Archivi del giorno: 15 febbraio 2020

Simone Cristicchi ” ESODO”


L'immagine può contenere: 1 persona, barba, occhiali, testo e primo piano

Continua il tour “ESODO” nei teatri di tutta Italia, il racconto appassionato e commovente, tra canzoni e immagini, di una pagina strappata dal grande libro delle Storia di e con Simone Cristicchi.
A ROMA – nella sua città dal 25 Febbraio al 8 Marzo 🎫 i Biglietti sono in vendita http://bit.ly/35nBo9W

Altre date imminenti:

15/2 Morciano di Romagna (RN) 🎫 SOLDOUT
16/2 Lavis (TN) 🎫 SOLDOUT
17/2 Trevi (PG) 🎫 SOLDOUT E’ aperta la lista d’attesa
18/2 Spello (PG) 🎫 SOLDOUT E’ aperta la lista d’attesa
19/2 Casale Monferrato (AL) 🎫 ⚠️ bassa http://bit.ly/3bBtCh1
20/2 Ciriè (TO) 🎫 SOLDOUT
21/2 Mondovì (CN) 🎫 SOLDOUT
22/2 Verbania (VB) 🎫 SOLDOUT
23/2 Vigonza (PD) 🎫 SOLDOUT E’ aperta la lista d’attesa
25/2-8/3 ROMA 🎫  Media http://bit.ly/35nBo9W
10/3 Riva Del Garda 🎫  Alta http://bit.ly/2ZV1rnZ
11/3 Ala (TN) 🎫 ⚠️ bassa http://bit.ly/2SXN6pz
12/3 Asola (MN) 🎫 n.p. in aggiornamento
13/3 Polcenigo (PN) 🎫 n.p. in aggiornamento
14/3 Udine (ex Colugna di Tavagnacco) 🎫 SOLDOUT
15/3 Laterina (AR) ^ inizio vendita il 20 febbraio ^
21/3 Porto Viro (RO) 🎫 SOLDOUT
2/5 Forni di Sopra (Ud) 🎫 n.p. in aggiornamento

TOUR #ESODO2020 > http://bit.ly/2SIeN5z
#simonecristicchiteatro
#simonecristicchi

Loris Azzaro, arbitro 25enne, muore in un incidente stradale:


Loris Azzaro, arbitro 25enne, muore in un incidente stradale: nel week end arbitri col lutto al braccio

articolo: https://www.corriere.it/sport/20_febbraio_15/loris-azzaro-arbitro-25enne-muore-un-incidente-stradale-week-end-arbitri-col-lutto-braccio-d5891218-4fea-11ea-a036-d715f3c65007.shtml?fbclid=IwAR22fLVa40bqVxRPgWPrp6X8X_1jxPPVHxcs9vVs_bcRNhG8U-gltTwnlBY

Figlio d’arte e agente di polizia, il giovane di Aosta era sulla via dell’aeroporto di Torino, da dove sarebbe partito per dirigere domenica una partita del campionato di Eccellenza in Basilicata

È morto sabato mattina sull’autostrada Aosta-Torino Loris Azzaro, 25enne arbitro e allievo di polizia. Il giovane, che si stava recando all’aeroporto di Torino perché domenica avrebbe dovuto dirigere una partita del campionato di Eccellenza in Basilicata, era alla guida di una Jeep Renegade che ha urtato il guardrail. Nell’incidente, avvenuto intorno alle 6 all’altezza di Volpiano, sono rimasti coinvolti altri due mezzi: i conducenti hanno riportato ferite non gravi. Azzaro era figlio del comandante della stazione carabinieri di Aosta, frequentava la scuola per agenti di polizia ad Alessandria e, da promettente arbitro, la scorsa estate era stato promosso a livello nazionale. continua a leggere

Incidente sulla Torino-Aosta: muore il giovane arbitro Loris Azzaro

Incidente sulla Torino-Aosta: muore il giovane arbitro  Loris Azzaro

Si sente male in campo, muore dopo 20 giorni …..


