Archivi categoria: Teatro

«A riveder le stelle»………..


«A riveder le stelle»: la cronaca della Prima della Scala 2020. Senza pubblico, ma quante emozioni: «uno spettacolo degno di Milano»

articolo: https://www.corriere.it/spettacoli/20_dicembre_07/a-riveder-stelle-cronaca-prima-scala-2020-senza-pubblico-ma-quante-emozioni-questa-prima-unica-che-restera-tale-02357212-389c-11eb-a3d9-f53ec54e3a0b.shtml

Uno show inedito quello a cui si è assistito in diretta tv: anche se il sovrintendente Meyer che Chailly in futuro non si potrà fare a meno degli spettatori in sala

Il venti/venti è una coppia di quei numeri che rimarranno nella memoria, come il 9/11, una di quelle serie di numeri che non vorresti uscissero più dalla ruota della storia. Per la Scala, 20/20 sarà l’anno della “prima” senz’opera e con uno spettacolo interamente pensato per la televisione ( in una versione integralmente registrata), un avvenimento che gli scaligeri definiscono riuscito , ma che nessuno pensa possa diventare un “modello” per la musica lirica. Nel giorno in cui il sindaco Giuseppe Sala, presente in teatro, ha formalizzato la propria ricandidatura, il racconto musicale diretto da Riccardo Chailly e pensato da Davide Livermore trasmesso da Raiuno (prodotto da Raicultura e presentato da Milly Carlucci e Bruno Vespa) è iniziato con un omaggio alla Milano moderna, vista di notte dall’alto e senza traffico per il lockdown. E si è chiuso parimenti con un altro omaggio, con quelle incredibili immagini dai droni che hanno fatto esclamare a Giorgio Armani: «Uno spettacolo degno di Milano»  continua a leggere

A riveder le stelle: il programma

01 – F. Cilea – “Io son l’umile ancella” da Adriana Lecouvreur – Registrazione 
02 –  Inno di Mameli 
03 – G. Verdi – Preludio da Rigoletto 
04 –  G. Verdi – “Cortigiani vil razza dannata” da Rigoletto – Luca Salsi 
05 – G. Verdi – “La donna è mobile” da Rigoletto – Vittorio Grigolo 
06 – G. Verdi – “Ella giammai m’amò” da Don Carlo – Ildar Abdrazakov 
07 –  G. Verdi – “Per me giunto” da Don Carlo – Ludovic Tézier 
08 – G. Verdi – “O don fatale” da Don Carlo – Elīna Garanča  
09 – G. Donizetti – “Regnava nel silenzio” da Lucia di Lammermoor – Lisette Oropesa 
10 –  G. Puccini – “Tu, tu piccolo Iddio” da Madama Butterfly – Kristine Opolais 
11 – R. Wagner – “Winterstürme” da Walküre – Camilla Nylund, Andreas Schager 
12 – G. Donizetti – “So anch’io la virtù magica” da Don Pasquale – Rosa Feola 
13 – G. Donizetti – “Una furtiva lacrima” da Elisir d’amore – Juan Diego Flórez 
14 – Lo Schiaccianoci– Adagio dal Grand pas de deux, Atto II con Nicoletta Manni e Timofej Adrijashenko 
15 – G. Puccini – “Signore ascolta” da Turandot – Aleksandra Kurzak 
16 – G. Bizet – Preludio da Carmen 
17 – G. Bizet – “Habanera” da Carmen – Marianne Crebassa 
18 – G. Bizet – “La fleur que tu m’avais jetée” da Carmen – Piotr Beczala 
19 – G. Verdi – “Morrò, ma prima in grazia” da Un ballo in maschera – Eleonora Buratto  
20 – G. Verdi – “Eri tu” da Un ballo in maschera – George Petean 
21 – G. Verdi – “Ma se m’è forza perderti” da Un ballo in maschera – Francesco Meli 
22 – J. Massenet – “Pourquoi me réveiller” da Werther – Benjamin Bernheim  
23 – “Waves” – Roberto Bolle 
24 – “Verdi Suite” – Estratti dai ballabili da I Vespri siciliani, Jérusalem, Il trovatore – Coreografia Manuel Legris con Martina Arduino, Virna Toppi, Claudio Coviello, Marco Agostino, Nicola Del Freo 
25 – G. Verdi – “Credo” da Otello – Carlos Álvarez 
26 – U. Giordano – “Nemico della patria” da Andrea Chénier – Plácido Domingo 
27 – U. Giordano – “La mamma morta” da Andrea Chénier – Sonya Yoncheva 
28 – G. Puccini – “E lucevan le stelle” da Tosca – Roberto Alagna 
29 – G. Puccini – “Nessun dorma” da Turandot – Piotr Beczala  
30 – G. Puccini – “Un bel dì vedremo” da Madama Butterfly – Marina Rebeka  
31 – G. Rossini – “Tutto cangia”, finale da Guglielmo Tell – Eleonora Buratto, Rosa Feola, Marianne Crebassa, Juan Diego Flórez, Luca Salsi, Carlos Álvarez, Mirco Palazzi

