Morti Bianche 2022


Morti Bianche 2022


Gennaio 2022


——————–°°°——————–

Incidente sul lavoro, muore operaio della Silca di Busano

articolo di Floriana Rullo: https://torino.corriere.it/cronaca/22_gennaio_22/incidente-lavoro-muore-operaio-silca-busano-e797e49e-7b70-11ec-830f-a689bbf9b7cc.shtml?refresh_ce

La vittima dell’incidente è Vincenzo Antonio Pignone, classe ‘63, residente a Rivarolo Canavese. Stava lavorando alla sabbiatrice della storica azienda di stampaggio

Busano (Torino), 23 gennaio 2022

Tragedia sul lavoro questa mattina a Busano, in Canavese. Un operaio è morto alla Silca, un’azienda meccanica, con sede in via Rivara. La vittima è Vincenzo Antonio Pignone, classe 1963, residente a Rivarolo Canavese.

L’incidente mortale verso le 9.30. Pignone stava lavorando da solo a una sabbiatrice.

All’improvviso i suoi compagni hanno sentito gridare e, dopo essere accorsi, l’hanno trovato agonizzante. Immediatamente sono stati chiamati i soccorsi, ma non c’è stato niente da fare. Sul posto è arrivato il medico legale. Intervenuti anche i vigili del fuoco di Ivrea e per i primi soccorsi i medici del 118 ma per Vincenzo non c’è stato nulla da fare.

È la prima vittima sul lavoro dall’inizio dell’anno in Piemonte.

——————–°°°——————–

Lecco, morto 19enne colpito da un tronco mentre taglia la legna

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2022/01/22/news/lecco_morto_19enne_colpito_da_un_tronco_mentre_taglia_la_legna-334882011/

E’ accaduto nei boschi di Sirone, in località La Berta

Dolzago (Lecco), 22 gennaio 2022

Un giovane di 19 anni, Thomas Tavola, giardiniere di professione, di Colle Brianza (Lecco), ha perso la vita oggi, travolto da un albero mentre stava tagliando legna in un bosco su un terreno di proprietà della famiglia.
L’incidente è avvenuto nel pomeriggio in un bosco in territorio di Dolzago, al confine con Sirone. Per cause ora in corso d’accertamento da parte dei carabinieri, il giovane è stato travolto dalla pianta, subendo traumi gravissimi.

E’ stato dato l’allarme e sul posto sono intervenute unità di pronto soccorso e dei Vigili del fuoco, ma per il diciannovenne non c’è stato nulla da fare. Sull’accaduto è stato aperto un preliminare d’inchiesta.

——————–°°°——————–

Pomezia, cade in un capannone e muore. L’operaio (64 anni) lavorava senza misure di sicurezza

articolo di Rinaldo Frignani: https://roma.corriere.it/notizie/cronaca/22_gennaio_22/pomezia-incidente-mortale-lavoro-operaio-precipita-vuoto-19367718-7b6c-11ec-830f-a689bbf9b7cc.shtml?fbclid=IwAR1RNZQei24bJKt3Ck2w9H-aZ1zloAlCl6A9dgZcGLoHv6N-S9tomvG6sFs

La vittima si chiamava Salvatore Mongiardo, era di Catanzaro ma viveva a Tor Bella Monaca. Accertamenti dei carabinieri sulla cella frigorifera dalla quale è precipitato venerdì pomeriggio nel capannone di una tipografia a Santa Procula

Pomezia (Roma), 22 gennaio 2022

Lavorava senza misure di sicurezza. Era salito in cima alla cella frigorifera da cinque metri senza essere agganciato a qualcosa che ne impedisse la caduta. A 64 anni Salvatore Mongiardo, operaio metalmeccanico di Catanzaro, ma residente a Tor Bella Monaca, operava in questo modo per conto di una nota ditta di impianti di surgelamento.

Un subappalto, come hanno scoperto i carabinieri, all’interno di un capannone industriale di una società tipografica di Pomezia. Venerdì pomeriggio, mentre stava stendendo alcuni cavi elettrici proprio nella parte superiore del maxi contenitore, Mongiardo ha perso l’equilibrio per cause in corso di accertamento ed è precipitato nel piazzale morendo sul colpo.

