Archivi del giorno: 5 dicembre 2018

Fino a quando l’ultimo. Sulcis e ex Alcoa, storia di una resistenza operaia


Risultati immagini per SiderAlloys

articolo e video: https://video.repubblica.it/cronaca/fino-a-quando-l-ultimo-sulcis-e-ex-alcoa-storia-di-una-resistenza-operaia/321371/321996

La ex-Alcoa, fabbrica di produzione dell’alluminio nel Sulcis (Sardegna del Sud), è il simbolo delle tante crisi industriali italiane e anche di una battaglia, di una “resistenza” operaia per la difesa del lavoro. Oggi l’azienda, soprattutto grazie a quella battaglia, ha un nuovo proprietario, il gruppo svizzero SiderAlloys, ma il futuro per settecento operai è ancora incerto.

Il documentario è visibile qui.

SiderAlloys: https://it.wikipedia.org/wiki/SiderAlloys

SiderAlloys International (o Sider Alloys International o, semplicemente, SiderAlloys o Sider Alloyss.a. è una società svizzera operativa nel settore della siderurgia e della lavorazione di leghe. È nota in Italia per aver acquistato nel febbraio 2018 lo stabilimento di Portovesme (Portoscuso) (SU) dall’americana ALCOA Inc..

Alcoa breve di storia…

Alcoa: https://it.wikipedia.org/wiki/Alcoa

Alcoa Inc. (Aluminum Company of America), è un’azienda statunitense terza nel mondo come produttrice di alluminio, dietro alla canadese Rio Tinto-Alcan e alla Rusal.Dalla sua sede operativa di Pittsburgh, in Pennsylvania, Alcoa gestisce operazioni in 44 paesi.

L’azienda in Italia – Alcoa opera in Italia dal 1967 con un ufficio di rappresentanza e commerciale a Milano.

Nel 1996 acquisisce la società a partecipazione statale Alumix (del gruppo EFIM) e, mantenendo la sede direzionale a Milano, dispone di un’unità produttiva di prodotti laminati a Fusina (VE) e di una di alluminio primario a Portovesme (SU). L’unità di Portovesme è in via di chiusura definitiva nel corso della prima metà del 2012, nel contesto di un piano di ristrutturazione globale dell’azienda.

Il 25 agosto 2014 la società americana comunica la chiusura dello smelter di alluminio primario di Portovesme (SU)

Sardegna, sindacalisti della Alcoa salgono su un silos. Le ragioni della protesta – 

TG2000 – Pubblicato il 21 mar 2016

Con la chiusura dell’Alcoa il Sulcis sprofonda nella crisi – 11 gennaio 2012

Esplosione in un distributore sulla Salaria in provincia di Rieti:


due vittime e 18 feriti. Prende fuoco un’autocisterna, morto vigile del fuoco

Immagine correlata

articolo: https://roma.repubblica.it/cronaca/2018/12/05/news/rieti_incendio_ed_esplosione_in_un_distributore_di_carburante_15_feriti-213475435/?ref=RHPPTP-BL-I0-C12-P1-S1.12-F6#gallery-slider=213482498

È successo al chilometro 39, poco distante da Passo Corese. Lo scoppio mentre i soccorritori erano all’opera. Il pompiere non era nella squadra di soccorsi giunta sul posto ma si è fermato per prestare soccorso. La seconda vittima, invece, si trovava nei pressi del distributore e incuriosito si era fermato con la sua auto a pochi metri dalla pompa, ma è stato investito dalle fiamme

Due morti e 18 di feriti: è il bilancio dell’incendio e delle esplosioni in un distributore di carburanti al chilometro 39 della via Salaria, in prossimità di Borgo Quinzio, in provincia di Rieti, poco distante da Passo Corese. Secondo quanto si apprende dalla Questura di Rieti, il bilancio provvisorio sarebbe di 2 morti e 18 feriti, di cui tre gravi. continua a leggere

{}

Rieti – Esplosione in distributore carburante sulla Salaria: 2 morti e diversi feriti (05.12.18)

Torino, il caffè Hag all’ultima tazzina:


Immagine correlata

la fabbrica chiude per sempre, in 54 senza lavoro

articolo: https://torino.repubblica.it/cronaca/2018/12/05/news/torino_il_caffe_hag_all_ultima_tazzina_la_fabbrica_chiude_per_sempre_in_52_senza_lavoro-213480986/?ref=RHRS-BH-I0-C6-P17-S1.6-T1

Niente miracoli dell’ultima ora, la fabbrica di caffè Hag e Splendid di Andezeno, nel Torinese, chiude definitivamente e la produzione si sposta in altri stabilimento europei della Jde, la multinazionale olandese proprietaria dei due marchi. L’azienda e i sindacati hanno siglato un accordo per ridurre l’impatto della decisione, che si ripercuoterà sul futuro di 54 lavoratori. L’intesa prevede una buonuscita per tutti e un percorso di outplacement che proseguirà fino a gennaio 2020. Chi andrà in pensione nei prossimi 24 mesi verrà “accompagnato” economicamente. continua a leggere

Immagine correlata

Distribuiscono caffè, “l’ultimo Hag italiano prodotto in Italia”