Archivi categoria: CRONACA

Ubriaco scappa a controllo, patente ritirata a Defrel


articolo: https://genova.repubblica.it/cronaca/2019/03/11/news/defrel_si_schianta_in_auto_illeso_ma_patente_ritirata-221237420/?ref=RHPPBT-BH-I0-C4-P15-S1.4-T1

Notte ‘brava’ con schianto in auto e patente ritirata per l’attaccante della Sampdoria Grégoire Defrel. Secondo quanto ricostruito, il calciatore è scappato a un controllo della polizia stradale a Genova ma nella fuga si è schiantato contro alcune macchine parcheggiate in corso Europa, nel levante cittadino. Nell’impatto Defrel non ha riportato ferite, ma gli uomini della polizia municipale gli hanno ritirato la patente dopo averlo trovato con un tasso alcolico superiore ai limiti di legge. Gli agenti gli hanno anche contestato l’omesso controllo del veicolo.

Sider Alloys: operaio su traliccio


 © ANSA

Protesta per ammortizzatori sociali e mancato riavvio fabbrica

articolo: http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2019/03/11/sider-alloys-operaio-su-traliccio_a6e2190e-d5d1-4e18-a1df-440d8ee271bf.html

Per oltre due ore un lavoratore ex Alcoa è rimasto a 20 metri di altezza su un traliccio dell’energia elettrica davanti ai cancelli dello stabilimento della Sider Alloys (ex Alcoa) di Portovesme. La protesta è arrivata in concomitanza con l’assemblea di un gruppo di lavoratori – riuniti nel movimento ex lavoratori Alcoa – che si sono ritrovati proprio davanti alla fabbrica per fare il punto sulla vertenza e ‘per mantenere alta l’attenzione’ sugli ammortizzatori sociali e del riavvio della produzione.

L’operaio ha concluso la protesta dopo essere stato più volte invitato dagli stessi colleghi a desistere. Sul posto hanno operato i carabinieri, la Polizia e i vigili del fuoco. Venerdì scorso i problemi legati agli ammortizzatori sociali bloccati, ai ritardi nella ristrutturazione dell’impianto per l’alluminio e alla mancata definizione di un accordo sulla tariffa energetica, che tutti insieme ritardano il riavvio dello stabilimento ex Alcoa di Portovesme, ora di proprietà di Sider Alloys, sono stati affrontati in un incontro tra i sindacati e la prefetta di Cagliari Romilda Tafuri. Le stesse organizzazioni sindacali hanno già annunciato che nel caso in cui la situazione non dovesse migliorare i lavoratori sono pronti alla mobilitazione.

Fukushima, otto anni fa la catastrofe


Il disastro di Fukushima Dai-ichi  è una serie di incidenti, incluse quattro distinte esplosioni, avvenuti nella centrale nucleare omonima situata presso  Naraha nella Prefettura di Fukushima, in Giappone, a seguito del terremoto e maremoto del Tōhoku dell’11 marzo 2011.

Risultati immagini per disastro di Fukushima Dai-ichi

articolo: http://www.ansa.it/sito/photogallery/primopiano/2019/03/11/fukushima-otto-anni-fa-la-catastrofe_8d34b01b-5ebd-43d8-99c2-672cda1e0188.html

Il Giappone si ferma a commemorare l’ottavo anniversario dalla catastrofe di Fukushima, quello che è conosciuto come il triplice disastro: il sisma di magnitudo 9 che ha generato il successivo tsunami, e l’incidente alla centrale nucleare con il propagarsi delle radiazioni.

Alle 14:46 in punto, un minuto di silenzio è stato osservato al Teatro nazionale di Tokyo, l’esatto orario in cui il terremoto si è verificato l’11 marzo 2011, così come lungo i litorali della costa del Tohoku, nel Giappone nord orientale, devastate dall’onda anomala.