——————–°°°——————–

Udine, muore sul lavoro a 18 anni: era il suo ultimo giorno di stage

articolo di Alessandro Fulloni: https://www.corriere.it/cronache/22_gennaio_21/lauzacco-ultimo-giorno-stage-scuola-muore-schiacciato-18-anni-aa94fb68-7ada-11ec-bb07-072210d17db2.shtml

L’incidente nel pomeriggio in un’azienda di Lauzacco: lo studente, Lorenzo Parelli, era al suo ultimo giorno di stage in un progetto di Alternanza Scuola-Lavoro. Una putrella gli è caduta addosso

Lauzacco (Udine), 21 gennaio 2022

Uno studente di 18 anni, Lorenzo Parelli, è morto in un incidente sul lavoro che si è verificato questo pomeriggio (venerdì) in un’azienda di Lauzacco (Udine). Il ragazzo era al suo ultimo giorno di stage in un progetto di Alternanza Scuola-Lavoro. Durante un intervento di carpenteria metallica in un’azienda meccanica, la Burimec, una putrella gli è caduta addosso, uccidendolo. Una «morte bianca» che va ad aggiungersi alle circa 1.000 del 2021. Anziani e giovani, donne e uomini, mogli e mariti, madri e padri. Nomi come quello della povera Luana D’Oraziol’operaia morta lo scorso anno risucchiata in un orditoio e per la quale proprio in questi giorni l’Inail ha calcolato il valore dell’indennizzo: 166 mila euro.

La vittima dell’incidente di oggi— un ragazzo diventato maggiorenne a fine novembre e iscritto al centro di formazione professionale del Bearzi, l’istituto dei salesiani a Udine stava frequentando un progetto di PCTO (Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento, la vecchia Alternanza Scuola-Lavoro) in forza di una convenzione tra l’istituto superiore e l’azienda meccanica che si occupa di realizzare bilance stradali. L’incidente sarebbe avvenuto mentre il ragazzo era alle prese con il montaggio di un macchinario. A un tratto la putrella si è staccata, centrando il diciottenne. Un impatto violentissimo, che non gli ha lasciato scampo, avvenuto davanti agli occhi di chi, fino a pochi istanti prima, gli stava insegnando il mestiere. continua a leggere

——————–°°°——————–

Al 18 gennaio 2022 sono morti dall’inizio dell’anno 38 lavoratori, 18 di questi sui luoghi di lavoro

articolo dal Blog: https://cadutisullavoro.blogspot.com/2022/01/

Report morti sul lavoro nell’intero 2021

Nel 2021 sono morti 1404 lavoratori per infortuni sul lavoro, di questi 695 sui luoghi di lavoro, con un aumento del 18% sui luoghi di lavoro rispetto all’anno 2020, ma l’anno scorso c’è stato il fermo covid (nel nostro monitoraggio non ci sono i lavoratori morti per infortuni da covid). 

https://cadutisullavoro.blogspot.com

Aperto il 1° gennaio 2008 da Carlo Soricelli per non dimenticare i sette operai della ThyssenKrupp di Torino morti poche settimane prima. I morti sui luoghi di lavoro sono da 14 anni tutti registrati in apposite tabelle excel con data della morte, provincia e regione della tragedia, identità della vittima, età, professione, nazionalità e cenni sull’infortunio mortale.  Dal 1° gennaio 2008 anno di apertura dell’Osservatorio sono morti oltre 20000 lavoratori per infortuni

——————–°°°——————–

Precipita giù dal ponte con l’autoarticolato e muore: aveva 39 anni, il drammatico incidente sul Gargano

articolo: https://www.foggiatoday.it/cronaca/incidente-stradale/gargano-statale-693-carpino-morto-ferdinando-palladino.html

L’incidente stradale è avvenuto all’altezza di Carpino questa mattina 14 gennaio 2022 sulla Statale 693 ‘Dei Laghi di Lesina e di Varano’. Per il conducente del mezzo, un 39enne di Foggia, non c’è stato nulla da fare

Carpino (Foggia), 14 gennaio 2022

Si chiamava Ferdinando Palladino e avrebbe compiuto 40 anni il mese prossimo, la vittima del drammatico incidente stradale avvenuto questa mattina sulla Statale 693 ‘Dei Laghi di Lesina e di Varano’ sul Gargano, all’altezza del km 43,100, nel tratto di strada che collega Carpino a Cagnano Varano, a poche decine di metri dall’ingresso di una galleria.

