Harden schiaccia, la palla entra ed esce: tolti due punti a Houston. E ora si rigioca?


Risultati immagini per HARDEN

articolo: https://www.gazzetta.it/Nba/04-12-2019/harden-schiaccia-palla-entra-ed-esce-tolti-due-punti-houston-ora-si-rigioca-3501607845915.shtml

Gli arbitri non si accorgono del canestro del Barba, D’Antoni perde tempo prima di chiedere il challenge e la frittata è fatta. Tutte le ipotesi

James Harden ruba palla e corre in solitaria verso il canestro. Mancano 7’50” al 48’ di Spurs-Rockets, Houston è avanti 102-89 ma sta cercando di resistere alla rimonta di San Antonio, che a metà terzo quarto era sotto di 22. Harden rallenta, poi salta per schiacciare: la palla entra nel canestro, ma per un movimento insolito della retina il pallone esce. La star dei Rockets lo rincorre, per un momento incredulo di aver sbagliato i due punti più facili della sua carriera. Poi guarda il maxi schermo: la palla è entrata, 104-89 Rockets. Solo che per gli arbitri quel pallone nel canestro non ci è mai finito, e quella giocata di Harden diventa “la schiacciata perduta”, quella che ha reso sub-judice la clamorosa vittoria Spurs, 135-133 dopo due supplementari.

 

SOTTO INDAGINE – L’Nba sta decidendo come muoversi. Questo non è un normale errore arbitrale: la palla è entrata, il canestro era buono e quindi è un errore tecnico che equivale ad un’applicazione errata del regolamento. Lo ammette a fine gara anche James Capers, il capo arbitro che confessa di aver rivisto la giocata al replay con la sua crew appena rientrato in spogliatoio. Sul parquet dell’At&t Center non ha potuto farlo: la giocata poteva essere rivista, ma sarebbe servito un challenge da parte di Mike D’Antoni. La nuova regola, quella che permette ai coach di chiedere ai direttori di gara di rivedere un’azione al replay, funziona così: si chiama un timeout e poi il coach ha 30” per presentare il suo challenge. Solo che il tecnico dei Rockets ha perso il suo mezzo minuto a protestare per il mancato canestro. “L’hanno chiesto troppo tardi, alla fine del timeout: a quel punto la giocata non era più rivedibile al replay” ha spiegato Capers. Solo che l’errore resta, soprattutto perché Houston ha perso la partita. L’Nba potrebbe far rigiocare gli ultimi 7’50”. O addirittura riassegnare il canestro e far vincere Houston 117-115 al 48’. Sembra l’ipotesi più remota, più facile si rigiochi. E non sarebbe la prima volta. continua a leggere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...