11 marzo 2011 – terremoto e maremoto del Tōhoku 

articolo: https://www.diregiovani.it/2018/03/11/22750-fukushima-disastro-terremoto-tohoku-tsunami-giappone.dg/

11 marzo 2011. Sono trascorsi 7 anni dal terremoto del Tohoku.
Il mostruoso tsunami, il disastro di Fukushima. Una reazione a catena letale che ha sconvolto il mondo e lasciato il Giappone in un incubo nucleare dal quale ancora non si è liberato.

Alle 14:46 ora locale (05:46 UTC), un terremoto di magnitudo 9.0 ha colpito al largo della costa orientale del Giappone. 
L’epicentro fu a 130 chilometri ad est di Sendai, e 373 km a nord est di Tokyo ad una profondità di 30 km.
Tuttora è il più potente terremoto mai misurato in Giappone e il settimo a livello mondiale.

DISASTRO DI FUKUSHIMA DAI-ICHI

Il disastro di Fukushima Dai-chi è una serie di incidenti che si sono verificati nei giorni successivi il terremoto e lo tsunami, portando alla fusione dei noccioli dei reattori 1, 2 e 3 della centrale.

Lo tsunami causò  un guasto del sistema di raffreddamento della centrale, che ha portato a un meltdown nucleare di livello 7 – lo stesso di Chernobyl – e il rilascio di materiali radioattivi nucleari. 
Gli incidenti nucleari vengono classificati su una scala a sette livelli, dal meno grave (0) a quello peggiore (7).

Nuovi agg.: Spento il rogo di rifiuti in una azienda alla periferia di Perugia


Agg. :Spento il rogo di rifiuti in una azienda alla periferia di Perugia

articolo: http://www.ansa.it/umbria/notizie/2019/03/10/vasto-incendio-e-colonna-fumo-a-perugia_4baf7b37-6fb4-42a1-b10d-55322dfbb029.html

Perugia, 11 marzo 2019 – Spento nella notte l’incendio che ieri pomeriggio ha interessato il materiale ammassato in un’azienda di recupero rifiuti nella zona industriale di Ponte San Giovanni, alla periferia di Perugia. I vigili del fuoco hanno lavorato a lungo con diversi uomini e mezzi. Proseguono anche le indagini sulle cause del rogo in collaborazione con i carabinieri del Noe e gli accertamenti dell’Arpa. Si è intanto dissolta la nube di fumo sulla zona provocata dall’incendio. Il Comune ha comunque disposto per oggi la chiusura “a titolo precauzionale” delle scuole nel raggio di tre chilometri dal punto dell’incendio.


Brucia azienda per il recupero dei rifiuti a Perugia, il Comune: “Restate a casa

articolo: https://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/umbria/brucia-azienda-per-il-recupero-dei-rifiuti-a-perugia-il-comune-restate-a-casa-_3196192-201902a.shtml

Perugia, 10 marzo 2019 – n vasto incendio è divampato alla periferia di Perugia nel capannone di un’azienda specializzata nel recupero di rifiuti. Un’alta colonna di fumo nero si è alzata nel cielo e può essere vista da gran parte della città. I vigili del fuoco sono intervenuti con cinque autobotti e 24 uomini. L’Arpa si è attivata per i controlli ambientali, insieme con la Protezione civile. Il Comune ai cittadini: “Non state all’aperto e tenete chiuse le finestre”. continua a leggere

10849940_10152930175558033_1925531863741082866_n.jpgComune di Perugia

6 h · 
AVVISO ALLA CITTADINANZA 
In merito all’incendio di Ponte San Giovanni si comunica che i Vigili del Fuoco sono ancora impegnati nello spegnimento dei roghi.
Si è in attesa delle valutazioni dei tecnici di Arpa e Usl impegnati nel monitoraggio dell’aria. La Protezione Civile del Comune di Perugia ricorda di rimanere in casa con le finestre chiuse ed evitare di spostarsi dove è attivo il fumo. Un nuovo aggiornamento verrà diramato verso le ore 22.00. 
Ansa Umbria Umbria24 PerugiaToday Umbria Journal TGR RAI Umbria Umbria Radio InBlu Radio Subasio Umbria – La Nazione TuttOggiumbriaOn CityJournal.it La Notizia Quotidiana Umbria TV Corriere dell’Umbria Ilmessaggero.it