Per cause ancora in corso d’accertamento da parte degli inquirenti, l’autoarticolato carico di prodotti sul quale viaggiava la vittima, è finito giù da un ponte dopo aver abbattuto il guardrail e la recinzione installata a protezione della carreggiata. Violentissimo l’impatto dopo un volo di alcuni metri. Per Ferdinando – che lascia una moglie e tre figli – non c’è stato nulla da fare: è morto sul colpo. Drammatiche le immagini

Sul posto sono intervenuti gli operai di Anas, i sanitari del 118 e i militari dell’Arma per i rilievi e per la gestione della viabilità. Sono stati registrati rallentamenti al traffico, deviato momentaneamente sulla Statale 89 e sulla sp 50. Dall’ultimo aggiornamento Anas delle 19.16, la strada, inizialmente chiusa dal km 40,300 al km 45,900, è stata riaperta.

Si tratta del secondo incidente mortale in meno di 24 ore sulle strade della provincia di Foggia. Nella giornata di ieri ha perso la vita un giovane padre di vent’anni, nel tratto di strada che collega San Severo ad Apricena (leggi l’approfondimento).

——————–°°°——————–

Morto per aver prestato aiuto ad un camionista in panne

articolo: https://www.tg24.info/aggiornamento-frosinone-morto-per-aver-prestato-aiuto-ad-un-camionista-in-panne/

Si chiamava Cristian Marchesini aveva 38 anni ed era di Supino il meccanico che questa mattina è deceduto in un tragico incidente sul lavoro.

Frosinone, 14 gennaio 2022

Dalle ultime informazioni raccolte sembra che l’uomo fosse accorso in aiuto ad un camionista che aveva forato una gomma al suo mezzo pesante. E proprio mentre stava cambiando lo pneumatico il crick ha ceduto e l’uomo è rimasto schiacciato dal camion che trasportava bottiglie di acqua minerale.

Indagini a tutto campo da parte dei poliziotti della Stradale agli ordini del comandante Stefano Macarra per ricostruire la dinamica dell’incidente.

——————–°°°——————–

Tragedia nelle campagne di Tarsia: si ribalta il trattore, muore un 40enne

articolo Scritto da M.G. : https://www.quicosenza.it/news/provincia/438412-tragedia-nelle-campagne-di-tarsia-si-ribalta-il-trattore-muore-un-40enne

Tarsia (cosenza) 14 gennaio 2022

Stava lavorando in un terreno in località Acqua Cerasa, nelle campagne del comune di Tarsia, quando per cause in corso di accertamento, il mezzo agricolo che stava guidando si è improvvisamente ribaltato. L’uomo, Cosimo Azzinnari, di 40 anni, è morto a seguito di una rovinosa caduta e nonostante l’arrivo del 118 e dell’elisoccorso atterrato a poca distanza dall’incidente, non c’è stato nulla da fare. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della locale stazione per gli accertamenti del caso mentre il magistrato di turno, presso la Procura di Castrovillari, ha disposto la restituzione della salma ai familiari. L’uomo, conosciuto da tutti come persona buona, educata e grande lavoratore, lascia moglie e figli.

