alla vittoria finale e uscire ai quarti subendo tre reti in casa resta un fallimento, al di là del processo di cambiamento che una squadra può attraversare. Certo è che l’ambiente creatosi sugli spalti non ha aiutato ed è giunto al punto dei fischi per i giocatori blaugrana durante il riscaldamento.

È deludente. Abbiamo parlato con i giocatori e speravamo che il pubblico stesse lí. Ringraziamo quelli che sono venuti. La partita sembrava una finale, con la metà dei biglietti per loro e la metà per noi. Era un giorno in cui avevamo bisogno di un ambiente particolare e mi è sembrato frustrante.Xavi, allenatore Barcellona

È deludente. Abbiamo parlato con i giocatori e speravamo che il pubblico stesse lí. Ringraziamo quelli che sono venuti. La partita sembrava una finale, con la metà dei biglietti per loro e la metà per noi. Era un giorno in cui avevamo bisogno di un ambiente particolare e mi è sembrato frustrante.Xavi, allenatore Barcellona

Incidente stradale per Freddy Rincon, ex Napoli: operato d’urgenza, è grave


articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Napoli/11-04-2022/freddy-rincon-incidente-cali-operato-grave-4408100905.shtml

L’incidente è avvenuto oggi a Cali, in Colombia, nei pressi dello stadio Pascual Guerrero: subito portato in ospedale, il 55enne è stato operato d’urgenza per il trauma cranico subito

Freddy Rincón con la maglia del Napoli 
Freddy Eusébio Gustavo Rincón Valencia (Buenaventura, 14 agosto 1966) è un allenatore di calcio ed ex calciatore colombiano nel ruolo di centrocampista o di ala.

L’ex calciatore Freddy Rincon (in Italia nel Napoli di Boskov, stagione 1994-95, l’anno successivo andò al Real Madrid) e altre quattro persone sono rimaste ferite oggi in un incidente stradale avvenuto a Cali, in Colombia, nei pressi dello stadio Pascual Guerrero, quando l’auto in cui era Rincon si è scontrata con un autobus: ferito in modo grave, è stato subito portato alla clinica Imbanaco di Cali e operato d’urgenza a causa di un grave trauma cranico. È in prognosi riservata.

Le condizioni della macchina guidata da Rincon
Le condizioni della macchina guidata da Rincon

CAUSE  – Le autorità stanno indagando sulle cause dell’incidente per capire anche se era Rincon, 55 anni, al volante dell’auto che si è schiantata contro l’autobus all’incrocio di due strade. Rincon è stato un pilastro della nazionale della Colombia, ha disputato tre Mondiali (Italia 90, Usa 94, Francia 98) e ha giocato tre volte la Coppa America. Ha giocato anche con Palmeiras, Corinthians e Santos.

Cristiano Ronaldo getta a terra telefono di un giovane tifoso dell’Everton. Poi le scuse


articolo: https://sport.sky.it/calcio/premier-league/2022/04/09/cristiano-ronaldo-cellulare-tifoso-everton

Gesto di frustrazione di CR7 che mentre si dirigeva verso gli spogliatoi ha gettato violentemente a terra il telefono di un giovane tifoso dell’Everton che lo stava riprendendo da pochi metri. Dopo qualche ora, le scuse su Instagram: “Non è mai facile gestire le emozioni in momenti difficili come quello che stiamo vivendo, ma bisogna sempre dare l’esempio. Chiedo scusa per il mio sfogo e invito il tifoso a Old Trafford in segno di fair-play”

Per Cristiano Ronaldo è forse la stagione più difficile della sua intera carriera. Nonostante il suo ritorno a Old Trafford, il Manchester United sta vivendo un’annata molto complicata e la sconfitta di sabato contro l’Everton (1-0) è stata solo l’ultima delle tante delusioni collezionate quest’anno (ora i Red Devils sono settimi in classifica, a -6 dalla zona Champions). E per Ronaldo, oltre alla sconfitta si è aggiunto anche il problema alla gamba destra, una ferita che lo ha fatto sanguinare e zoppicare. Insomma, un pomeriggio nero per CR7 che ha sfogato tutta la sua rabbia e frustrazione al momento dell’uscita dal campo: un bambino stava riprendendo il momento del passaggio del campione portoghese, quando proprio Ronaldo ha colpito il cellulare del ragazzo, scaraventandolo a terra. Un gesto non da lui, che la dice lunga sul suo stato d’animo. continua a leggere

