Archivi del giorno: 20 giugno 2017

Cardiff: Juve, cosa è successo nello spogliatoio?????


“Schiaffi” e battibecchi, ecco cosa è successo nello spogliatoio della Juve durante l’intervallo a Cardiff

Cos’è successo nell’ intervallo/fine partita nello spogliatoio a Cardiff??

Fonte e articolo su: http://www.lastampa.it/2017/06/20/sport/calcio/qui-juve/schiaffi-e-battibecchi-ecco-cosa-successo-nello-spogliatoio-della-juve-durante-lintervallo-a-cardiff-obK4yRf3VGAPplbANq9ZqM/pagina.html

Ecco, allora, cos’è successo nell’intervallo della finale di Champions, e un po’ anche alla fine, nello spogliatoio di Cardiff. Da tempo s’aggiravano leggende metropolitane sul web, ricostruzioni parziali, smentite, come quella dell’ad Beppe Marotta, la scorsa settimana: «Io c’ero, e si è trattato solo di qualche discussione tattica». Per dirla come lui, «bugie bianche»: di quelle dette a fin di bene. 

IL “GIALLO” ARGENTINO  – S’inizia con il «giallo» a di Dybala: ovvero, l’ammonizione che l’attaccante prende contro il Real Madrid dopo appena 12 minuti e che, basta guardare il resto della partita, un po’ lo condiziona. Del resto, all’esordio con l’Argentina, Dybala era stato espulso nel primo tempo, per colpa di due gialli: chiamala se vuoi, psicosi. Dev’essere stata pure la sensazione di Bonucci che, tornato negli spogliatoi, glielo fa notare, a muso duro. In sintesi: Paulo, da quel momento in poi hai tirato la gamba indietro, hai smesso di giocare. Sveglia! Con aggiunta di un buffetto, nella versione buonista di alcuni, di uno schiaffo, in quella più ruvida di altri. Tutte persone presenti, alla scena. Il fine è la vittoria, i modi spicci. Dani Alves, anche alla fine, lo consolerà. E chissà se già in quel momento gli verrà in mente il consiglio poi riferito in mondovisione, alla tv brasiliana: «Dybala è un grande, ma per migliorare, un giorno, dovrà andare via dalla Juve». Anche se poi, nel frattempo, via da Torino ci vuole andare il brasiliano, che ha chiesto (e quasi ottenuto) la risoluzione del contratto. Un addio gratis, come era arrivato.

LEO CONTRO BARZA  – Alto temperamento si registra anche tra Bonucci e Barzagli, due uniti dalla Bbc e da un ottimo rapporto, anche fuori dal campo. Ma, si sa, sul momento prevale la trance agonistica. Bonucci fa notare che Marcelo, sulla destra, ha fatto male alla Juve, e non lo dice a voce bassa: anzi. Risposta di Barzagli, uno che non s’arrabbia (quasi) mai, ma quando succede, non prende scorciatoie. Difatti, risposta al vetriolo, della serie, chi la fa l’aspetti: caro Leo, se tu avessi messo il piede sul rasoterra di Cristiano Ronaldo, non avremmo preso gol. 1-1 e palla al centro. Peccato che poi, la finale, sia finita 4-1 per il Real. Ma non certo per il confronto, anche ruvido, negli spogliatoi. Al quale, due settimane più tardi, nessuno pensa più. 

Dani Alves gela i tifosi: “Dybala deve andare via dalla Juve per migliorare”

Prime conseguenze…..

L'immagine può contenere: 2 persone, occhiali_da_sole, occhiali e sMS

Caso Alvarez, Tas di Losanna, Sunderland/Inter


Caso Alvarez, il Tas dà ragione all’Inter: i 10,5 milioni sono già a bilancio

Fonte e articolo:  http://www.calcioefinanza.it/2017/06/19/inter-caso-alvarez-soldi-bilancio/

Il caso Alvarez sembra ormai giunto alla conclusione. Il Tas di Losanna si è infatti espresso in favore dell’Inter e ora il Sunderland dovrà pagare ai nerazzurri 10,5 milioni di euro in quattro tranche per Ricky Alvarez.

Risultati immagini per alvarez

Ricky Alvarez con la maglia del Sunderland

Tutto è nato nell’estate 2014, quando il trequartista argentino (oggi alla Sampdoria) viene ceduto dai nerazzurri al club inglese in prestito con diritto di riscatto obbligatorio in caso di salvezza per una cifra di circa 10,5 milioni di euro. Soldi che però l’Inter, nonostante alla fine della stagione i black cats avessero raggiunto l’obiettivo, non ha mai ricevuto, in quanto il Sunderland si è rifiutato di riscattare il giocatore, accusando i nerazzurri di aver ceduto ugiocatore che aveva necessità di un intervento al ginocchio.

Dal giugno 2015, così, la vicenda è passata ai tribunali: l’Inter si è infatti rivolta alla Fifa, che aveva dato ragione al club nerazzurro, nonostante questo la questione è arrivata fino al Tas. Che, è notizia degli ultimi giorni, ha definitivamente imposto alla società inglese di versare i 10,5 milioni di euro all’Inter.

Soldi che, comunque, l’Inter aveva già inserito nel proprio bilancio. Nell’esercizio 2015 infatti il club milanese aveva contabilizzato la plusvalenza derivante dalla cessione (pari a circa 7,4 milioni di euro), allo stesso tempo però accantonando prudenzialmente la cifra di 10,5 milioni per l’eventuale rischio la Fifa non desse ragione alla società.

inter caso alvarez soldi bilancio

Risultati immagini per alvarez

Ricky Alvarez oggi, con la maglia della Sampdoria