FOTO: https://www.ilgiorno.it/milano/cronaca/foto/prima-della-scala-1.5791177

È morto a Roma Gigi Proietti, addio al grande mattatore della scena italiana


Gigi Proietti

Gigi Proietti, all’anagrafe Luigi Proietti (Roma, 2 novembre 1940 – Roma, 2 novembre 2020), è stato  un  attore,  comico,  cabarettista,  doppiatore,  conduttore  televisivo, regista, cantante, direttore artistico e insegnante italiano

articolo: https://www.repubblica.it/spettacoli/people/2020/11/02/news/morto_gigi_proietti-272698267/?ref=RHTP-BH-I272698006-P1-S1-T1

L’attore, drammaturgo e regista è scomparso nel giorno del suo ottantesimo compleanno. Una lunghissima carriera, i successi in teatro, al cinema e in tv

Aveva sempre ironizzato sulla sua data di nascita: “Che dobbiamo fa’? La data è quella che è, il 2 novembre“. Gigi Proietti è morto per gravi problemi cardiaci, dopo essere stato ricoverato in terapia intensiva in una clinica romana. La famiglia ha mantenuto il massimo riserbo. Una carriera ricca, lunghissima, più di mezzo secolo in scena e sul set.

Talento unico, autoironia, cinismo romano stemperato nella battuta, scopre il teatro all’università. “I miei ci tenevano alla laurea” racconta, “io studiavo, si fa per dire, Giurisprudenza ma la sera mi esibivo. Poi il mio amico Lello, che suonava nella nostra band, una sera viene a vedermi e mi dice: ‘Devi fare questo’. Ho capito che recitare mi piaceva tantissimo, è diventata la mia vita. Ma per papà non era la scelta giusta, era preoccupato e mi ripeteva: ‘Prendi un pezzo di carta, se piove o tira vento è una sicurezza’”. continua a leggere

Gigi Proietti “non me rompe er ca”

Gigi Proietti ricoverato: è grave


articolo: https://www.corriere.it/spettacoli/20_novembre_01/gigi-proietti-ricoverato-grave-a20c0c80-1c8e-11eb-a718-cfe9e36fab58.shtml

Proietti, 80 anni, è in terapia intensiva a Roma, in condizioni gravi. L’attore compie 80 anni il 2 novembre

Gigi  Proietti  è  ricoverato  in  terapia  intensiva  in  una  clinica  di Roma: è in gravi  condizioni.  L’attore  romano,  uno  dei  più  noti  mattatori  del   teatro, compie 80 anni proprio oggi, il 2 novembre. La causa del ricovero, a quanto si apprende,   non  è  legata  al  Covid,  ma  a  problemi  cardiaci.   Proietti sarebbe  stato  ricoverato  già  da  diversi giorni, ma le sue condizioni si sono aggravate  solo  quest’oggi.  Insieme  a  lui,  in  ospedale, c’è la sua famiglia: le figlie  Susanna e Carlotta e la compagna di sempre, Sagitta Alter.