Traduttore ” https://translate.google.it/” : Non è mai facile affrontare le emozioni in momenti difficili come quello che stiamo affrontando. Tuttavia, dobbiamo sempre essere rispettosi, pazienti e dare l’esempio a tutti i giovani che amano il bel gioco. Vorrei scusarmi per il mio sfogo e, se possibile, vorrei invitare questo tifoso a guardare una partita all’Old Trafford in segno di fair-play e sportività

Il Bayern Monaco vince ma gioca in 12: rischia il ko a tavolino o la ripetizione


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/esteri/2022/04/02/news/bundesliga_poker_del_bayern_al_friburgo_ma_ce_il_rischio_di_sconfitta_a_tavolino-343856903/?ref=RHTP-BH-I342728349-P2-S10-T1

Nel finale di gara i bavaresi fanno confusione con i cambi giocano in 12 per circa 20 secondi. Il regolamento potrebbe condannarli

Vince in 12, e proprio non si può fare. Il Bayern Monaco si impone 4-1 sul campo del Friburgo, ma un clamoroso errore nei cambi nel finale di gara potrebbe costare la sconfitta al tavolino ai bavaresi o in alternativa la ripetizione della gara. Succede tutto al minuto 86 quando Coman, nonostante sia stato sostituito, resta in campo tocca nuovamente il pallone. L’arbitro se ne accorge e si consulta col Varconstatando che i bavaresi hanno giocato in 12 contro 11 per circa 20 secondi. Tanto per ipotizzare in intervento della giustizia sportiva. In precedenza per il Bayern non era stata una passeggiata: Goretzka ci aveva messo infatti 58′ per sbloccare il risultato, ma 5′ dopo la squadra di casa aveva pareggiato con Petersen entrato da pochissimi secondi. Poi le reti di Gnabry, Coman e Sabitzer. Un trionfo ma… in 12 non vale. continua a leggere

Furia Al-Khelaifi sugli arbitri di Real-Psg. Urla, pugni alle porte e minacce


articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Champions-League/10-03-2022/furia-al-khelaifi-arbitri-real-psg-urla-pugni-porte-4301780393690.shtml

dai il tuo giudizio : Pollice su mi Piace, Pollice giù non mi Piace

Secondo Marca sarebbero servite alcune persone per allontanare il proprietario del club francese, arrabbiatissimo per il fallo su Donnarumma non fischiato in occasione dell’1-1. Leonardo: “Errore evidente, ma ora niente scuse”

Nasser Al-Khelaifi

Furia Al-Khelaifi al Bernabeu. Secondo quanto scrive il quotidiano Marca nella sua versione online, riprendendo anche notizie raccolte dai cronisti della tv spagnola Movistar, subito dopo il fischio finale di Real Madrid-Psg il proprietario del club francese ha lasciato la tribuna delle autorità – dove si era già mostrato particolarmente insofferente – ed è sceso di corsa negli spogliatoi, furioso per quanto successo in occasione dell’1-1 madrileno (un presunto fallo di Benzema su Donnarumma non fischiato dall’arbitro e per niente presunto secondo i francesi).

l’allenatore Mauricio Pochettino d.s. Leonardoil proprietario del club francese Nasser Al-Khelaifi

UNA FURIA – Secondo il racconto di Marca, Nasser Al-Khelaifi, accompagnato dal d.s. Leonardo, ha cercato lo spogliatoio degli arbitri, urlando e picchiando pugni contro le porte. Per sbaglio sarebbe entrato nella stanza occupata da Megia Davila, ex arbitro, attualmente delegato di campo del Real. Per allontanarlo è stato necessario l’intervento di alcune persone (e secondo altre fonti sarebbe stata chiamata addirittura la polizia). L’imbarazzante scena sarebbe stata anche ripresa con il telefonino da un dipendente del Real Madrid e a questo punto Al-Khelaifi sarebbe corso verso di lui gridando “ti ammazzo“, fermato soltanto dalle guardie del corpo. Leonardo, poi, avrebbe chiesto che le immagini fossero cancellate. continua a leggere

Ti protebbe interessare anche :

Diritti tv Fifa, chiesti in appello 28 mesi di carcere per il patron del Psg Al-Khelaifi

articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Estero/08-03-2022/fifa-diritti-tv-chiesti-28-mesi-carcere-il-patron-psg-al-khelaifi-4301761778301.shtml

