Archivi del giorno: 2 agosto 2017

50 anni di Pink Floyd


articolo: http://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2017/03/11/news/pink_floyd_arnold_layne-160150781/

Nel marzo del 1967 la band pubblicava il suo primo singolo. Il produttore Joe Boyd racconta l’epopea psichedelica guidata dal geniale chitarrista: “Era lui l’improvvisatore e l’ispiratore”

Cinquant’anni di Pink Floyd, da dove partire? Roger Waters lo fa così:  “Syd e io ci siamo incontrati a Oxford in una classe d’arte del collegio Homerton. Avevo 8 anni e lui sei. A sedici anni abbiamo cominciato a suonare la chitarra insieme e dopo un po’ ci siamo avvicinati alla letteratura americana del periodo, Sulla Strada di Kerouac e i poeti beat come Corso e Ginsberg”. Con queste parole quasi 15 anni fa il bassista raccontava alla rivista Mojo la genesi dei Pink Floyd.

Pink Floyd – Arnold Layne – rare promo clip 1967

Pink Floyd “Run Like Hell” Venecia 15 Julio 1989

Last Pink Floyd Reunion – Live 8 2005 

Bologna 02 agosto 1980 la strage alla stazione ferroviaria


Risultati immagini per 02 agosto 1980strage stazione di Bologna

« I terroristi hanno commesso un solo errore: compiere la strage a Bologna. »
(Lidia Secci, madre di una delle vittime.)

Risultati immagini per 02 agosto 1980strage stazione di Bologna

La strage di Bologna, compiuta la mattina di sabato 2 agosto  1980  alla  stazione ferroviaria di Bologna, è il più grave atto terroristico avvenuto in  Italia nel secondo dopoguerra, da molti indicato come uno degli ultimi atti della strategia della tensione.

articolo: http://www.ilrestodelcarlino.it/bologna/cronaca/2-agosto-1.3306165

Bologna, 1 agosto 2017 – “Il 2 agosto ricorderemo, come sempre da 37 anni, la strage alla stazione e con noi in piazza ci sarà anche l’autobus 37 che quel giorno trasportò le vittime”. Lo annuncia il sindaco di Bologna,Virginio Merola, alla vigilia delle cerimonie in ricordo del 37esimo anniversario della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980.

Il 2 agosto 1980, alle ore 10.25, 

Risultati immagini per 02 agosto 1980strage stazione di Bologna

Nell’attentato rimasero uccise 85 persone e oltre 200 rimasero ferite

Risultati immagini per 02 agosto 1980strage stazione di Bologna

Le vittime furono 85, la più giovane di 3 anni (Angela Fresu) e la più vecchia di 86 anni (Antonio Montanari). Qui sotto un elenco dei nomi, seguiti dall’età.

  • Antonella Ceci, 19
  • Angela Marino, 23
  • Leo Luca Marino, 24
  • Domenica Marino, 26
  • Errica Frigerio, 57
  • Vito Diomede Fresa, 62
  • Cesare Francesco Diomede Fresa, 14
  • Anna Maria Bosio, 28
  • Carlo Mauri, 32
  • Luca Mauri, 6
  • Eckhardt Mader, 14
  • Margret Rohrs, 39
  • Kai Mader, 8
  • Sonia Burri, 7
  • Patrizia Messineo, 18
  • Silvana Serravalli, 34
  • Manuela Gallon, 11
  • Natalia Agostini, 40
  • Marina Antonella Trolese, 16
  • Anna Maria Salvagnini, 51
  • Roberto De Marchi, 21
  • Elisabetta Manea, 60
  • Eleonora Geraci, 46
  • Vittorio Vaccaro, 24
  • Velia Carli, 50
  • Salvatore Lauro, 57
  • Paolo Zecchi, 23
  • Viviana Bugamelli, 23
  • Catherine Helen Mitchell, 22
  • John Andrew Kolpinski, 22
  • Angela Fresu, 3
  • Maria Fresu, 24
  • Loredana Molina, 44
  • Angelica Tarsi, 72
  • Katia Bertasi, 34
  • Mirella Fornasari, 36
  • Euridia Bergianti, 49
  • Nilla Natali, 25
  • Franca Dall’Olio, 20
  • Rita Verde, 23
  • Flavia Casadei, 18
  • Giuseppe Patruno, 18
  • Rossella Marceddu, 19
  • Davide Caprioli, 20
  • Vito Ales, 20
  • Iwao Sekiguchi, 20
  • Brigitte Drouhard, 21
  • Roberto Procelli, 21
  • Mauro Alganon, 22
  • Maria Angela Marangon, 22
  • Verdiana Bivona, 22
  • Francisco Gómez Martínez, 23
  • Mauro Di Vittorio, 24
  • Sergio Secci, 24
  • Roberto Gaiola, 25
  • Angelo Priore, 26
  • Onofrio Zappalà, 27
  • Pio Carmine Remollino, 31
  • Gaetano Roda, 31
  • Antonino Di Paola, 32
  • Mirco Castellaro, 33
  • Nazzareno Basso, 33
  • Vincenzo Petteni, 34
  • Salvatore Seminara, 34
  • Carla Gozzi, 36
  • Umberto Lugli, 38
  • Fausto Venturi, 38
  • Argeo Bonora, 42
  • Francesco Betti, 44
  • Mario Sica, 44
  • Pier Francesco Laurenti, 44
  • Paolino Bianchi, 50
  • Vincenzina Sala, 50
  • Berta Ebner, 50
  • Vincenzo Lanconelli, 51
  • Lina Ferretti, 53
  • Romeo Ruozi, 54
  • Amorveno Marzagalli, 54
  • Antonio Francesco Lascala, 56
  • Rosina Barbaro, 58
  • Irene Breton, 61
  • Pietro Galassi, 66
  • Lidia Olla, 67
  • Maria Idria Avati, 80
  • Antonio Montanari, 86

