Archivi del giorno: 12 giugno 2014

Mondiali 2014 e non solo


Mondiale 2014

Si alza il sipario sui Campionati di Calcio in Brasile con uno show di mezz’ora che scalderà lo stadio di San Paolo prima del match inaugurale:

Brasile – Croazia 3 – 1

 Non dimentichiamo gli incidenti che ci sono stati questa mattina, il Brasile è scosso da proteste e manifestazioni per i soldi spesi per le strutture dei mondiali.

(ANSA) – ROMA, 10 GIU – Almeno sette organizzazioni contrarie ai Mondiali in Brasile manifesteranno giovedì a San Paolo, nel giorno d’apertura del torneo, sotto lo slogan “Il 12 giugno niente Coppa”. Un’altra manifestazione, intanto, è andata in scena stamani sulla spiaggia di Copacabana, a Rio de Janeiro, organizzata dalla onlus Rio de paz: su alcuni grandi palloni gonfiabili erano state tracciate delle croci rosse e la riproduzione di un casa di lamiera e cartone per ricordare le condizioni di vita nelle favelas.

Da sei giorni decine di migliaia di brasiliani stanno manifestando in diverse città del Brasile contro alcune politiche decise dalla presidente Dilma Rousseff. Nonostante non ci sia uniformità completa nelle ragioni delle proteste, ci sono almeno due critiche che accomunano la maggior parte dei manifestanti: il governo di Brasilia è accusato di avere aumentato del 7 per cento il costo dei trasporti pubblici, e di avere sostenuto troppe spese per l’organizzazione di due grandi eventi sportivi che si terranno nel paese nei prossimi 3 anni – i Mondiali 2014 e le Olimpiadi 2016 – sacrificando così gli investimenti in altri settori come la sanità e l’istruzione.

Corruzione, evasione fiscale e cattiva gestione del denaro pubblico
Le riforme strutturali, oltre a essere richieste in riferimento a piani industriali e di investimento nel settore pubblico, hanno riguardato anche una serie di inefficienze nella gestione del potere e degli affari da parte della classe politica del Brasile. Associated Press ha scritto che nel corso degli anni i brasiliani hanno imparato ad accettare come un costo inevitabile, almeno in parte, gli illeciti dell’amministrazione pubblica. Secondo la Federazione delle Industrie di São Paulo, il governo di Brasilia perde più di 47 miliardi di dollari ogni anno per l’evasione fiscale, per la cattiva gestione del denaro pubblico e per la diffusa corruzione nel settore pubblico.

004_Mondiali2014_CerimoniaApertura[1] 013_Mondiali2014_CerimoniaApertura[1] 029_Mondiali2014_CerimoniaApertura[1]