Accusati di aver venduto i diritti ad altri due imputati, all’insaputa della Fifa e ottenendo benefici personali. Chiesti in appello anche 35 mesi per l’ex numero 2 della Fifa, Jerome Valcke. In primo grado erano stati assolti

Milano, 8 marzo 2022

La procura di Losanna ha chiesto 28 mesi di reclusione per il presidente di beIN Media e del Psg, Nasser Al-Khelaifi, e 35 mesi per l’ex numero 2 della Fifa, Jerome Valcke, nell’ambito di un processo d’appello sui diritti TV. A differenza del primo grado, nell’autunno del 2020 il procuratore federale Cristina Castellote non ha chiesto la sospensione parziale. I due erano stati assolti e Jerome Valcke aveva semplicemente dovuto pagare una multa per quanto riguarda una vicenda diversa.

SENTENZA – Valcke, che è stato segretario generale della Fifa dal 2007 al 2015, è stato scagionato nel 2020 dall’accettazione di tangenti e cattiva gestione criminale aggravata, ma i pubblici ministeri svizzeri hanno impugnato la sentenza. Le accuse erano di aver venduto i diritti televisivi per diversi campionati di calcio ad altri due imputati, agendo all’insaputa della Fifa e ottenendo benefici personali, compreso l’uso di una villa di lusso in Sardegna. Valcke fu condannato all’epoca a una pena pecuniaria sospesa per falsificazione di documenti mentre Al-Khelaifi e un terzo imputato, un uomo d’affari greco, furono scagionati dall’incitamento a Valcke a commettere cattiva gestione criminale aggravata. Le accuse di corruzione contro Al-Khelaifi sono state ritirate prima del processo del 2020 dopo un accordo tra lo stesso Al-Khelaifi e la Fifa.

Ressa a stadio in Camerun per match Coppa Africa, 6 morti


articolo da Redazione ANSA: https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2022/01/24/ressa-a-stadio-in-cameroon-per-match-coppa-africa-6-morti-_32eb1216-c11d-4d37-85ef-00ffdc969f4d.html

Anche decine di feriti tra tifosi che cercavano di entrare

Avrebbe provocato almeno sei vittime e molti feriti una tragica ressa ad uno degli ingressi dello stadio di Yaoundè, sede della partita di Coppa d’Africa tra il Camerun padrone di casa e le Isole Comore.

Lo riferiscono fonti locali riprese dalla Bbc.

Sui social sono stati diffusi video che mostrano tifosi che lottano per accedere allo stadio. La Bbc riporta anche che un governatore locale ha affermato alla Ap che potrebbero esserci numerose vittime, anche minorenni. Lo stadio Olembe ha 60.000 posti ma per le restrizioni anti-Covid poteva accoglierne solo l’80%. La partita si è disputata regolarmente, con la vittoria del Camerun.

Francia, razzi e bombe carta tra tifosi: sospesa Paris Fc-Lione


articolo: https://video.repubblica.it/sport/francia-razzi-e-bombe-carta-tra-tifosi-sospesa-paris-fc-lione/404089/404799?ref=RHTP-BS-I278612739-P12-S2-T1

18 dicembre 2021

Per la seconda volta nella stagione, una partita di calcio del Lione viene definitivamente interrotta per motivi di ordine pubblico. L’incontro di Coppa nazionale con il Paris Fc, squadra della Serie B francese, non è potuto terminare per gli incidenti sugli spalti dello Stade Charléty a Parigi. Durante l’intervallo dalla curva ospite sono stati lanciati fumogeni e bombe carta verso i settori vicini. Subito dopo sono scoppiati scontri tra i tifosi. Le forze dell’ordine sono intervenute in soccorso degli steward. Tre settimane fa, la sospensione per incidenti di Lione-Marsiglia di Ligue 1.