——————–°°°——————–

Besana Brianza, muore operaio di 50 anni schiacciato da un escavatore: secondo caso in due giorni

articolo di Redazione Milano: https://milano.corriere.it/notizie/lombardia/22_gennaio_11/besana-brianza-schiacciato-un-escavatore-ribaltato-operaio-muore-50-anni-f5ed50c6-72f4-11ec-8681-038bda9fc923.shtml?fbclid=IwAR2qOmdRukCjmu5eRudLCMbBE1FtzJizdS2ZGDAXvi2Fyr3GdynnPUG7kIM

È successo all’interno di un cantiere stradale in via della Fontana. Lunedì la morte di Luigi Rinaldi, 63 anni, travolto da una benna e ucciso a Novate Milanese

Besana Brianza (Monza), 11 gennaio 2022

Schiacciato dal peso di un escavatore all’interno di un cantiere edile. Questa la prima ricostruzione di un incidente mortale sul lavoro costato la vita a un operaio 50enne, brianzolo di Casatenovo (Lecco), iscritto al sindacato, deceduto martedì 11 gennaio in un cantiere di Besana Brianza, in provincia di Monza. L’allarme verso le 15.30 del pomeriggio. Sul posto, informa l’Areu, sono intervenuti l’elisoccorso, l’ambulanza, i vigili del fuoco, la polizia locale e una pattuglia dei carabinieri. L’uomo sarebbe stato travolto da un macchinario utilizzato per movimentare il terreno , un escavatore, che si è ribaltato schiacciandolo e uccidendolo sul colpo. continua a leggere

——————–°°°——————–

Incidenti sul lavoro, schiacciato da cassaforte di 300 chili a Milano: in codice rosso in ospedale

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2022/01/11/news/incidenti_sul_lavoro_schiacciato_da_cassaforte_di_300_chili_a_milano_in_codice_rosso_in_ospedale-333424540/

L’uomo, un 47enne, era impegnato nei lavori di ristrutturazione della filiale Ubi banca di via Padova

Milano, 11 gennaio 2022

Poco prima delle 11 di questa mattina, presso la sede milanese di Ubi Banca di via Padova 175, un operaio sarebbe rimasto schiacciato da un armadio cassaforte di circa 300 chili durante dei lavori di ristrutturazione.

L’uomo, un 47enne, avrebbe subito traumi ad addome, braccia e bacino, e secondo quanto riporta Areu è stato trasportato in codice rosso all’ospedale di Niguarda. Sono intervenute sul posto l’ambulanza, l’automedica, e le forze dei carabinieri.

——————–°°°——————–

Incidenti sul lavoro, si stacca benna dall’escavatore: muore operaio di 63 anni a Novate

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2022/01/10/news/incidenti_sul_lavoro_novate_milanese_si_stacca_benna_escavatore_operaio-333322197/

Trasportato al Niguarda era già in gravissime condizioni. Un collega in ospedale per un malore

Novate (Milano),10 gennaio 2022 

E’ stato constatato poco dopo l’arrivo all’ospedale Niguarda di Milano il decesso dell’operaio di 63 anni (e non circa cinquanta come inizialmente riferito) schiacciato oggi pomeriggio dalla benna di un escavatore in un cantiere a Novate Milanese. Lavorava per la Pavimental in un cantiere per conto di Aspi.

L’uomo era già in arresto cardiaco e con un gravissimo trauma cranico all’arrivo del personale del 118 che lo ha trasportato al Niguarda tentando di rianimarlo. L’incidente è avvenuto poco dopo le 14,30 a Novate Milanese, in via Giuseppe Di Vittorio. Sul posto sono arrivati vigili del fuoco, carabinieri di Rho, agenti della polizia locale di Novate oltre ai soccorritori del 118. In ospedale è stato trasportato anche un collega di 64 anni che ha avuto un malore.

Pavimental, a nome di tutta la comunità dei lavoratori del Gruppo Autostrade per l’Italia, esprime il più profondo cordoglio – si legge nella nota – per la scomparsa del proprio operaio impiegato nelle attività di un cantiere per conto di ASPI nei pressi di Novate Milanese, esterno al sedime autostradale“. “L’intero Gruppo – si legge ancora nella nota – manifesta la più sentita vicinanza ai familiari del lavoratore e la massima disponibilità per ogni supporto concreto in questo momento di dolore. la Società di costruzioni ha già confermato la piena collaborazione alle autorità competenti per ogni informazione utile a una doverosa e rigorosa ricostruzione della dinamica dell’accaduto“.