A   marzo   diceva:  « Vorrei   riportare  in  teatro  Molière »  –  A  marzo,  intervistato dal Corriere,  Proietti  aveva  parlato  dei suoi progetti per i mesi estivi. «Sto  pensando  a un Molière e  vorrei  pure  rifare,  con una compagnia tutta   di   giovani   attori, “L’Opera  del mendicante”  di  John   Gay»,  aveva dichiarato.   All’epoca,    l’epidemia   di   Covid    era  esplosa  in   tutta  la  sua drammaticità da poche settimane. «Invece di litiga’ dobbiamo ragiona’. Le polemiche   tra   i  politici  sono   assolutamente  dannose.  Io   amo  la politica, ma questa non è politica», continua a leggere

È morto Carlo Croccolo, l’alter ego di Totò


1570871587_921.jpg

Carlo Croccolo (Napoli, 9 aprile 1927 – Napoli, 12 ottobre 2019) è stato un attore,  doppiatore, regista e sceneggiatore italiano.

articolo: https://www.repubblica.it/spettacoli/cinema/2019/10/12/news/carlo_croccolo-238328687/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P5-S1.8-T1

“Questa mattina, alle prime luci dell’alba, si è spento il maestro Carlo Croccolo“: un breve post su Facebook annuncia la scomparsa dell’attore napoletano. Aveva 92 anni. “Ha vissuto una vita straordinaria come straordinario è stato il suo talento” prosegue il breve messaggio. Croccolo ha lavorato nel cinema sin dagli anni Cinquanta accanto ai più grandi comici italiani, da Totò Eduardo De Filippo, in oltre cento film. Ha vinto un David di Donatello nel 1989 per la sua interpretazione di ‘O re, il film storico di Luigi Magni. È stato anche il padre della sposa in Tre uomini e una gamba (1997) con Aldo, Giovanni e Giacomo. I funerali si terranno a Napoli domenica 13 ottobre alle 16 presso la Chiesa San Ferdinando. continua a leggere

È morto Carlo Delle Piane, 110 film in 70 anni di carriera


 

generiche-89434.660x368.jpg

Carlo Delle Piane (Roma, 2 febbraio 1936 – Roma, 23 agosto 2019) è stato un attore italiano.

articolo: https://www.repubblica.it/spettacoli/cinema/2019/08/24/news/morto_carlo_delle_piane-234220304/?ref=RHPPLF-BH-I234220555-C8-P5-S1.8-F4

È morto a Roma all’età di 83 anni Carlo Delle Piane. Ne dà notizia la moglie, Anna Crispino. L’attore aveva da poco festeggiato i 70 anni di carriera, durante i quali aveva lavorato con alcuni dei più importanti registi e attori, ricordando i molteplici successi al fianco di Alberto Sordi, Aldo Fabrizi, Totò, De Sica e molti altri ancora, fino al fortunatissimo decennio con Pupi Avati. continua a leggere

Carlo Delle Piane – Regalo Di Natale – scene principali

È morto Cosimo Cinieri, sul palco con Carmelo Bene


articolo: https://www.repubblica.it/spettacoli/teatro-danza/2019/08/19/news/cosimo_cinieri-233925915/?ref=RHPPBT-BH-I233926833-C4-P6-S1.4-T1

Avrebbe compiuto 81 anni domani, nato com’era il 20 agosto 1938 a Taranto, ma quell’irrequieto, eclettico, vertiginoso, smanioso e creativamente caratteriale artista che era Cosimo Cinieri ci ha lasciato. Una lunga malattia ha stroncato l’attore pugliese che viveva a Roma. La camera ardente per l’ultimo saluto sarà nella Sala del Carroccio al Campidoglio, il 21 agosto alle ore 16. A seguire dalle 18 la commemorazione con interventi tra gli altri di Pasquale Panella, Bibiana Carusi, Nicola Vicidomini. continua a leggere

Morto Franco Zeffirelli


1560597943832.h_5.00242591

Franco Zeffirelli, all’anagrafe Gian Franco Corsi Zeffiretti (Firenze, 12 febbraio 1923 – Roma, 15 giugno 2019), è stato un regista, sceneggiatore, scenografo e politico italiano

articolo: http://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cinema/2019/06/15/morto-franco-zeffirelli-_86cfeb5f-b540-497f-bd1b-2b614f1019d7.html

 E’ morto Franco Zeffirelli. Il regista aveva 96 anni. “Non avrei mai voluto che arrivasse questo giorno. Franco #Zeffirelli se ne è andato questa mattina. Uno dei più grandi uomini della cultura mondiale. Ci uniamo al dolore dei suoi cari. Addio caro Maestro, Firenze non ti dimenticherà mai” scrive il sindaco Dario Nardella su twitter … continua a leggere