Paris Fc-Lione, incidenti nella gara di Coppa di Francia: partita sospesa – Video VideoNews

Galatasaray, Terim ricoverato in ospedale: panchina con la Lazio a forte rischio


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/esteri/2021/12/07/news/galatasaray_terim_ricoverato_in_ospedale_per_problemi_gastrointestinali-329328921/

Problemi al sistema gastrointestinale per il tecnico turco, che ha ottenuto un permesso speciale per dirigere la seduta della squadra

ISTANBUL, 07 dicembre 2021 –

Fatih Terim – tecnico del Galatasaray

Fatih Terim potrebbe essere costretto a saltare la sfida di Europa League contro la Lazio. A due giorni dalla gara decisiva per assegnare il primato nel gruppo E, che vale l’accesso diretto agli ottavi di finale, il tecnico del Galatasaray ha accusato problemi al sistema gastrointestinale e rischia di non potersi sedere in panchina.

Come informa direttamente il club di Istanbul, Terim “è stato trasferito in ospedale ieri pomeriggio a causa di un problema riscontrato negli ultimi tre giorni. continua a leggere

Germania: finse la sua morte, 46 mesi di carcere per l’ex Schalke Hiannick Kamba


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/esteri/2021/11/18/news/germania_finse_la_sua_morte_46_mesi_di_carcere_per_l_ex_schalke_hiannick_kamba-326850063/

Nel 2016 la dipartita, quattro anni dopo si scoprì che era tutto falso, ma che i soldi dell’assicurazione sulla vita erano stati comunque incassati. Ben oltre un milione di euro che sono valsi all’ex giocatore del club dei Minatori e per la moglie una condanna per frode

Hiannick Kamba – Il manifesto di lutto per la morte di Kamba

Era morto in un tragico assalto in Congo il 7 gennaio del 2016, con tanto di necrologio. Quattro anni dopo, nel maggio del 2020, la resurrezioneHiannick Kamba, promessa mancata dello Schalke 04 è vivo e vegeto e lavora in Germania come chimico, stipendiato da una compagnia elettrica. Lo scopre il quotidiano tedesco Bild e da quel momento per l’ex giocatore iniziano i guai. Ora arriva anche la condanna a 46 mesi di carcere per frode. Esatto, non per il fatto di aver simulato la sua morte, ma perché quella morte è servita ad altro, è servita a riscuotere un’assicurazione sulla vita da un milione e duecentomila euro. Con lui è stata condannata anche la moglie, complice di questa truffa.

L’amicizia con Neuer, poi l’anonimato – Una storia strana quella di Hiannick Kamba. Scappato dalla guerra civile del suo paese, arriva in Germania all’età di 10 anni dove inizia a giocare nelle giovanili dello Schalke 04. Qui conosce e diventa amico di Manuel Neuer e dell’ex Juve Benedikt Howedes. A 18 anni il contratto con la formazione della Ruhr gli evita l’espulsione dal Paese, ma le sue doti calcistiche non sono così spiccate da portarlo a giocare in Bundesliga. Così inizia la trafila nelle serie minori del calcio tedesco da dove nasce l’idea: sparire dalla circolazione e incassare l’assicurazione sulla vita: un premio di 600mila euro che raddoppiava in caso di morte violenta. Così è, e l’assegno va nelle tasche della moglie Christina. Qualcuno, però, lo riconosce e fa partire le indagini. continua a leggere

Real Madrid: Il nuovo e futuro Stadio Santiago Bernabéu


The NEW & FUTURE Santiago Bernabéu Stadium

Dai un’occhiata a questo fantastico nuovo filmato renderizzato del nuovo sistema di rimozione e stoccaggio del campo allo stadio Santiago Bernabéu del 21° secolo. Il famoso stadio del Real Madrid, attualmente in fase di ristrutturazione, sarà in grado di ospitare numerosi eventi in futuro, tra cui concerti, partite di basket, partite di football americano e partite di tennis. Il miglior stadio del mondo sta migliorando ancora.

L’INCREDIBILE sistema di rimozione del campo del nuovo Santiago Bernabéu

Il nuovo Bernabeu lascia senza parole: lo stadio di Madrid ci indica il futuro

articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/esteri/2021/11/05/news/nuovo_bernabeu-325128396/?ref=RHTP-BH-I324974103-P1-S2-T1

Cinque minuti (e spiccioli) di video, che ci proiettano avanti di cinquanta anni. Almeno noi italiani, abituati a stadi decrepiti, dove – tranne rare eccezioni – si arriva con difficoltà, si vede male e, una volta lasciato il proprio posto, lo si ritrova alla partita successiva dopo giorni di nulla, in cui l’impianto è rimasto deserto e desolato. Il nuovo Santiago Bernabeu è stato presentato con un filmato di 310 secondi che si conclude, ovviamente, con un gol segnato dal Real al Barcellona in un Clasico e che, per gli appassionati di calcio, è più adrenalinico di un film della saga di Jason Bourne. Sarà uno stadio e molto più, il tempio del pallone di Madrid nord, già magnificamente servito dalla metropolitana con una fermata che ne prende il nome.