agg. Morte di Denis Bergamini


Morte di Denis Bergamini, il movente va cercato nel calcioscommesse

Immagine correlata

Donato Bergamini, detto Denis (Argenta, 18 settembre 1962 – Roseto Capo Spulico, 18 novembre 1989), è stato un calciatore italiano, di ruolo centrocampista. Il 18 novembre 1989 viene trovato morto sulla strada statale 106 Jonica nei pressi di Roseto Capo Spulico in provincia di Cosenza.

https://it.wikipedia.org/wiki/Donato_Bergamini

L’11 luglio 2017, dai primi risultati dell’autopsia eseguita sui resti del corpo di Bergamini, risulta che il calciatore non si sarebbe suicidato gettandosi sotto un camion, come invece ha sempre sostenuto la sua ex fidanzata. Si tratta di una importante novità. Lo squarcio sul corpo del giovane calciatore risulta aperto sulla pancia e non sulla schiena, il che dimostrerebbe che, contrariamente a quanto evidenziato dalle fotografie effettuate subito dopo l’incidente, Denis Bergamini fosse coricato supino e non prono. I medici legali incaricati di effettuare l’autopsia del corpo del calciatore hanno quattro mesi per depositare le   loro risposte. Sono in corso anche altri accertamenti dei RIS sulla Maserati di Bergamini.

«Morte di Denis Bergamini, il movente va cercato nel calcioscommesse»

             articolo completo:   http://www.corriere.it/sport/17_agosto_01/morte-denis-bergamini-movente-va-cercato-calcioscommesse-tutti-misteri-bugie-storia-6b6c2ae4-76e6-11e7-891a-91d906aac00b.shtml

1 agosto 2017 – A 28 anni di distanza dalla tragica morte di Donato Bergamini, il centrocampista del Cosenza che la Procura di Castrovillari ritiene essere stato ucciso in concorso e con l’aggravante della crudeltà, anzi tortura, il muro di gomma comincia a sgretolarsi. Dopo gli avvisi di garanzia alla fidanzata dell’epoca Isabella Internò e al camionista Raffaele Pisano e la riesumazione dei resti di Denis del 10 luglio scorso, emergono i primi riscontri agghiaccianti su movente e modalità dell’omicidio, e sui 28 anni di depistaggio che ne sono seguiti.

Gli investigatori sostengono, aiutati da alcuni super testimoni mai sentiti in anni di omissioni che sia da escludere la pista passionale. Emergerebbe, secondo quanto fonti della procura hanno affermato a RaiSport, un vero sistema di partite oggetto di un vasto meccanismo illecito finalizzato al calcioscommesse che gli inquirenti ritengono gestito in campo da un gruppo del Cosenza di quegli anni, con la benedizione in qualche modo di clan dominanti.

articolo completohttp://www.corriere.it/sport/17_agosto_01/morte-denis-bergamini-movente-va-cercato-calcioscommesse-tutti-misteri-bugie-storia-6b6c2ae4-76e6-11e7-891a-91d906aac00b.shtml