Non avrei mai voluto che arrivasse questo giorno. Franco se ne è andato questa mattina. Uno dei più grandi uomini della cultura mondiale. Ci uniamo al dolore dei suoi cari. Addio caro Maestro, Firenze non ti dimenticherà mai.🎈

Franco Zeffirelli

Ph. Lelli e Masotti

L'immagine può contenere: 1 persona, persona seduta e spazio al chiuso

Senato e Cultura, Franco Zeffirelli premiato per la carriera dalla presidente Casellati

Vista Agenzia Televisiva Nazionale

Pubblicato il 15 giu 2019

(Agenzia Vista) Roma, 06 aprile 2019 Senato e Cultura, la Casellati premia per la carriera il maestro Zeffirelli in Senato

Zeffirelli, la passione e l’amore: Visconti e la Sicilia

La Repubblica

Pubblicato il 15 giu 2019

Intervista con il regista nel 2011, in occasione dell’omaggio del Roma film festival, sui 50 anni di carriera cinematografica. Dall’incontro con Luchino Visconti che lo portò sul set di ‘La terra trema’ e di ‘Senso’ all’ultimo film con Fanny Ardant. .  .di Chiara Ugolini. Riprese e montaggio di Alberto

E’ morta Valeria Valeri, una vita sul palcoscenico.


E’ morta Valeria Valeri, una vita sul palcoscenico. Poi la tv con Gian Burrasca e ‘Un medico in famiglia’

articolo: https://www.repubblica.it/spettacoli/teatro-danza/2019/06/11/news/e_morta_valeria_valeri_una_vita_sul_palcoscenico_poi_la_tv_con_un_medico_in_famiglia_-228504644/?ref=RHRS-BH-I228522420-C6-P14-S1.6-T1

È morta Valeria Valeri, una vita sul palcoscenico da quando aveva debuttato poco più che ventenne fino a qualche stagione fa. L’attrice nata a Roma il l’8 dicembre 1921 come Valeria Tulli, non aveva mai smesso di lavorare.  Aveva 97 anni. La notizia è stata data dalla figlia Chiara Salerno, avuta dall’attore Enrico Maria Salerno. continua a leggere

Rita Pavone Official@Rita_Pavone_

E’ con estremo dolore che vengo adesso a conoscenza della scomparsa della mia mamma televisiva, Valeria Valeri. Stupenda attrice e donna meravigliosa, è stato un onore per me lavorare con te. Sarai sempre nel mio cuore, mammina .
Il tuo Giannino. https://www.youtube.com/watch?v=aFsPcEwMTHA 

Milano, il teatro Menotti rischia di diventare un parcheggio:


Milano, il teatro Menotti rischia di diventare un parcheggio: “Vogliamo continuare a sognare”

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2019/06/06/news/milano_teatro_menotti_rischia_chiudere_per_diventare_parcheggio-228093429/

“Non abbiamo vergogna di chiedere aiuto perché vogliamo continuare a sognare e a portarvi quello che vi abbiamo sempre portato, senza filtri, cavi e monitor”: inizia così il video-appello della compagnia Tieffe Teatro, che dal 2010 gestisce il Teatro Menotti, attualmente a rischio chiusura. I proprietari del complesso immobiliare di via Ciro Menotti 11 vorrebbero vendere e il teatro verrebbe sostituito da un parcheggio: “Noi non possiamo permettere che questo avvenga e non lo permetteremo, ma la salvezza del teatro richiede inevitabilmente il suo acquisto” spiegano dalla compagnia Tieffe. continua a leggere

Milano, il teatro Menotti rischia di chiudere: il video-appello per salvarlo

https://video.laprovinciapavese.gelocal.it/spettacoli/milano-il-teatro-menotti-rischia-di-chiudere-il-video-appello-per-salvarlo/113863/114365?fbclid=IwAR1OpE60QwtfehgHrbMwyUXye_WPQOPvzMUMYPhM4fFOs1B-GV5qb4oBSO0