Il prato che scompare sotto terra – Il “segreto” è nel prato retrattile. Quando servirà, il manto d’erba sarà fatto a fette, in sezioni longitudinali e, con un sistema di scorrimento meccanico, verrà conservato in una struttura posta a 35 metri di profondità, dove verrà protetto e curato con un meccanismo automatico di irrigazione, raggi ultravioletti, illuminazione a LED e camere di ventilazione e ossigenazione. Al suo posto, una base artificiale, su cui sarà possibile posare diverse pavimentazioni, secondo necessità. Se tutto funzionerà come nelle simulazioni – il “se” è necessario, perché roba così fino a oggi non si è mai vista – questa sarà la chiave per lo sfruttamento intensivo del Bernabeu: prima della pandemia, i giorni medi di utilizzo effettivo della struttura in un anno erano soltanto 30, il Real vuole portarli a 300, trasformando l’impianto in un centro multifunzionale, dove potranno essere organizzati congressi, concerti, spettacoli di ogni genere e fiere, oltre ad altri grandi eventi sportivi. Nel video assistiamo in time-lapse alla costruzione di un campo di football americano e, addirittura, a un doppietta basket/tennis: da una parte una partita di pallacanestro sul suo parquet, dall’altra un match tra racchette su terra battuta, tutti e due con tribune dedicate. Difficile e probabilmente non conveniente sotto il profilo economico organizzare nei fatti due manifestazioni sportive ad alto impatto di pubblico in contemporanea, però la possibilità teorica esiste e lascia davvero senza parole. continua a leggere

IL BERNABÉU è PRONTO | Viste del drone12 set 2021

Questi sono gli ultimi sviluppi con i lavori allo stadio Santiago Bernabéu del Real Madrid, che si prepara a riaccogliere i tifosi 560 giorni dopo la sua ultima partita. Dopo la sistemazione del campo e la preparazione delle tribune, Benzema, Coourtois, Bale e il resto della squadra scenderanno in campo e giocheranno la loro prima partita al Bernabñeu dopo più di un anno. Tutto pronto per la quarta giornata contro il Celta!

Barcellona-Koeman: finisce qui. Esonerato dopo il k.o. col Rayo. Tocca a Xavi?


articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Liga/28-10-2021/barcellona-koeman-finisce-qui-esonerato-il-ko-col-rayo-4202103460002.shtml

La decisione del presidente Laporta poco dopo la quinta sconfitta stagionale. Il k.o. nel Clasico aveva già dato una spallata. Ora l’ex cervello del Barça di Guardiola è il candidato numero 1: accetterà?

Ronald Koeman

La storia di Ronald Koeman con il Barcellona si è fermata a Madrid. Ieri sera nel quartiere di Vallecas, a sud della capitale, il Barça è caduto e la quinta sconfitta stagionale, terza in Liga e seconda consecutiva dopo il Clásico di domenica, ha portato il presidente Joan Laporta alla drastica decisione: cambio di allenatore. Il comunicato è arrivato a mezzanotte e un quarto, circa tre ore dopo l’1-0 rimediato dal Barcellona col Rayo Vallecano. Ennesima partita grigia, e anche sfortunata visto che Memphis Depay dopo aver segnato 11 rigori di fila si è fatto parare il tiro dal dischetto da Dimitrievski. Il Barcellona ringrazia l’allenatore che nell’estate del 2020 era stato preso da Josep Maria Bartomeu dopo il tremendo 8-2 incassato a Lisbona in Champions dal Bayern, e ora cercherà un sostituto. Laporta, tornato alla presidenza nel marzo scorso, voleva licenziare Koeman già mesi fa ma non era riuscito a trovare né un’opzione valida né i soldi per la liquidazione. Ora evidentemente i fondi ci sono, il ricambio si vedrà.

