Tutto quello che non sapevate su Roberto Vecchioni:


“Un insegnante deve essere credibile, un cantautore può esserlo meno”

Intervista completa: http://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2017/08/03/news/roberto_vecchioni-172098394/

Da quando il maestro di chitarra disse alla madre “suo figlio non capirà mai nulla di musica” alla nascita di ‘Luci a San Siro’, da “quella volta che mi sono buttato nel Naviglio” alle notti in osteria con Guccini e Dalla. E poi l’amicizia con Alda Merini (“mi chiamava alle tre del mattino”), la politica, i segreti dietro le canzoni e la verità sull’arresto nel 1979.

  • In Parabola c’è già Luci a San Siro.
    “Che però è più vecchia ancora. È addirittura del ’68. L’ho scritta la prima settimana di militare. Era una canzone per la vita e prevedevo persino il mio futuro (ride, ndr): ‘Mi venderò, farò schifo…'”.

Roberto Vecchioni – Luci a San Siro (Live@RSI 1984)

  • C’è uno spezzone di lei, su Internet, insieme a Guccini e Dalla che cantate Porta Romana, mentre siete al tavolo in un’osteria bolognese…
    “Non vorrei essere nostalgico”.

Porta Romana (Dalla – Guccini – Vecchioni)

  • Quello che volevo dirle è che mi hanno colpito molti dei commenti sotto il video, che erano di giovani, e che dicevano: “Che tempi! Adesso una cosa così non sarebbe più possibile. Avrei voluto vivere allora…”.
    “Pensi che già nei primi anni Settanta Guccini cantava: ‘Sono ancora aperte come un tempo le osterie di fuori porta/ ma la gente che ci andava a bere fuori e dentro/ è tutta morta’, quindi già allora c’era qualcosa che non andava, che incominciava a perdersi……….

Roberto Vecchioni – Figlia (Live)  – Umbria Green Festival – 23 Settembre 2016

  • Forse manca una tensione alla politica come idea di cambiare il mondo, anche se questo può portare a delusioni. Mi viene in mente il testo di Velasquez, che considero una delle sue canzoni più intense: “Fino a quando inventeremo/ un nido di rose ai piedi dell’arcobaleno/ e tante stelle, tante nelle notti chiare/ per questo mondo, questo mondo da cambiare”.
    “Quella canzone non significa quello che sembra all’inizio: io che combatto perché credo nelle lotte della sinistra. Al contrario, è un uomo di sinistra che dice ‘io non ce la faccio a essere un eroe: Velasquez è bravissimo, coerente, puro, io invece devo tornare indietro da mia moglie, dalla mia famiglia’. È una confessione di incapacità che andava controcorrente negli anni Settanta, in cui tutti si sentivano eroi rivoluzionari: è una cosa umana, umanissima. Amo molto quella canzone. L’abbiamo fatta con tanti arrangiamenti diversi ma il più bello è quello iniziale, preso da Cortez the Killer di Neil Young”.

    Sono pienamente d’accordo. Gliela chiedono?
    “È una delle più richieste, proprio dai più giovani tra l’altro, ragazzi di vent’anni”

Velasquez – Roberto Vecchioni

  • “O Alda Merini. Alda, Alda… Alda mi telefonava spesso alle tre, alle quattro di notte per sfogarsi, per raccontarmi dei suoi amori e poi mi diceva: ‘Senti qua!’ e mi suonava Luci a San Siro. Malissimo, naturalmente. E io: ‘Brava Alda!’: mentivo spudoratamente”.

Roberto Vecchioni – Ho Conosciuto Il Dolore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...