10849940_10152930175558033_1925531863741082866_n.jpgComune di Perugia 
4 h · 
AVVISO ALLA CITTADINANZA 
Incendio Ponte San Giovanni #Perugia 
E’ stata predisposta le chiusura, a titolo precauzionale, delle scuole nel raggio di tre chilometri dall’incendio per la giornata di domani:
– ICPG13 Casaglia via dei Narcisi Primaria Handersen 
– ICPG13 Casaglia via dei Lilla Infanzia Giustiniano degli Azzi Vitelleschi 
– ICPG12 Balanzano Strada del Piano Infanzia Fantasia 
– ICPG12 Borgo Rete Balanzano Strada Tiberina sud 2/A/6 Nido Anatrocolo – Primaria Tei 
– ICPG12 – CPA1PG Ponte San Giovanni Via Cestellini Uffici I.C. Perugia 12 Sec. I Gr Volumnio – Sec Gr Cpia 1 Perugia 
– ICPG12 Ponte San Giovanni Via Cestellini Infanzia Margherite 
– COMPG Ponte Sna Giovanni Vi della Scuola Infanzia Peter Pan – Asilo Nido Arcobaleno 
– ICPG12 Ponte San Giovanni via Giacanelli Primaria Mazzini 
– ICPG12 Ponte San Giovanni via Pieve di Campo Infanzia e Primaria La Fonte 
– ICPG09 Montebello Strada Tuderte Infanzia Montebello 
– ICPG09 Montebello Strada Tuderte Primaria Tofi 
– ITTS Volta Perugia, IPSIA Piscille 
Il provvedimento interessa anche le scuole private presenti nel raggio di 3 km.
Ansa Umbria PerugiaToday Umbria24 TGR RAI Umbria Corriere dell’UmbriaCityJournal.it umbriaOn TuttOggi Umbria – La Nazione Ilmessaggero.itUmbria Journal Umbria Radio InBlu Radio Subasio TGR RAI Umbria.

53513183_10157168460408033_8721376564240973824_o.png

 

Incendio azienda rifiuti Biondi – Perugia 10/03/2019

 

Feste in maschera, laboratori, concerti e mercatini: Milano festeggia il Carnevale


Feste in maschera, laboratori, concerti e mercatini: Milano festeggia il Carnevale

articolo: https://milano.repubblica.it/tempo-libero/feste-fiere-sagre-e-mercati/evento/feste_in_maschera_laboratori_concerti_e_mercatini_milano_festeggia_il_carnevale-194064.html

Tra feste in maschera, spettacoli di giocoleria, laboratori per bambini, concerti e mercatini, sono moltissime le iniziative organizzate in città per il Carnevale Ambrosiano.

PER I BAMBINI – I più piccoli hanno solo l’imbarazzo della scelta: per chi ama il circo e gli spettacoli di giocoleria, ci sono gli show proposti dal ricco calendario del Milano Clown Festival e anche alla Cascina Merlata, dov’è in scena la Piccola Scuola di Circo.