XAVI FAVORITO  – È facile prevedere che il telefono di Xavi Hernandez sia parecchio sollecitato, l’ex cervello del Barça di Guardiola è il candidato numero uno ma bisogna vedere se accetterà di accorrere al capezzale della sua squadra del cuore e farsi carico di una formazione in evidente difficoltà, nona in campionato (15 punti su 30 in 10 giornate) e a serio rischio di eliminazione in Champions. Jordi Cruijff, impiegato del club, poche settimane fa aveva detto chiaramente di non voler succedere al connazionale Koeman. Si era parlato con insistenza anche di Andrea Pirlo, un pallino di Laporta, candidatura che però aveva perso peso. L’outsider è il ‘Muñeco’ Gallardo, continua a leggere

What led to Ronald Koeman’s sacking by Barcelona?

Neymar protetto dalla polizia con gli scudi in Marsiglia-Psg


articolo: https://www.corriere.it/sport/21_ottobre_25/neymar-protetto-polizia-gli-scudi-marsiglia-psg-foto-choc-4255fcf6-357e-11ec-8a40-b3e7f8c50c67.shtml?fbclid=IwAR0ZKWTanvVvr4gPKcoWctBATcq3mBl4-4eIrMLxeR1CTCuyrK6SzhsIk8w

La rivalità tra le due squadre è enorme, il campione brasiliano è stato preso di mira dai tifosi del Marsiglia che hanno lanciato di tutto. La partita è finita 0-0, ma la giustizia sportiva potrebbe togliere il punto all’Om

Neymar protetto dalla polizia con gli scudi

Parigi, 25 ottobre 2021

Il «Clasico» francese Olympique de Marseille contro Paris Saint-Germain, domenica sera, è stato turbato da gravi incidenti fuori e dentro lo stadio. In particolare Neymar, il campione brasiliano del Psg, è stato preso di mira presso la bandierina del calcio d’angolo. Un gruppo di tifosi marsigliesi gli ha tirato addosso di tutto, bottiglie, accendini, caricatori per telefonino, mentre il giocatore veniva protetto dalle forze dell’ordine con scudi trasparenti, oltre alle reti di protezione.

La rivalità tra le due squadre e le due città è enorme e non è la prima volta che scene di questo tipo si vedono al Vélodrome, il grande stadio di Marsiglia dove domenica sera erano presenti circa 60 mila persone. continua a leggere

Calcio, i tifosi del Vitesse festeggiano la vittoria: crolla una parte di tribuna


articolo: https://video.corriere.it/sport/calcio-tifosi-vitesse-festeggiano-vittoria-crolla-parte-tribuna/c46f89ac-2f73-11ec-bd6a-15e70609c741

Paura in Olanda alla fine della gara tra Nec e Vitesse. Vinta la partita 0-1, il Vitesse si è presentato sotto al settore ospite per festeggiare i tre punti conquistati. Durante i festeggiamenti la tribuna è crollata. Fortunatamente non è stato segnalato alcun ferito.

Calciatrici fuggite dai talebani saranno accolte in Gb


articolo: https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/asia/2021/10/10/calciatrici-fuggite-dai-talebani-saranno-accolte-in-gb_fec3c963-f59b-420d-9938-c1fcc0fd74f7.html

Rifugiate in Pakistan, rischiavano di tornare in Afghanistan

Le 35 calciatrici delle nazionali giovanili afghane, che il mese scorso si erano rifugiate in Pakistan per fuggire dai talebani, verranno accolte nel Regno Unito insieme alle loro famiglie. Le ragazze, di età compresa tra 13 e 19 anni, rischiavano di dover tornare in Afghanistan, visto che domani è prevista la scadenza dei loro visti pakistani temporanei, secondo quanto riporta la Bbc.

Stiamo lavorando per concludere le pratiche dei visti” e “non vediamo l’ora di accoglierle“, ha dichiarato un portavoce del governo di Londra. “E’ una notizia fantastica e siamo molto grati al premier Boris Johnson e alla segretaria di Stato agli Affari interni Priti Patel per questa decisione salvavita“, ha commentato Siu-Anne Marie Gill, presidente della fondazione Rokit, che ha seguito l’evacuazione delle calciatrici.
Diversi club britannici, tra cui il Chelsea e il Leeds United, si sono già impegnati a sostenere la permanenza delle giovani sportive nel Regno Unito. 