——————–°°°——————–

Muore schiacciato dal trattore

articolo: https://www.rainews.it/tgr/molise/articoli/2022/01/mol-incidente-lavoro-mafalda-4da9ff9f-6283-49af-9264-94daf5537939.html

Incidente sul lavoro tra i comuni di Mafalda e San Felice del Molise

Mafalda/San Felice ( Campobasso) 09 gennaio 2022

È deceduto un uomo rimasto coinvolto ieri, nel tardo pomeriggio, in un infortunio agricolo tra i comuni di Mafalda e San Felice del Molise. 

La morte è stata certificata dal medico del 118, alla presenza dei carabinieri della stazione di Mafalda. Sul luogo anche i Vigili del Fuoco del distaccamento di Termoli che hanno messo in sicurezza il trattore ed evitato lo spargimento di benzina. 

Secondo le prime ricostruzioni la vittima aveva 39 anni e sarebbe stata schiacciata dal trattore che si è ribaltato.

——————–°°°——————–

Volo fatale in azienda: muore operaio 25enne trevigiano padre di due figli

articolo: Volo fatale in azienda: muore operaio 25enne trevigiano padre di due figli (ilgazzettino.it)

Tezze Sul Brenta (Vicenza) – 05 gennaio 2022

Infortunio mortale questa mattina, 5 gennaio, a Tezze sul Brenta. Vittima un operaio di 25 anni, sposato e padre di due figli, che stava lavorando in via Sole 27, alla Fen Impianti in zona industriale-artigianale di Belvedere di Tezze. L’operaio, secondo i primi accertamenti, sarebbe precipitato dall’alto verso le 10.30. La caduta gli sarebbe stata fatale: di lì a poco è spirato per un grave trauma cranico. A nulla sono valsi i tentativi di rianimarlo del personale medico del Suem 118. Sul posto carabinieri e Spisal. 

La vittima è Andrea Soligo, 25 anni, di Vedelago (Treviso). Lavorava per la Veneta Impianti di Riese Pio X. Marito e padre di due bimbi di 4 e 2 anni, Soligo era originario di Riese Pio X. Viveva a Vedelago con la moglie Giorgia, che aveva sposato nel 2019 e i due bimbi. Una famiglia felice. Fino a stamattina quando si è consumato il dramma. La morte di Andrea ha choccato l’intera comunità: «Una tragedia immensa che apre un nuovo anno dopo un 2021 che ha visto già moltissime vittime sul lavoro – afferma la sindaca Cristina Andretta -. Non ci sono parole: solo sgomento, cordoglio e dispiacere per la vittima, sua moglie, i figli piccolissimi e chi lo amava».

——————–°°°——————–

Varese, incidenti lavoro, 56enne cade da una scala da un’altezza di 3 metri: é grave

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2022/01/03/news/incidenti_lavoro_56enne_cade_da_un_altezza_di_3_metro_e_grave-332504715/

Il fatto é avvenuto questa mattina, attorno alle 9.30, a Vergiate (Va) presso l’azienda Leonardo Codice

Vergiate (Varese), 03 gennaio 2022

Un lavoratore di 56 anni é prepitato da un’altezza di 3 metri, mentre era su una scala, riportando un trauma cranico commotivo. L’uomo é stato portato in codice rosso all’ospedale di Varese. Il fatto é avvenuto questa mattina, attorno alle 9.30, a Vergiate (Va) presso l’azienda Leonardo Codice. Sul posto sono intervenuti: elisoccorso, automedica, ambulanza e carabinieri.