Per FESTE – A TEATRO – AL MUSEO – FIERE E MERCATINI continua a leggere

Carnevale a Milano (da Instagram/Visit_Milano)

manifesto Milano Clown Festival 2019

Un particolare del manifesto del Milano Clown Festival 2019

Maschere, coriandoli e stelle filanti: in piazza Duomo è l’ultimo giorno del Carnevale Ambrosiano

Maschere, coriandoli e stelle filanti: in piazza Duomo è l'ultimo giorno del Carnevale Ambrosiano

Maschere, coriandoli e stelle filanti: in piazza Duomo è l'ultimo giorno del Carnevale Ambrosiano

Maschere, coriandoli e stelle filanti: in piazza Duomo è l'ultimo giorno del Carnevale Ambrosiano

Maschere, coriandoli e stelle filanti: in piazza Duomo è l'ultimo giorno del Carnevale Ambrosiano

Maschere, coriandoli e stelle filanti: in piazza Duomo è l'ultimo giorno del Carnevale Ambrosiano

Maschere, coriandoli e stelle filanti: in piazza Duomo è l'ultimo giorno del Carnevale Ambrosiano

 

 

Allo stadio di San Siro senza auto per partite e concerti:


Allo stadio di San Siro senza auto per partite e concerti: nasce l’isola pedonale, si entrerà solo su prenotazione

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2019/03/09/news/san_siro_stadio_milano_isola_pedonale-221086601/

Si sblocca il piano per circondare una vasta area intorno allo stadio con 17 telecamere: l’ingresso si prenoterà solo online, pass illimitati per residenti e altre categorie.

Allo stadio di San Siro senza auto per partite e concerti: nasce l'isola pedonale, si entrerà solo su prenotazione

Allo stadio in metrò. Con l’accesso ai motori consentito soltanto agli automobilisti che avranno prenotato online un parcheggio. La rivoluzione della mobilità attorno a San Siro, adesso, è pronta a passare dalle carte di un progetto che aleggia almeno da cinque anni ai cantieri che dovranno montare a guardia di un’area ampia un anello di diciassette telecamere. Altrettanti varchi elettronici che si accenderanno solo prima di una partita o di un concerto sostituendo i vigili in carne e ossa che, già ora, tentano di presidiare le strade allentando l’assedio delle auto. Perché è questo, spiega l’assessore Marco Granelli, l’obiettivo di una nuova Zona a traffico limitato che, “entro la metà del 2020” , partirà: “Evitare l’assalto e, continuando a mantenere lo stesso livello di eventi, tutelare i residenti“.

l percorso è partito dal Municipio 7 – poi toccherà all’8 – dove l’assessore alla Mobilità ha spiegato il progetto. In queste settimane inizieranno anche gli incontri con i gestori dei parcheggi privati vicini allo stadio: 1.876 posti, oltre ai 212 spazi riservati ai bus e ad altri 283 gestiti da Atm. Perché tutto il sistema, in fondo, ruoterà attorno a una piattaforma informatica che servirà a prenotare in anticipo la sosta. Solo così, acquistando il ticket e associandolo al numero di targa, si potrà entrare nella zona rossa di San Siro. contiua a leggere

8 marzo, sciopero delle faccende domestiche. E in piazza a Milano cucinano gli uomini


articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2019/03/08/news/8_marzo_sciopero_lavoro_domestico_donne-220946415/

Niente lavatrici, niente manicaretti, niente pulizie di casa. E nemmeno niente lavoro in ufficio. Braccia incrociate, e ci pensino gli altri. Per una volta almeno. In occasione dell’8 marzo a Milano è stato indetto uno sciopero femminista, con una punta di garbata ironia, e l’invito a interrompere per un giorno ogni lavoro domestico, ogni attività lavorativa profesisonale, ma anche quelle di cura, formale o informale, gratuita o retribuita. La chiamata viene dal cartello  “Non Una di Meno” ed è rivolto alle donne e al mondo Lgbt come risposta a tutte le forme di violenza di genere. continua a leggere

Risultati immagini per 8 marzo, sciopero delle faccende domestiche. E in piazza a Milano cucinano gli uomini

La manifestazione dell’8 marzo 2019 

È un 8 marzo di lotta per reclamare diritti, uno “sciopero generale femminista” quello che vede le tante piazze italiane, ma anche in altri 60 Paesi, …

Risultati immagini per 8 marzo, sciopero delle faccende domestiche. E in piazza a Milano cucinano gli uomini