Rivolta dei club della Premier League: “No ai sauditi nel Newcastle”


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/esteri/2021/10/09/news/premier_newcastle_arabia_rivolta_club-321514533/

In prima linea le proprietà americane di Liverpool, Manchester United e Arsenal, che chiedono alla lega un’improbabile revisione della decisione di via libera a Riad. Secondo alcuni l’ingresso del fondo sovrano Public Fund Investment sarà un danno di immagine per tutto il campionato. Il Tottenham starebbe tentando di far bloccare le sponsorizzazioni al Newcastle

LONDRA – Rivolta dei club di Premier League contro l’acquisizione del Newcastle dal parte del fondo saudita Public Fund Investment, che molti considerano essere direttamente legato al controverso principe ereditario Mohammed bin Salman. Tutti i 19 club del campionato inglese, il più ricco del mondo, hanno protestato contro i vertici della Lega di Premier League “per esser stati tenuti all’oscuro” del via libera dato ai sauditi per l’acquisizione della squadra dei Magpies. Un’operazione che sembrava bloccata, tra le altre cose, dal veto della Premier. Veto che poi è, più o meno improvvisamente, saltato qualche giorno fa, quando è stato dato l’ok finale all’acquisizione.

Gli americani in prima linea – I club, con in prima linea Liverpool, Manchester United e Arsenal (questi tre tutti con proprietari americani, e non è un caso), chiedono un incontro urgente la settimana prossima con i vertici della lega e una revisione della decisione che ha permesso ai sauditi di prendersi il Newcastle. Difficile che ciò possa accadere a questo punto, spiega il quotidiano Guardian, perché è troppo tardi per tornare indietro.

Tuttavia, gli altri 19 club vogliono sapere tutti i motivi per cui la Premier League ha fatto dietrofront. Ufficialmente perché, ha assicurato la lega, Riad e Salman “hanno fornito prove vincolanti che non interferiranno in alcun modo con il Newcastle“. Ma questa spiegazione non soddisfa molte squadre. Inoltre, i club ribelli credono, a differenza dei vertici della lega, che l’ingresso dei sauditi del fondo sovrano Public Fund Investment sia un danno di immagine per tutta la Premier League. continua a leggere

Newcastle ceduto ai sauditi: l’accordo per 360 milioni, Conte probabile nuovo tecnico


articolo: https://www.corriere.it/sport/21_ottobre_07/newcastle-ceduto-sauditi-l-accordo-360-milioni-conte-probabile-nuovo-tecnico-af90d5e4-2795-11ec-8e22-571cfe84393b.shtml?fbclid=IwAR3YpsFDJnfQ_9hmUKr7hLoqXcUFq-gmaazXVuy_dsaE_4Ji0pXlMYIpC54

Il club inglese rilevato da un consorzio guidato dal fondo sovrano del principe ereditario Mohammad Bin Salman. Termina una trattativa durata oltre un anno e osteggiata per la questione dei diritti civili in Arabia e per le controversie sullo streaming illegale

La famiglia reale saudita entra nella Premier League e si compra il Newcastle. L’acquisizione è stata ufficializzata giovedì con la cessione dal vecchio proprietario, il miliardario inglese Mike Ashley, in sella da 14 anni, a un consorzio guidato dalla Pcp Capital Partners, il fondo sovrano saudita presieduto dal principe ereditario Mohammad Bin Salman, insieme a un gruppo di investitori guidati dalla finanziera britannica Amanda Staveley. continua a leggere

Guinea, tentato colpo di Stato: Hakimi e la nazionale del Marocco rinchiusi in hotel


articolo: https://www.corriere.it/sport/21_settembre_05/guinea-tentato-colpo-stato-hakimi-nazionale-marocco-rinchiusi-hotel-8454faa8-0e69-11ec-90a7-94fb0e4dd84c.shtml

Dovevano giocare domani una partita di qualificazione al Mondiale 2022, ma Hakimi e compagni si sono trovati involontari spettatori del tentato colpo di Stato

Rinchiusi in hotel, affacciati alla finestra a guardare le camionette con i militari, i fucili ben in vista. La nazionale del Marocco è in queste ore involontaria spettatrice del tentato colpo di Stato in Guinea , in Africa centro-occidentale. Sono a Conakry perché domani, lunedì 6 settembre alle 18, avrebbero dovuto giocare una partita di calcio, qualificazioni al Mondiale 2022. Si sono trovati nel bel mezzo di un golpe militare.

