Lavoro


Mercatone Uno, ancora un fallimento: 1.800 lavoratori fuori dai negozi

Risultati immagini per mercatone uno

articolo: https://www.repubblica.it/economia/miojob/lavoro/2019/05/25/news/mercatone_uno_fallimento_1800_lavoratori-227151656/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P2-S1.8-T1

Punti vendita chiusi nottetempo, la rabbia dei sindacati: “E’ una vergogna, vogliamo risposte dal Mise”. Cinquantacinque i negozi interessati

MILANO – Fallimento scoperto via Facebook, negozi chiusi all’improvviso e 1.800 lavoratori sconvolti. La Filcams-Cgil di Reggio Emilia ha fatto sapere che Shernon Holding, la società che gestiva punti vendita di Mercatone Uno, è stata dichiarata fallita.

Secondo la ricostruzione data dal sindacato, i lavoratori sono giunti a conoscenza del fallimento attraverso il passaparola sul social network, soltanto nella notte: “Non c’è stata nessuna comunicazione ufficiale da parte dell’azienda”, ha spiegato Luca Chierici, segretario della Filcams di Reggio Emilia. In una nota congiunta con Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, i sindacati hanno poi fatto sapere che “questa notte si è appreso che il tribunale di Milano ha dichiarato il fallimento della società e i direttori hanno comunicato ai lavoratori il divieto di accedere ai locali aziendali”. Risultato: saracinesche chiuse, nessuno ha potuto raggiungere il suo posto. “C’è un problema serio anche con la clientela – ha aggiunto Chierici – molta gente si è presentata stamattina nei punti vendita per ritirare merce sulla quale aveva già versato degli acconti nei giorni scorsi per migliaia di euro”. continua a leggere


Operai scendono da campanile, protesta finita

articolo: http://www.ansa.it/campania/notizie/2019/04/23/operai-su-campanile-protesta-continua_fd31a27c-588e-4956-ae6d-fb80ec6c8703.html

I due licenziati dello stabilimento Fca di Pomigliano d’Arco sono scesi dal campanile della chiesa del Carmine di Napoli dopo quattro giorni di protesta contro le modalità di accesso al reddito di cittadinanza per una fascia di lavoratori che hanno perso il lavoro. I due, Mimmo Mignano e Marco Cusano, hanno lasciato le impalcature dell’edificio sacro dopo le rassicurazioni giunte dal presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, che ha annunciato la prossima emissione di un decreto per l’Isee precompilato. “La nostra iniziativa – hanno detto – non è stata inutile e la questione dell’esclusione dal reddito di cittadinanza di molti operai che hanno perso il lavoro si è riaperta. Per questi motivi ribadendo la necessità di estendere e sviluppare la lotta di tutti gli operai licenziati e disoccupati, abbiamo deciso di scendere dal campanile”.


Licenziati dalla Fca di Pomigliano salgono su un campanile a Napoli

aticolo: http://www.ansa.it/campania/notizie/2019/04/20/licenziati-su-campanile-chiesa-a-napoli_f56c6d8a-3325-462a-8500-6d103072baa2.html

Due operai, licenziati dalla Fca di Pomigliano d’Arco (Napoli) dopo un’eclatante manifestazione di protesta all’esterno dello stabilimento, sono per protesta sul campanile della Chiesa del Carmine, in piazza Mercato a Napoli, dove hanno esposto un grande striscione con la scritta ‘Reddito di cittadinanza per licenziati non c’è’.

Altri operai, tra i quali i licenziati della ditta ‘Bruscino Ambiente spa’, sono scesi in piazza a sostenere la contestazione dei due occupanti. Il campanile scelto per inscenare la protesta è tra i più alti di Napoli ed è visibile anche dal centro cittadino. “Passeremo qui la Pasqua”, ha detto al telefono all’Ansa Mimmo Mignano, uno degli operai saliti sulla torre. “Abbiamo iniziato uno sciopero della fame e non lasceremo la torre fino a quando non ci saranno risposte concrete alla nostra vertenza”, ha spiegato. continua a leggere


Seconda notte sul tetto per i facchini della Gls

articolo: http://www.ansa.it/emiliaromagna/notizie/2019/04/18/seconda-notte-sul-tetto-per-facchini-gls_0a93a00f-f7ba-4060-8c40-e00828bbf37e.html

CONTINUA LA MANIFESTAZIONE CONTRO I LICENZIAMENTI A PIACENZA

 © ANSA

 

Piacenza, 18 aprile 2019 – Seconda notte di protesta per i lavoratori licenziati della Gls di Piacenza che da due giorni sono accampati sul tetto della sede dell’azienda di logistica e trasporti. Ieri sera alcuni militanti del sindacato autonomo Usb hanno fatto avere, dopo il nulla osta della polizia che presidia la zona, viveri, acqua e medicinali ai manifestanti. Si è registrato anche qualche momento di tensione con l’arrivo dei vigili del fuoco e del 118 per un manifestante che pareva fosse caduto, ma alla fine l’allarme è rientrato, e gli stessi facchini hanno chiesto ai soccorritori di allontanarsi dicendo: “Se salite, ci buttiamo. O lavoriamo o moriamo”. I manifestanti, che hanno intenzione di proseguire a oltranza, chiedono un confronto con la Prefettura di Piacenza e con l’azienda per parlare dei licenziamenti. Intanto in mattinata è prevista una conferenza stampa sul posto indetta da Aboubakar Soumahoro, dirigente sindacale Usb.


Bergamo, reintegrato dal giudice e licenziato di nuovo

articolo: https://www.ilgiorno.it/bergamo/cronaca/operaio-reintegrato-e-licenziato-1.4549342

Terno d’Isola (Bergamo), 19 aprile 2019 – Reintegrato dal tribunale, è tornato in azienda ma è stato licenziato per la seconda volta. Non sembra esserci una soluzione per un operaio saldatore, dipedente dal 1992 della Fbm Hudson spa di Terno d’Isola da anni delegato sindacale della Fiom-Cgil.

Licenziato nel 2018, il mese scorso è stato reintegrato dal tribunale di Bergamo, ma lunedì è stato licenziato per la seconda volta. L’8 aprile per l’operaio avrebbe dovuto essere il giorno tanto atteso della ripresa del lavoro e invece a mezzogiorno è stato convocato dall’azienda che gli ha consegnato la lettera di contestazioneper fatti che risalgono a oltre un anno fa, quando ha avuto inizio la vicenda, per una saldatura realizzata “non a regola d’arte”, come ha sottolineato la Fiom-Cgil di Bergamo in un comunicato. continua a leggere