Archivi del giorno: 16 agosto 2019

Chelsea, insulti razzisti ad Abraham; si infuria anche Lampard: “Disgustati”


download.jpg

Chelsea, insulti razzisti ad Abraham; si infuria anche Lampard: “Disgustati”

articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/esteri/2019/08/16/news/chelsea_insulti_razzisti_ad_abraham_si_infuria_anche_lampard_disgustati_-233741577/?ref=RHPPBT-VS-I195585581-C6-P17-S3.2-T1

LONDRA – Condanna del Chelsea riguardo gli insulti razzisti arrivati sui social contro Tammy Abraham, il 21enne attaccante inglese che è stato preso di mira dopo aver sbagliato il rigore contro il Liverpool che è costato la Supercoppa Europea. E il club londinese non ha usato giri di parole definendo “ripugnanti” i commenti offensivi piovuti sulla stellina del Chelsea, uno dei giovani talenti a cui Lampard si è affidato avendo il mercato in entrata bloccato dalla Fifa fino all’estate 2020.

Chelsea “disgustato” – “Siamo disgustati – la posizione in una nota del club – Il Chelsea trova inaccettabile qualsiasi forma di discriminazione e adotterà le misure più forti possibili”. Del resto i Blues già in passato hanno bandito da Stamford Bridge un tifoso che aveva rivolto insulti razzisti a Sterling durante una partita col City nel dicembre scorso.

Lampard: “Sono davvero arrabbiato” – Anche il manager Frank Lampard, in conferenza stampa, si è detto “disgustato” per gli insulti razzisti ad Abraham. “Bisogna fare qualcosa, sono davvero arrabbiato, per Tammy e per la società che fa tanto contro la discriminazione a tutti i livelli. Abraham? Ovviamente è più che dispiaciuto, chi non lo sarebbe? Non so come vengano permesse certe cose. Ma Tammy ha un carattere forte, ho parlato con lui, vuole fare davvero bene per il Chelsea“. continua a leggere

Respinto il ricorso della Rai, Champions in chiaro su Mediaset


Respinto il ricorso della Rai, Champions in chiaro su Mediaset

articolo: https://www.repubblica.it/sport/calcio/2019/08/16/news/ricorso_rai_champions_respinto_partite_chiaro_su_mediaset-233741615/?ref=RHPPBT-VS-I195585581-C6-P17-S1.6-T1

Respinto per la seconda volta il ricorso della Rai, la partita in chiaro di Champions, nei prossimi due anni, sarà su Mediaset (esattamente il mercoledì sera su Canale 5, telecronista Pierluigi Pardo) che mercoledì ha già trasmesso la Supercoppa europea con buoni ascolti. Lo scontro Rai-Sky si è concluso così con la sentenza del tribunale di appello di Milano che ha anche condannato la tv pubblica alle spese (15000 a Mediaset e 10000 a Sky). Una brutta botta per la Rai.

Mediaset ha alzato la posta, 5 milioni in più rispetto a quando aveva pagato la Rai (40 milioni) la scorsa stagione a Sky. La tv pubblica invece non aveva voluto rilanciare, un errore: con 5 milioni in più si sarebbe assicurato un prodotto che aveva fatto ottimi ascolti, 16 prime serate su Rai 1, con oltre il 20 per cento di media per la partita (soprattutto con le italiane) e ascolti ottimi anche per il Magazine Champions che era stato condotto da Paola Ferrari e Alberto Rimedio. La Rai aveva sbagliato nel contratto con Sky, quella clausola messa dalla precedente gestione si era rivelata un boomerang perché erano cambiati i termini dell’accordo (non avendo più Sky l’esclusiva della serie A ora che è arrivata Dazn) e Sky quindi aveva potuto trattare con Mediaset, nei mesi scorsi, visto che i rapporti fra le due emittenti sono molto stretti. La Rai ha esercitato l’opzione il 25 gennaio, il 30 Sky ha replicato di non ritenerla efficace, il 5 aprile è stato depositato il ricorso d’urgenza dalla Rai. Ora la sentenza definitiva del tribunale d’appello di Milano dopo che il ricorso ex 700 della tv pubblica era già stato respinto in primo grado. Un ricorso molto fragile.

È morto Felice Gimondi:


avarie-754185.610x431.jpg

È morto Felice Gimondi: malore mentre faceva il bagno a Giardini Naxos

articolo: https://www.repubblica.it/sport/ciclismo/2019/08/16/news/e_morto_felice_gimondi-233760286/

Felice Gimondi è morto per un malore mentre faceva il bagno nelle acque di Giardini Naxos. L’ex grande campione del ciclismo italiano avrebbe compiuto 77 anni il prossimo 26 settembre. La notizia è stata confermata dai carabinieri. Inutili i tentativi di rianimarlo da parte di alcuni bagnanti e dei medici del 118.

“Una tristezza enorme. C’è rammarico, delusione, un pianto nel cuore. Ho seguito tutta la sua carriera da dirigente, l’ho sempre ammirato e apprezzato”, ha detto il presidente della Federciclismo Renato Di Rocco, commentando la notizia. “L’oro al mondiale di Barcellona nel 1973 è il ricordo più bello e poi è stato uno dei pochissimi ad aver vinto tutti e tre i grandi giri. La rivalità con Merckx? Ma erano anche amici, e lo erano ancora adesso. Si rispettavano sia in bici che da ex corridori. Felice era una persona che stava bene con tutti ed era apprezzato da tutti”, ha concluso il numero uno della Federciclismo.

“Ricordo Felice Gimondi, la sua maglia gialla, i grandi successi di un mito italiano”, ha scritto su twitter l’ex premier Paolo Gentiloni.

Felice Gimondi: la leggenda di un uomo semplice