Un colonnello dell’esercito, Mamadi Doumbouya, ha annunciato in tv lo scioglimento del governo, sui social circolano video con l’attuale presidente Condé, 83 anni, al potere dal 2010, circondato da militari delle forze speciali. La nazionale marocchina sta vivendo tutto ciò da Conakry, capitale della Guinea.

Giovedì hanno battuto 2-0 il Sudan, poi si sono spostati nello stato dell’Africa centro-occidentale. In rosa, convocati per queste partite di qualificazione ai Mondiali, ci sono gli «italiani» Amrabat e Maleh (Fiorentina ), e poi l’ex Inter Hakimi, l’ex Milan Taarabt e l’ex Bologna Masina, l’ex Genoa e Perugia El Yamiq. Tutti bloccati in albergo.

Da quanto trapela i giocatori non sono a rischio, la struttura si trova in una zona periferica di Conakry. Ma l’ambasciata marocchina ha chiesto al proprio gruppo squadra di restare in hotel, in attesa di pensare e organizzare un piano di evacuazione. La partita con ogni probabilità sarà rinviata: presto dovrebbe l’annuncio ufficiale della Fifa.

Ligue 1, sospesa Nizza-Marsiglia: cosa sta succedendo


articolo: https://www.calciotoday.it/2021/08/22/ligue-1-sospesa-nizza-marsiglia-cosa-sta-succedendo/

Caos durante Nizza-Marsiglia in Ligue 1. L’invasione di campo dei tifosi costringe l’arbitro a interrompere la partita

Tensione altissima durante Nizza-Marsiglia, sfida della terza giornata di Ligue 1. Al 75′, sul punteggio di 1-0 per i padroni di casa, l’arbitro sospende l’incontro.

La confusione all’Allianz Arena è totale. Il gol di Dolberg a inizio ripresa ha scaldato gli animi. La situazione precipita a un quarto d’ora dalla fine. Dagli spalti, iniziano ad arrivare oggetti lanciati verso il terreno di gioco.

Payet, uno dei principali calciatori del Marsiglia di Sampaoli, è furioso. Questo suo atteggiamento sembra essere il fattore che accende i tifosi e fa precipitare la situazione.

A quel punto scatta un’invasione di campo, che fa arrabbiare ancora di più il tecnico argentino dell’OM. Il lancio di una bottiglia provoca la reazione accesa, i tifosi del Nizza penetrano sul terreno di gioco e inseguono i calciatori dell’OM. La partita viene interrotta.

Il presidente del Nizza Jean-Pierre Rivère scende sul terreno di gioco con l’obiettivo di instaurare un dialogo con i tifosi e provare a riportare la calma. Ma dopo venti minuti, le squadre non emergono dagli spogliatoi.

Traduzione: Grave incidente a Nizza-Marsiglia. Payet colpito da una bottiglia, lo rilancia tra la folla, i tifosi caricano in campo per affrontare i giocatori. I giocatori dell’OM sono chiaramente furiosi

Nizza-Marsiglia, è maxi rissa! Tifosi di casa invadono il campo: un ferito e partita sospesa

articolo: https://www.gazzetta.it/Calcio/Ligue-1/22-08-2021/nizza-marsiglia-maxi-rissa-tifosi-casa-invadono-campo-ferito-420650917135.shtml

Nizza-Marsiglia, è maxi rissa

Payet bersagliato da vari oggetti lanciati dalla curva reagisce ributtando una bottiglietta. E scoppia il putiferio

E’ partito tutto da un calcio d’angolo, in favore del Marsiglia. Con il risultato sull’1-0, ma con la solita tensione del derby regionale a Nizza. E su Payet sono piovuti vari oggetti tra cui qualche bottiglietta. Il fantasista della squadra di Sampaoli ha reagito rilanciandone una alla curva. Ed è scoppiato il putiferio, con i tifosi dell’Ultras Populaire che hanno invaso il campo, aggredendo i giocatori. E poi è stato un po’ tutti contro tutti, anche tra alcuni dirigenti e membri dello staff di entrambe le squadre.

PARTITA SOSPESA – Allo stesso tempo c’è stato un movimento di folla che ha provocato il ferimento di una persona, finita sotto i pannelli pubblicitari, e portata fuori dallo stadio in barella. La partita è stata sospesa. Da capire nei prossimi minuti se l’arbitro, che ha fatto rientrare tutti in spogliatoio, vorrà riprendere nei prossimi minuti.