Si sente male in campo, muore dopo 20 giorni il calciatore Mirko Pelizzer

articolo: https://corrieredelveneto.corriere.it/padova/cronaca/20_febbraio_15/si-sente-male-campo-muore-20-giorni-calciatore-mirko-pellizzer-afe538ba-4fc3-11ea-b606-6665aa4292dc.shtml?fbclid=IwAR3qfRcYiGfI_DtArjuHtHsf__fjREDzd2wknsy8kr-iICQcdwF_gkEiKeg

VICENZA – La sua era la stanza più colorata dell’ospedale San Bortolo: maglie, foto, dediche e perfino il pallone da calcio che tanto amava. Una magra consolazione rispetto alla tenera età che portava sulle spalle, ma anche un aiuto prezioso nei momenti terribili che erano cascati addosso come macigni negli ultimi venti giorni di ricovero a lui e alla famiglia. Mirko Pelizzer, calciatore della «Telemar San Paolo Ariston», è morto venerdì pomeriggio all’ospedale San Bortolo di Vicenza. Domenica aveva compiuto 26 anni immerso nell’affetto dei genitori, Manuela ed Eliseo, dei fratelli, Luca e Stefano, degli amici e dei compagni di squadra che non l’hanno mai abbandonato. «Ho male alla testa, ho male». Era cominciato così il calvario del giovane durante l’allenamento serale di venerdì 24 gennaio sul campo da calcio di via Gagliardotti a Vicenza. Un dolore insistente che alla fine l’aveva fatto stramazzare al suolo, svenuto. Non si era trattato di arresto cardiaco e non c’era stato bisogno di usare il defibrillatore. Il problema era appunto alla testa, come confermato dai medici che avrebbero riferito poi di un angioma congenito. Mirko era stato sottoposto a Tac e operato d’urgenza alla testa nel reparto di Neurochirurgia fino a notte fonda. Le condizioni dell’operaio metalmeccanico di Gazzo Padovano, amante del calcio, erano apparse subito gravi ma stabili. L’intervento era stato molto delicato e i primi test effettuati dai medici nei giorni successivi non avevano dato gli esiti sperati. continua a leggere

Uefa, stangata al Manchester City: fuori dalle coppe europee per due anni


articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/champions/2020/02/14/news/uefa_manchester_city_squalificato_due_anni_fair_play_finanziario-248612006/?ref=RHPPLF-BS-I248611613-C8-P2-S1.8-T1

MANCHESTER – Durissima squalifica per il Manchester City. L’Uefa ha stabilito che il club inglese non potrà partecipare ad alcuna competizione europea per i prossimi due anni a causa della violazione del fair play finanziario. Niente Champions League dunque per le stagioni 2020/2021 e 2021/2022. Non solo: i Citizens dovranno anche pagare una maxi multa di 30 milioni di euro.

Sponsorizzazioni illecite – 

Il City avrebbe gonfiato nel 2014 le cifre di entrata dei ricchi contratti di sponsorizzazione (attraverso la compagnia aerea Eithad) ed è stato così dichiarato colpevole dal Club Financial Control Body (CFCB). In particolare, secondo i dati di Football Leaks, lo sceicco Mansour bin Zayed Al Nahyan avrebbe versato la cifra di 68 milioni di sterline “spacciandola” per sponsor quando in realtà 60 di quei 68 milioni provenivano dall’Abu Dhabi United Group, sempre di sua proprietà. Il FFP, introdotto nel 2011, vieta però che i proprietari possano coprire le perdite attraverso sponsorizzazioni derivanti dalle proprie aziende. Il club inglese ha già annunciato che farà ricorso al Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS) di Losanna. Dovesse però essere confermato lo stop, aumenterebbero le già concrete possibilità di divorzio con Pep Guardiola. E la Juve resta alla finestra. continua a leggere