Morti sul lavoro nel 2021 al 31 dicembre

Nel 2021 sono morti 1404 lavoratori per infortuni sul lavoro, di questi 695 sui luoghi di lavoro, con un aumento del 18% sui luoghi di lavoro rispetto all’anno 2020, ma l’anno scorso c’è stato il fermo covid (nel nostro monitoraggio non ci sono i lavoratori morti per infortuni da covid). Rispetto al 2008 anno di apertura dell’Osservatorio l’aumento dei morti sui luoghi di lavoro è del 9%. In questi 14 anni non c’è stato nessun miglioramento, nonostante lo Stato attraverso i suoi Istituti ha speso miliardi di euro per la Sicurezza. INAIL dall’inizio dell’anno al 30 novembre ha ricevuto 1116 denunce per infortuni mortali (mancano i morti di dicembre), ma ricordiamo che molte categorie di lavoratori non sono assicurati a questo Istituto e quindi questi morti non vengono rilevati: poi ci sono i morti in nero. La situazione delle varie province e regioni, con relativi morti per infortuni sui Luoghi di lavoro escluso itinere la trovate qui sotto. Le categorie con più morti sul lavoro sono: L’Agricoltura che ha il 30,22% di tutti i morti sui luoghi di lavoro, di questi ben il 75% sono stati schiacciati dal trattore, 158 complessivi a morire in modo così orrendo, e l’età varia dai 14 agli 88 anni. Il 22% di tutti i morti sui Luoghi di Lavoro di tutte le categorie ha perso la vita schiacciato da questo mezzo. L’edilizia ha il 15% dei morti sul totale, di queste per la maggioranza sono provocate da cadute dall’alto, sono moltissimi i morti in nero in questa categoria, soprattutto nelle regioni del sud, ma non solo. Autotrasporto Rappresentano il 10,75 di tutti i morti sui luoghi di lavoro: in questa categoria sono inseriti tutti i lavoratori che guidano un mezzo sulle strade e autostrade (gli autotrasportatori morti sulle autostrade non sono inseriti nei morti delle province), i morti in questa categoria sono aumentati di molto; non sarà un caso che è aumentato in modo esponenziale il trasporto su gomma dovuti agli acquisti on line. Industria Rappresentano il 5,89% di tutti i morti sui luoghi di lavoro, sono relativamente molto pochi; in questa categoria abbiamo inserito le industrie di tutte le categorie (esclusa edilizia). I morti in questa categoria sono quasi tutti nelle piccole e piccolissime aziende dove non è presente il Sindacato o un responsabile della Sicurezza, Nelle medie e grandi aziende i morti sono quasi inesistenti, quei pochi sono tutti lavoratori che lavorano all’interno dell’azienda stessa ma che non sono dipendenti diretti, ma di aziende appaltatrici: le aziende e i sindacati devono accertarsi che questi lavoratori, che svolgono generalmente lavori pericolosi, svolgono il loro lavoro in sicurezza e siano tutelati come i dipendenti. In alcune grandi aziende emiliane i datori di lavoro hanno fatto accordi col sindacato per tutelare meglio questi lavoratori in appalto. Artigiani una miriade di lavoratori artigiani o di loro dipendenti perdono la vita lavorando, elencare i lavori che svolgevano questi morti per infortuni diventerebbe molto dispersivo per chi legge il report. Ricordiamoci anche di poliziotti, carabinieri e vigili del fuoco che hanno perso la vita lavorando: anche questi lavoratori non sono assicurati all’INAIL.  Età delle vittime È impressionante vedere che i morti sui Luoghi di Lavoro (escluso itinere) che hanno più di 61 anni sono oltre il 20% di tutti i morti sui luoghi di lavoro; i morti da questa età in su sono soprattutto in agricoltura, in edilizia e tra gli artigiani. Non si può far svolgere lavori pericolosi a lavoratori anziani. Ma ci sono anche molti giovani di vent’anni a morire sul lavoro, soprattutto precari, che hanno perso la vita quest’anno, non solo Luana D’Onofrio ma anche altre decine di giovani che svolgevano lavori pericolosi senza nessuna preparazione, e con il rischio di venir licenziati se avevano da ridire sui lavori pericolosi che dovevano svolgere. Nazionalità delle vittime rappresentano il 6,5% di tutti i morti sui luoghi di lavoro: c’è stato un netto calo delle morti tra gli stranieri rispetto agli anni precedenti, probabilmente a causa della pandemia. Gli anni precedenti al covid erano sempre intorno al 10%. Sono lavoratori marocchini, albanesi e romeni gli stranieri con più morti. Qui sotto i morti in ogni provincia e regioni italiane. Carlo Soricelli curatore dell’Osservatorio Nazionale morti sul lavoro