Teatro esaurito a Faenza, ma l’attore Marescotti non si presenta


Teatro esaurito a Faenza, ma l'attore Marescotti non si presenta

articolo: https://bologna.repubblica.it/cronaca/2019/01/24/news/teatro_esaurito_a_faenza_ma_marescotti_non_si_presenta-217341726/?ref=RHRS-BH-I0-C6-P24-S1.6-T1

BOLOGNA – In quarant’anni di carriera non gli era mai successo. Nemmeno al pubblico. E in effetti la vicenda è surreale: spettacolo pronto, annunciato per ieri al teatro Masini di Faenza: è il monologo “La lingua neolatrina” di Ivano Marescotti. Posti esauriti, in platea si attende che s’alzi il sipario. Lo spettacolo dovrebbe iniziare alle 21, ma il tempo passa e nulla accade. L’attore non c’è. Per questo dopo quaranta minuti tocca al direttore artistico di Accademia Perduta, Ruggero Sintoni, uscire sul palcoscenico: “Scusate, lo spettacolo è annullato”. Tutti a casa.

Cosa è accaduto? Marescotti era pronto per il suo monologo ma per andare in scena a Faenza l’8 febbraio. Una data concordata mesi fa, poi spostata a ieri. Solo che né le agenzie che avevano la vendita dei biglietti né il teatro ha avvertito l’attore. continua a leggere

Attila conquista la Scala di Milano:


quasi 15 minuti di applausi. Ovazione per Mattarella alla Prima

Risultati immagini per Milano, è il giorno di Attila

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2018/12/07/news/milano_prima_della_scala_2018_attila-212869274/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P1-S1.8-T1

L’Attila di Giuseppe Verdi conquista la Scala di Milano. E’ un successo la rappresentazione dell’opera diretta da Riccardo Chailly con la regia di Davide Livermore. Quasi 15 minuti di applausi lo sanciscono: più dell’Andrea Chenier del 2017 e della Butterfly del 2016. E gli applausi scroscianti sono anche per l’ospite d’onore: perché questa Prima – dopo due anni di assenza – vede per la prima volta nel palco reale il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Ad accogliere Mattarella – a cui le persone assiepate fuori dal teatro hanno gridato ‘Bravo presidente’ – il sovrintendente Alexander Pereira e il sindaco Beppe Sala. Per il presidente quasi cinque minuti di applausi all’arrivo, e altri applausi alla fine. L’affetto che Milano ha dimostrato per il presidente è stato riassunto dal sindaco Sala: “Milano vuole molto bene a Mattarella, abbiamo bisogno di Mattarella e dimostriamo vicinanza al Presidente della Repubblica”. continua a leggere

{}

ATTILA.png

Per saperne di più premere sul blog: https://alessandro54.com/2018/12/01/attila-di-verdi-inaugura-il-7-dicembre-la-stagione-della-scala/

E’ morto Ennio Fantastichini


Risultati immagini per Ennio Fantastichini

Ennio Fantastichini (Gallese, 20 febbraio 1955 – Napoli, 1° dicembre 2018) è stato un  attore italiano.

articolo: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2018/12/01/news/e_morto_a_napoli_ennio_fantastichini-213150738/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P1-S1.8-T1

È morto a Napoli all’età di 63 anni Ennio Fantastichini, attore italiano  e vincitore del David di Donatello come miglior attore non protagonista nel 2010.
Era ricoverato da due settimane, in rianimazione, al Policlinico della Federico II. Fantastichini è morto a causa di una grave emorragia cerebrale causata da una leucemia acuta, che aveva già colpito cervello, polmoni e intestino.
Classe 1955, a vent’anni si trasferisce da Fiuggi a Roma, per studiare recitazione all’Accademia d’arte drammatica. Aveva già però esordito a quindici anni a teatro. continua a leggere

Ennio Fantastichini – I titani della cultura europea

Ennio Fantastichini :: Letture da Manolis Anagnostakis :: Poesia Festival ’15

L’attore Ennio Fantastichini legge “La decisione” e “Apologia di un cittadino rispettoso della legge” del poeta greco Manolis Anagnostakis alla biblioteca MABIC di Maranello (MO) :: 27/09/2015. http://www.poesiafestival.it

TMM – Teatro Moderno Monserrato – Presentazione Stagione 2018


Vedi pagina Blog: https://alessandro54.com/tmm-teatro-moderno-monserrato/